Skip to content

Le nuove prospettive sul legame tra psicopatia, imputabilità e trattamento

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Di Stefano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: PSICOLOGIA CLINICA E DELLA SALUTE
  Relatore: Maria Cristina Verrocchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

Le caratteristiche del disturbo antisociale di personalità, quando sono pervasive ed eziologicamente multi determinate possono delinearsi nella psicopatia caratterizzata principalmente da mancanza di empatia, falsità e manipolazione, deficit del controllo comportamentale, egocentrismo patologico, impulsività, la cui combinazione fa aumentare il rischio che l'individuo compia atti criminosi.
Tali disfunzionalità sembrano essere spiegate sia dagli studi di neuroimaging, sia da ipotesi psicodinamiche, tra cui la Teoria basata sulla Mentalizzazione, che ne esaltano gli aspetti deficitari a livello psiconeuroevolutivo.
Dati tali premesse,ci si chiede perché in campo forense, tale tipo di disturbo, molto spesso , non assume "valore di malattia", da cui ne consegue un giudizio di imputabilità e quindi di capacità di intendere e volere. Saranno trattate tali questioni alla luce della Sentenza 9163/05 per cui i Disturbi gravi di Personalità sembrano iniziar ad avere una valenza psicopatologica anche in campo giurisprudenziale, dando una svolta significativa ai criteri delle valutazioni peritali sull'infermità nel giudizio di imputabilità.
Il riconoscimento di tale disturbo come criterio idoneo a una valutazione di non imputabilità porta però tali soggetti, considerati per le loro caratteristiche overt molto spesso pericolosi socialmente, alla reclusione in OPG (oggi REMS), strutture nate per delineare un incontro tra la necessità di applicare la misura di sicurezza e la necessità di un trattamento del reo infermo di mente ma che nella pratica non assolvono funzioni trattamentali.
Si prenderanno in considerazioni tali criticità in riferimento alle caratteristiche degli individui psicopatici, andando a delineare, infine, il Trattamento basato sulla Mentalizzazione di Fonagy e Bateman, applicato in uno studio pilota su individui antisociali, considerati fino a poco tempo fa non idonei a un trattamento psicoterapeutico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 “Quel che ora penso veramente è che il male non è mai ‘radicale’, ma soltanto estremo, e che non possegga né profondità né una dimensione demoniaca. Esso può invadere e devastare il mondo intero, perché si espande sulla superficie come un fungo. Esso ‘sfida’ come ho detto, il pensiero, perché il pensiero cerca di raggiungere la profondità, di andare alle radici, e nel momento in cui cerca il male, è frustrato perché non trova nulla. Questa è la sua ‘banalità’. Solo il bene è profondo e può essere radicale”. La banalità del male- Hanna Arendt INTRODUZIONE Da sempre la psicologia, occupandosi di caratteristiche e tratti di personalità, ha cercato di collegare e prevedere a quali modalità esistenziali corrispondono determinati tipi di comportamento, soprattutto quando questi deviano dalla norma e hanno effetti negativi sia per l’individuo stesso, sia per la società. Il disturbo antisociale di personalità, e nella sua forma estrema, la psicopatia, desta interessa sia per le caratteristiche socialmente devianti e incredibilmente amorali, considerate molto spesso al margine della “follia”, sia perché questi individui sono più a rischio di altri di mettere in atto comportamenti criminali. Lo scopo di tale lavoro è mostrare dapprima le caratteristiche peculiari, i criteri diagnostici e i metodi di valutazione principali di tale tipologia di personalità, anche se, data la sua complessità, non trova uniformità concettuale nel mondo scientifico. L’obiettivo in parte sarà mostrare come talune caratteristiche siano in qualche modo determinate da processi neurobiologici, evolutivi, genetici, esperienziali, culturali, come in qualsiasi disturbo psichico, cercando in tal modo di schiarire l’ombra dell’incomprensibilità sulla natura di tale disturbo di personalità. In particolare,nel campo della psicodinamica, sarà delineata l’ipotesi basata sulla Mentalizzazione di Fonagy e Target per la spiegazione dell’evoluzione di tale disturbo. Nella seconda parte sarà preso in considerazione l’istituto giurisprudenziale dell’imputabilità, con i suoi riferimenti a concetti come vizio di mente e infermità, perno d’incontro tra Diritto e Psichiatria Forense. Lo scopo sarà quello di vedere il disturbo di personalità antisociale dal punto di vista forense, alla luce della nuova Sentenza della Corte di Cassazione n°9163/05 che prevede l’inclusione dei gravi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicopatia
imputabilità
trattamento
personalità
sentenza
mentalizzazione
opg
disturbo antisociale
antisocialità
psicologia forense

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi