Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le diversità culturalmente determinate percepite dall'operatore sanitario nell'incontro con la paziente straniera - Ricerca in un contesto ostetrico

L'evento migratorio è una realtà che ci circonda: nelle istituzioni, tra le strade, nei luoghi pubblici, i visi delle persone e il loro abiti cambiano di colore. La società nella quale viviamo si popola di nuovi cittadini che portano con sé parte della loro terra d'origine, della loro storia, delle loro idee, credenze e valori.
Queste diversità culturali possono rappresentare un valore ed un arricchimento, uno stimolo a conoscere l'altro e riconoscere se stessi: ciò che potrebbe essere interessante in questo confronto con l'alterità è che questa induce a definire meglio ciò che è nostro e potrebbe diventare una rielaborazione critica degli impliciti presupposti culturali; al ricercatore spetta il compito di scoprire aspetti propri e dell'altra cultura affinché l'incontro sia efficace.
Questo studio si basa proprio su questo, sull'incontro tra stranieri e autoctoni, e si è scelto di partire considerando i punti di vista di quest'ultimi.
Nei primi tre capitoli si troveranno dati statistici e riferimenti bibliografici atti a supportare l'importanza ed il senso del tema scelto. Inoltre verranno spiegati il contesto, i protagonisti e gli obiettivi che ci si è posti in questa esperienza.
Nei capitoli 4,5,6,7, 8 si espongono quelle diversità culturalmente determinate che gli intervistati hanno descritto come fonte di difficoltà e, per ognuna di loro, si è cercato di utilizzare le conoscenze della letteratura per capire meglio le dinamiche degli eventi interculturali.

Ipotesi e obiettivi di ricerca:
- In un contesto ospedaliero possono esistere difficoltà nel rapporto tra operatore sanitario e paziente straniero
- Queste difficoltà possono essere dovute alle diversità culturali
- Quali emozioni in relazione agli eventi raccontati?
- Nascono bisogni nell'operatore sanitario

Luogo, Campione, Strumenti
Luogo: Reparto di Ostetricia degli Spedali Civili di Brescia
Campione: 28 operatori sanitari, 4 ostetriche, 13 medici, 7 infermiere, 3 A.s.a, 1 personale amministrativo
Strumento d'indagine: Intervista semistrutturata Software Atlas-ti 2004

Risultati:
Quattro diversità culturalmente determinate
Emozioni principali
I bisogni emersi
Descrizioni della paziente straniera da parte dell'operatore sanitario

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’evento migratorio è una realtà che ci circonda: nelle istituzioni, tra le strade, nei luoghi pubblici, i visi delle persone e il loro abiti cambiano di colore. La società nella quale viviamo si popola di nuovi cittadini che portano con sé parte della loro terra d’origine, della loro storia, delle loro idee, credenze e valori. Queste diversità culturali possono rappresentare un valore ed un arricchimento, uno stimolo a conoscere l’altro e riconoscere se stessi: ciò che potrebbe essere interessante in questo confronto con l’alterità è che questa induce a definire meglio ciò che è nostro e potrebbe diventare una rielaborazione critica degli impliciti presupposti culturali; al ricercatore spetta il compito di scoprire aspetti propri e dell’altra cultura affinché l’incontro sia efficace. Questo studio si basa proprio su questo, sull’incontro tra stranieri e autoctoni, e si è scelto di partire considerando i punti di vista di quest’ultimi. Nei primi tre capitoli si troveranno dati statistici e riferimenti bibliografici atti a supportare l’importanza ed il senso del tema scelto. Inoltre verranno spiegati il contesto, i protagonisti e gli obiettivi che ci si è posti in questa esperienza. Nei capitoli 4,5,6,7, 8 si espongono quelle diversità culturalmente determinate che gli intervistati hanno descritto come fonte di difficoltà e, per ognuna di loro, si è cercato di utilizzare le conoscenze della letteratura per capire meglio le dinamiche degli eventi interculturali. La varietà e la complessità degli aspetti emersi, tuttavia, non ha permesso un approfondimento delle tematiche emerse come, si pensa, sarebbe stato interessante fare. 1 Dove e come ci si deve adattare l’uno all’altro? Ciò che caratterizza questo studio è l’interesse rivolto non solo allo straniero, ma anche a chi con esso interagisce, in quanto si pensa sia importante ed utile cominciare ad affrontare il problema dalle sue origini, ossia dall’incontro 2 tra l’operatore sanitario e il 1 Anche per questo la ricerca mantiene il suo carattere descrittivo. 2 Coppo 2003, Di Carlo in Cidis 1996, pag.58 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Ernesta Zanotti Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 211 click dal 04/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.