Skip to content

Crisi d’Impresa e Valutazione d’Azienda: il metodo patrimoniale applicato ad un caso reale

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Bottino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Olga Ferraro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

Non esiste una definizione univoca e condivisa del concetto di crisi aziendale, in quanto ogni impresa ha proprie peculiarità e la crisi assume diverse connotazioni a seconda del contesto di riferimento in cui viene analizzata. Tuttavia, gli studiosi di economia aziendale, in modo unanime, considerano la crisi come un momento “normale” della vita di un’impresa, conclusivo del ciclo aziendale. Luigi Guatri, definisce la crisi d’impresa come “una manifestazione di tipo patologico che può svilupparsi su più stadi” (Guatri, 1986, p.11).
Quello della crisi d’impresa è un argomento ben conosciuto dalla dottrina aziendalistica, ma anche da quella giuridico-fallimentare, in quanto la congiuntura economica negativa degli ultimi anni e l’aumentata rischiosità dei processi aziendali hanno reso tale fenomeno sempre più attuale e diffuso.
Se l’individuazione delle cause della crisi aziendale e degli strumenti di risoluzione della stessa sono processi caratterizzati da un’elevata complessità, ancor più ardua è la stima del valore del capitale economico delle imprese in crisi che, in tale contesto, assume particolare rilievo.
La misurazione del valore delle imprese è un problema che ha radici antiche, ma che solo negli ultimi anni ha assunto un’importanza sempre crescente fino a diventare una prerogativa essenziale nella formazione e nelle competenze di imprenditori, manager, operatori finanziari, professionisti, nonché degli studiosi delle materie aziendali.
Questo interesse crescente per la valutazione del capitale economico delle imprese ha creato svariate correnti di pensiero, nei diversi Paesi e tra i differenti soggetti interessati, sull’uso delle metodologie valutative.
La categoria degli operatori finanziari e dei consulenti ritiene preferibile applicare i metodi basati su grandezze flusso, reddituali o finanziari, con maggiore propensione verso quest’ultimo. Anche professionisti e revisori sono orientati verso tali metodologie, ma con un atteggiamento più flessibile.
Nel mondo accademico, invece, sono due le culture che hanno contribuito maggiormente al progresso delle metodologie valutative: quella anglosassone, orientata ai flussi finanziari, e quella tedesca, orientata ai flussi reddituali. Quasi ovunque, le altre culture accademiche hanno espresso una netta preferenza verso i flussi finanziari.
L’Italia ha una sua “cultura” in tema di valutazione aziendale, orientata al reddito, che trova le sue radici nell’opera classica di Gino Zappa “Il reddito d’impresa”, in cui afferma che “il capitale è un valore unico, risultante dalla capitalizzazione di redditi futuri” (Zappa, 1929). Negli anni successivi il concetto di capitale economico viene approfondito e ampliato, rimanendo comunque inalterata l’impostazione originaria impiantata dal Maestro.
Il presente lavoro di tesi si pone l’obiettivo di analizzare il concetto di crisi d’impresa e i possibili metodi di valutazione applicabili in tali contesti, con l’ausilio dell’esposizione di un caso aziendale reale.
Nel primo capitolo si espone la crisi d’azienda, fornendone un inquadramento generale sugli aspetti teorici e analizzandone tipologie, stadi, cause e strumenti di previsione. Si procede con l’affrontare il problema che si pone all’imprenditore in crisi: risanare o liquidare? Infine, sono individuati gli strumenti negoziali e le procedure concorsuali per la sua gestione, quali il fallimento, il concordato preventivo, gli accordi stragiudiziali.
Nel secondo capitolo si approfondisce il rapporto tra crisi d’impresa e valutazione d’azienda. Si analizza dapprima il concetto di valutazione, con la descrizione delle configurazioni di valore, dei principi di valutazione e delle cinque fasi del processo valutativo. Si procede poi con il porre l’attenzione sulle criticità valutative delle aziende in crisi, distinguendo tra aziende convenientemente risanabili e aziende non risanabili. Infine, viene affrontata la tematica della valutazione delle imprese in crisi in caso di liquidazione, in ipotesi di continuità aziendale e in caso di cessione d’azienda o di rami d’azienda, attraverso la disamina dei metodi valutativi applicabili alle diverse situazioni in esame.
Nel terzo capitolo si analizza il metodo di valutazione analitico-patrimoniale delle aziende in crisi. Si illustrano i fondamentali passaggi dell’applicazione del metodo patrimoniale, concentrando l’attenzione sulla valutazione dei crediti, del magazzino, delle partecipazione, delle immobilizzazioni materiali, degli intangible e dell’avviamento. Per ciascuna di tali poste contabili sono stati analizzati i criteri valutativi e le principali peculiarità e problematiche.
Il quarto capitolo è un’applicazione pratica degli argomenti esposti nei capitoli precedenti. In particolare si tratta dell’analisi di un caso aziendale reale, in cui viene applicato il metodo analitico-patrimoniale per la valutazione di una azienda in fallimento, sia nel suo complesso che atomisticamente e asistematicamente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Non esiste una definizione univoca e condivisa del concetto di crisi aziendale, in quanto ogni impresa ha proprie peculiarità e la crisi assume diverse connotazioni a seconda del contesto di riferimento in cui viene analizzata. Tuttavia, gli studiosi di economia aziendale, in modo unanime, considerano la crisi come un momento “normale” della vita di un’impresa, conclusivo del ciclo aziendale. Luigi Guatri, definisce la crisi d’impresa come “una manifestazione di tipo patologico che può svilupparsi su più stadi” (Guatri, 1986, p.11). Quello della crisi d’impresa è un argomento ben conosciuto dalla dottrina aziendalistica, ma anche da quella giuridico-fallimentare, in quanto la congiuntura economica negativa degli ultimi anni e l’aumentata rischiosità dei processi aziendali hanno reso tale fenomeno sempre più attuale e diffuso. Se l’individuazione delle cause della crisi aziendale e degli strumenti di risoluzione della stessa sono processi caratterizzati da un’elevata complessità, ancor più ardua è la stima del valore del capitale economico delle imprese in crisi che, in tale contesto, assume particolare rilievo. La misurazione del valore delle imprese è un problema che ha radici antiche, ma che solo negli ultimi anni ha assunto un’importanza sempre crescente fino a diventare una prerogativa essenziale nella formazione e nelle competenze di imprenditori, manager, operatori finanziari, professionisti, nonché degli studiosi delle materie aziendali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

valutazione d'azienda
crisi
azienda
crisi d'impresa
stima
beni
caso reale
valore economico
crisi aziendale
metodo patrimoniale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi