Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Guerra dei brevetti nel settore dello smartphone

La Smartphone Patent War è un fenomeno che ha interessato gli Stati Uniti negli ultimi anni. Il presente lavoro si pone l'obiettivo di analizzare il fenomeno in questione cercando di capire cosa c'è alla base di tale intensità, in modo tale da poter attuare i dovuti provvedimenti, nonché le dovute misure precauzionali, laddove ve ne fosse bisogno, in tutti quei contesti al di fuori dei confini statunitensi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Da anni ormai i beni intangibili sono diventati le variabili critiche di successo per le imprese. Dall’evoluzione del sistema economico ne è derivato un mercato caratterizzato da un’intensa concorrenza, in cui per vincere non è più sufficiente limitarsi a fornire un buon prodotto. Consci di tutto ciò, le imprese hanno iniziato ad investire sempre di più su tutti quei fattori di varia natura che rientrano all’interno del Capitale Intellettuale; ci si riferisce al brand, alla formazione dei dipendenti, al clima lavorativo, alle relazioni con gli stakeholders e a tutti quegli altri fattori definiti come “intangibili”. Il brevetto rientra in tale categoria di beni. Nato come mezzo di tutela delle invenzioni e strumento volto ad incentivare l’innovazione, negli ultimi anni ha iniziato ad acquisire sempre di più un ruolo strategico, divenendo, in alcuni settori produttivi, un fattore molto importante per il successo di un’impresa, in particolare per quelle di grandi dimensioni. Avere un ampio portafoglio di brevetti permette di avere il monopolio su molti prodotti o processi e questo, a sua volta, consente di escludere la concorrenza dalla relativa produzione o di ricevere cospicui flussi di cassa tramite la cessione dei relativi diritti d’uso. La crescente importanza acquisita dai brevetti negli ultimi anni, specie nei settori ad alta intensità tecnologica, la si evince dalla vivacità con cui le imprese si danno battaglia nei tribunali a seguito di presunte violazioni dei rispettivi diritti di proprietà. Tali battaglie hanno acquisito una mole molto considerevole da un punto di vista quantitativo in determinati settori, quali quello della telefonia mobile. Ogni anno vengono inscenati centinaia di casi aventi ad oggetto decine e decine di brevetti violati tra le imprese produttrici di smartphones, causando ingenti perdite di denaro per quest’ultime e considerevoli ritardi all’interno della burocrazia. L’intensità con cui la patent war avviene all’interno di tale settore ha suscitato un notevole interesse sia nel mondo accademico, sia in quello politico per le conseguenze sociali che ne derivano. L’obiettivo del presente lavoro è quello di analizzare tale fenomeno, ricercando le possibili cause alla base e le motivazioni che rendono il settore dello smartphone più propenso ad esserne soggetto. Per fare questo verranno considerati i contributi offerti fino ad ora dai vari studiosi e, procedendo con l’illustrazione di alcuni dei casi giudiziari e di tutto ciò che viene offerto dall’evidenza empirica, si cercherà di capire l’effettivo ruolo svolto da alcuni dei fattori ritenuti cause primarie. Capire il ruolo svolto da ogni singolo fattore permette una migliore focalizzazione sulle relative soluzioni, consentendo di individuare quelle che potrebbero risultare più efficaci nell’attenuazione di tale intensità.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Fabio De Nardis Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 93 click dal 28/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.