Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli strumenti derivati: Le opzioni

Gli strumenti derivati, hanno assunto, negli ultimi decenni, un’importanza cruciale nel mondo dell’economia e della finanza. I volumi attualmente scambiati a livello globale di tali strumenti, più esattamente, il valore complessivo delle attività sottostanti i derivati, è impressionante e supera, di gran lunga, il PIL mondiale.
Questo lavoro approfondisce in maniera teorica una particolare tipologia di strumenti derivati: le opzioni. Queste sono negoziate soprattutto nei mercati fuori borsa (over-the counter), si distinguono dagli altri strumenti derivati nella definizione dei diritti del possessore, il quale non è obbligato ad acquistare/vendere il sottostante, ma può farlo (ha un diritto, cioè un’opzione) se esercitando l’opzione ne trae un’effettiva convenienza economica.
Le peculiarità e l’originalità di questo lavoro sono riscontrabili, in particolar modo, nella trattazione delle strategie operative mediante opzioni, ma anche, e soprattutto, nell’analisi del modello di Black e Scholes, per l’esaustività con cui questi temi sono stati approfonditi, specialmente dal punto di vista quantitativo-matematico.
Il modello di Black e Scholes e le sue formule risolutive rappresentano un caposaldo delle moderne tecniche di valutazione delle opzioni. Per cui, dopo aver introdotto alcuni importanti processi stocastici per i prezzi azionari, sono state illustrate le varie metodologie di derivazione dell’equazione differenziale di Black-Scholes-Merton e ne sono state discusse le proprietà.
In conclusione sono stati evidenziati i limiti e le critiche al modello di Black e Sholes, in base ai test empirici esposti in letteratura. Contestualmente è stato spiegato perché, nonostante i numerosi limiti e le assunzioni sottostanti che si rivelano spesso poco realistiche, questo modello è ancora oggi ampiamente utilizzato.

Keywords: Strumenti derivati, opzioni, strategie operative, metodi di valutazione delle opzioni, modello degli alberi binomiali, processi stocastici, modello di Black e Scholes.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Gli strumenti derivati: le opzioni Premessa li strumenti derivati, hanno assunto, negli ultimi decenni, un’importanza cru- ciale nel mondo dell’economia e della finanza. I volumi attualmente scam- biati a livello globale di tali strumenti, più esattamente, il valore complessivo delle attività sottostanti i derivati, è impressionante e supera, di gran lunga, il PIL mon- diale. In questa Tesi di Master di secondo livello in Risk Management si è scelto di stu- diare in modo approfondito una particolare tipologia di strumenti derivati: le opzioni. Particolare attenzione è stata rivolta alle strategie operative mediante opzioni ed alle principali metodologie di valutazione delle opzioni, sia nel discreto che nel continuo. Nel capitolo 1 saranno introdotti gli strumenti derivati e verranno illustrate le varie tipo- logie, le funzioni, i mercati di negoziazione e gli elementi distintivi di ognuno di essi. Nel capito 2 verranno presentate le varie tipologie di opzioni ed i grafici payoff. Il capitolo 3 tratterà alcune proprietà fondamentali delle opzioni e descriverà la relazio- ne esistente tra le opzioni call e put, introducendo la relazione put-call parity. Il capitolo 4 verterà sulle strategie operative mediante opzioni. Nei capitoli 5 e 6, verranno proposti dei metodi di valutazione delle opzioni, sia nel di- screto, con il metodo degli alberi binomiali, sia nel tempo continuo, con l’introduzione dei processi stocastici per i prezzi azionari e del modello di Black-Scholes-Merton. Infine, nel capitolo 7, sarà discussa la validità del modello di Black e Scholes, in base ad alcuni test empirici esposti in letteratura e saranno riportate le note conclusive. Si ringrazia il tutor e relatore, Prof. Luciano Favretti, per avermi seguito e supportato nella tesi di master, nel project work ed in tutto il percorso di studio. Si ringrazia, inol- tre, l’Università degli Studi Guglielmo Marconi per avermi dato la possibilità di seguire il Master in modalità online. Ho potuto così conciliare le mie esigenze di studio con quelle lavorative. Mi è stato possibile, infatti, seguire in modo assiduo il corso di Ma- ster, che ho trovato estremamente utile e interessante. Questo corso ha permesso di pro- fessionalizzarmi ulteriormente, ampliando ed approfondendo le mie conoscenze cultura- li e professionali. G

Tesi di Master

Autore: Enrico Di Berardino Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1263 click dal 07/10/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.