Skip to content

La percezione del terrore attraverso giornali e TV: da AL-QAEDA a ISIS

Informazioni tesi

  Autore: Antonino Paviglianiti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze dell'informazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Francesco Pira
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

La comunicazione è diventata il fine strategico per raggiungere gli scopi di progetti politici, culturali e ideologici. L’assenza di un controllo dell’informazione nel mondo arabo è una delle variabili da non sottovalutare nel conflitto che l’Occidente sta “combattendo” contro il Medio Oriente: l’utilizzo delle immagini fornisce una forza interna ai jihadisti mai avuta prima. I giovani “fan” della jihad comunicano nello stesso identico modo di come ragionano: post minacciosi sui social network, retweet di immagini forti e cruenti. I terroristi cambiano forma, così come muta il web, il giornalismo e la comunicazione. Il quesito da cui parte l’analisi di questo elaborato è: com’è cambiato il mondo dell’informazione dall’11 settembre 2001 ai tragici eventi parigini del 13 novembre 2015? Sarebbe delittuoso osservare Is (Islamic State), solo come un’agenzia terroristica: il califfo Abu Baghdadi ha proclamato lo Stato Islamico proprio per differenziarsi da Al Qaeda sia dal punto di vista strategico che politico. Rispetto all’agenzia facente capo, agli albori del Duemila, ad Osama Bin Laden, Is presenta una capacità comunicativa mai vista prima in Medio Oriente: l’utilizzo dei social network, il rapporto con le agenzie mediali, sono uno dei punti di forza dello Stato Islamico. Come vedremo nel corso di questo lavoro, infatti, l’attenzione dei vertici di Daesh per la comunicazione ha portato a uno sviluppo su tre livelli: minaccia, propaganda e consolidamento. È grazie all’informazione se le finalità di Is oggi, e in passato di Al Qaeda, possono trovare realizzazione con la “percezione del terrore.” La jihad si muove all’interno di quell’area denominata “terrorismo”: bisogna partire da questo assunto in chiave sociologica per dare, a questo termine, un significato profondo; ancora oggi, esperti e studiosi faticano a dare una definizione univoca di un fenomeno presente in epoca moderna fin dal secondo dopoguerra Mondiale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 1.1 La strage del 13 novembre raccontata dai social network “Non esiste un mondo senza comunicazione.” Non facciamo niente in realtà che non sia comunicare. Con qualsiasi mezzo, anche quando ci sembra di non farlo affatto: con i gesti, lo sguardo, l’atteggiamento, la postura che abbiamo, oltre che in tutti gli altri modi di comunicazione verbale e volontaria. La scrittura, il telefono, i media, Internet, tutto ci permette di scambiare informazioni con gli altri e di ricevere risposte, anche quando ciò non ci appare subito chiaro, o non ci aggrada. Con le nuove tecnologie la comunicazione è cambiata perché è mutato il modo di approcciarsi ad essa. Si sono modificati i ritmi: grazie agli sms, le chat, le e-mail, e anche i social network, tutto è più veloce, è subito disponibile. E anche la notte del terrore, quel terrificante 13 novembre 2015, ha sancito l’affermazione, definitiva, di un’informazione che corre, ormai, sul web. I social network diventato teatro della contro-informazione dello Stato Islamico: nel 1978, uno dei più importanti teorici della comunicazione, Marshall McLuhan, aveva anticipato i tempi sottolineando: “Senza comunicazione il terrorismo non esisterebbe.” Sulle principali piattaforme del web 2.0 i miliziani terrorizzano il mondo occidentale: “Nous sommes partout”, “Noi siamo dappertutto.” Una frase, questa, riportata in una foto postata su Twitter con in primo piano un giovane jiadhista, occhi azzurri e capelli biondi, dai chiari tratti occidentali. Il 13 novembre 2015, con i suoi eventi, rivoluziona le modalità di lotta al terrorismo dell’Occidente: non si risponde più con armi, bensì con hashtag. Entrano in gioco realtà come hacker e attivisti solitari che confluiscono all’interno della “cyber intelligence” di Anonymous: inizia una guerra a colpi di hashtag con #OpParis e #iceisis tra i più utilizzati. Lo spazio del web viene utilizzato per diffondere un messaggio articolato, capace di far

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
terrorismo
nuove forme di comunicazione
al qaeda
isis
comunicazione del terrorismo
al jaazera
i nuovi modelli di comunicazione,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi