Skip to content

Il rapporto di lavoro nei gruppi imprenditoriali

Informazioni tesi

  Autore: Gionata Golo Cavallini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maria Teresa Carinci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 253

L'autore indaga le conseguenze derivanti dall'inserimento della prestazione lavorativa in quel particolare tipo di impresa a struttura complessa rappresentata dal gruppo imprenditoriale. Individuata nella dialettica tra pluralità giuridica e unitarietà economica e nella direzione unitaria i tratti caratteristici del gruppo, l'autore constata l'assenza, nell'ordinamento lavoristico, di una disciplina generale assimilabile, dal punto di vista sistematico, a quella di cui agli artt. 2497 e ss. c.c., che regola in termini generali i profili societari del fenomeno. L'autore si sofferma quindi sugli ormai numerosi frammenti lavoristici in materia di gruppi, i quali sono emblematici dell'approccio del legislatore del lavoro, che spazia dal favor verso tale forma organizzativa (art. 31 d.lgs. 276/03, art. 31 u.c. d.lgs., 81/08, art. 5.8 l. 68/99), all'intento antielusivo (art. 15.4-bis l. 223/91, art. 47.4 l. 428/90) ovvero antiabusivo (art. 8.4-bis l. 223/91, art. 4.12.c l. 92/12). Evidenziata la natura frammentaria di tali disposizioni, l'autore si sofferma sull'evoluzione giurisprudenziale in materia, che ha portato all'elaborazione di una vasta gamma di principi volti in particolare a determinare “chi sia” ovvero “quanto sia grande” il datore di lavoro nei gruppi. Individuazione del datore di lavoro e delimitazione dei perimetri aziendali rilevanti sono infatti le questioni preliminari su cui si innestano i concreti petita processuali (impugnative del licenziamento individuale o collettivo, reintegrazione, condanna al pagamento dei crediti in via solidale, declaratorie della continuità del rapporto a vari fini). Per fare chiarezza tra itinerari ricostruttivi e tendenze giurisprudenziali spesso disomogenei, l'autore isola tre distinti schemi di imputazione del rapporto di lavoro e delle responsabilità datoriali astrattamente applicabili e suscettibili di combinarsi variamente in relazione alla vicenda concreta: l'imputazione alternativa, l'imputazione complementare e l'imputazione cumulativa. Con la prima formula l'autore allude all'applicazione, nel campo dei gruppi, della regola aurea del diritto del lavoro che prescrive che il rapporto di lavoro sia imputato al soggetto che utilizza effettivamente la prestazione del lavoratore, da ritenersi tuttora vigente nonostante l'abrogazione della l. 1369/60. Con la seconda formula l'autore si riferisce all'ormai consolidata giurisprudenza in materia di unico centro d'imputazione la quale, in presenza di indici denotativi di una situazione di unicità d'impresa consente di combinare in una visione complessiva i diversi livelli del gruppo a svariati fini (sui quali il Jobs Act ha inciso significativamente) senza necessariamente sollevare questioni di titolarità del rapporto. Con l'ultima formula l'autore si riferisce alle recenti teorie della codatorialità, di origine dottrinale e quindi recepite a livello giurisprudenziale e legislativo, le quali vedono nell'imputazione cumulativa del rapporto di lavoro tout court a due soggetti una tecnica per contemperare rationes di tutela del lavoro subordinato ed esigenze di gestione flessibile del personale da parte delle imprese. L'autore distingue quindi tra la codatorialità rimediale e quella regolativa di cui al d.l. 76/13, per evidenziare come la seconda stenti ad affermarsi nel tessuto imprenditoriale italiano, vuoi per evidenti incertezze applicative, vuoi per la contestuale introduzione di una forma di distacco a presunzione assoluta d'interesse che si presenta come un perfetto equivalente funzionale della codatorialità. L'autore conclude quindi sottolineando come i tre schemi d'imputazione descritti possono essere visti come altrettante tecniche di tutela del lavoratore subordinato nei gruppi, idonee sia a fronteggiare alcune degenerazioni patologiche sia a determinare un adattamento delle discipline lavoristiche a fronte di genuine scelte organizzative, dal grande gruppo transnazionale alle piccole imprese collegate italiane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL RAPPORTO DI LA VORO NEI GRUPPI IMPRENDITORIALI - INTRODUZIONE 13 INTRODUZIONE Oggetto del presente lavoro è l'individuazione delle regole e dei principi che disciplinano il rapporto di lavoro subordinato nell'ambito dei gruppi imprenditoriali, ampiamente intesi come forma di organizzazione dell'impresa caratterizzata dalla presenza di una pluralità di soggetti giuridici esercenti un'attività unitaria sotto il profilo economico-strategico. La disarticolazione della figura del datore di lavoro rappresenta una delle sfide poste al diritto del lavoro dalle attuali tendenze dell’economia capitalistica, le quali paiono suscettibili di comprometterne la storica funzione di tutela del lavoratore. Il rischio, da molti avvertito, è che il mutamento delle strutture organizzative e produttive caratteristico del contesto dell’impresa-rete post-fordista consenta al vero interlocutore economico del rapporto di lavoro, l’effettiva controparte del lavoratore, di conseguire una sorta di immunità rispetto alle responsabilità tipiche del datore di lavoro e alle rivendicazioni – giudiziali, sindacali o anche solo informali – proposte dai lavoratori (come singoli o come collettività). Obiettivo dell’opera sarà dunque ricomporre, in una prospettiva sistematica, vari momenti di disciplina, di fonte legale e di creazione giurisprudenziale, volti a impedire che lo scarto tra unità di indirizzo economico-strategico e pluralità giuridico-formale si traduca, dal punto di vista del diritto del lavoro, nella deresponsabilizzazione di quegli attori economici che, pur sprovvisti della titolarità formale del contratto di lavoro, “utilizzino” il lavoratore (formula quanto mai vaga, suscettibile di diverse letture), determinando (direttamente o indirettamente) il contenuto o le modalità della prestazione lavorativa ovvero avvantaggiandosi delle relative utilità. A tal fine si delineeranno sommariamente, nel primo capitolo, le molteplici nozioni di “gruppo” presenti nell'esperienza giuridica italiana, a partire dalla (statica) nozione codicistica di “controllo”, evidenziando il rilievo decisivo attribuito dalla dottrina al concetto (dinamico) di “direzione unitaria”, da cui ha preso le mosse il legislatore del 2003 per introdurre un tanto atteso “diritto dei gruppi” nel corpo del codice, che nel disciplinare in termini generali il fenomeno ne ha consacrato definitivamente la piena legittimità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

distacco
gruppi di imprese
codatorialità
unico centro di imputazione
impresa di gruppo
somministrazione irregolare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi