Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impiego dei biosimilari del Filgrastim, fattore di crescita granulocitario, in associazione alla chemioterapia per la mobilizzazione delle cellule staminali emopoietiche periferiche nel mieloma multiplo: confronto con il farmaco originator. Esperienza del Centro Trapianti di Piacenza.

Nella nostra esperienza ci siamo limitati a valutare e a confrontare unicamente la capacità mobilizzante e la qualità delle medesime cellule in fase di trapianto raccolte con l'impiego del biosimilare Zarzio e Neupogen per dare un taglio puramente biologico al confronto. Nonostante l'esiguità del campione a confronto, per omogeneità di pazienti e di trattamento possiamo concludere che vi è una sovrapponibilità dell'efficacia del biosimilare con il farmaco di riferimento con qualche vantaggio per il biosimilare in termini di cellule mobilizzate in associazione alla chemioterapia e nel raggiungimento del target di raccolta.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Negli ultimi quindici anni il numero di trapianti di cellule staminali autologhe (SCT) è progressivamente aumentato e la mobilizzazione di cellule staminali periferiche (PBSC) rappresenta il 99,9% delle procedure di autotrapianto (1) . Nonostante il grandissimo numero di procedure effettuate, esistono ancora diversi punti controversi riguardanti sia lo schema di mobilizzazione sia la strategia ottimale di raccolta, e l'evidenza scientifica che supporta tali pratiche consiste principalmente di studi di fase II e III e retrospettivi (2) . La prima dimostrazione di un effetto sinergico tra chemioterapia e fattori di crescita granulocitari risale al 1989 grazie allo studio italiano di Gianni et Al. (3, 4, 5) . Sia studi retrospettivi sia studi randomizzati prospettici hanno dimostrato la superiorità di G-CSF (Granulocyte Colony Stimulating Factor) rispetto a GM-CSF (Granulocyte Macrophage Colony Stimulating Factor), e che l'associazione di G- CSF + GM-CSF non è superiore al solo G-CSF (6, 7) . Studi retrospettivi e prospettici hanno anche dimostrato l'efficacia di diversi schemi posologici, da 5 a 32 µg/kg/ die; la dose di 5 µg/kg/die in singola somministrazione è risultata equivalente a 10 µg/kg/die in due somministrazioni nelle patologie oncoematologiche non mieloidi (8, 9, 10, 11, 12) . Filgrastim e Lenograstim, associati a chemioterapia, sono i due fattori di crescita standard per la mobilizzazione delle PBSC sia nei pazienti adulti sia pediatrici. Si tratta di farmaci di origine biologica e sono costituiti da proteine ottenute per mezzo di tecniche di DNA ricombinante, originate da linee cellulari geneticamente modificate che, una volta purificate, possono essere utilizzate per la somministrazione nell’uomo (13) . Questi farmaci, da alcuni anni, sono giunti alla scadenza di brevetto; questo ha consentito la nascita di copie di questi prodotti biotecnologici, prodotte e commercializzate da industrie farmaceutiche, secondo procedure e normative espresse da linee guida internazionali, e sono denominate “biosimilari”, cioè farmaci biologici simili, ma non identici, ai farmaci biologici originali brevettati, detti "originatori" (14, 15, 16) . 5

Tesi di Master

Autore: Pilade Cortellazzi Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 270 click dal 19/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.