Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Come gli europei divennero bianchi

Recenti studi genetici, hanno messo in luce alcune differenze fisiche e metaboliche risalenti alle popolazioni europee di 8 mila anni fa (Berger et al., 2014).
Tali differenze, quali principalmente il colore della pelle bianca e la capacità di digerire il lattosio, si sarebbero evolute a seguito della necessità di aumentare la mineralizzazione sia aumentando l’assorbimento dei raggi solari grazie alla depigmentazione che favorendo la fruizione di Ca2+ a partire dal latte.
Una pelle più chiara infatti cattura più facilmente i raggi solari rispetto a quella più scura che al contrario ha un’azione schermante grazie alla maggiore quantità di melanina.
Il mio elaborato si focalizza sulle modifiche genetiche che hanno portato alla comparsa della lattasi e della pelle bianca in Europa per poi parlare della vera funzione evolutiva di questo enzima digestivo, che è stato messo in evidenza essere determinante non tanto per regolare la quantità di vitamina D quanto per permettere l’assunzione di latte da un punto di vista nutritivo (Bramanti et al., 2009).
Successivamente prendo in considerazione l’assorbimento del lattosio, il ruolo della vitamina D nell’organismo, le metodiche usate per analizzarne la concentrazione corporea ed eventuali patologie derivanti da una sua carenza.
I portatori di queste variazioni genetiche provenienti da antiche popolazioni di agricoltori e cacciatori di 8 mila anni fa hanno infatti dato vita a correnti migratorie in grado di diffondere cinque diversi geni responsabili della depigmentazione e della capacità di digerire il latte in età adulta; studi sono stati condotti sul DNA di 83 scheletri umani rinvenuti in diversi siti archeologici europei (Intini, 2015).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa Recenti studi genetici, hanno messo in luce alcune differenze fisiche e metaboliche risalenti alle popolazioni europee di 8 mila anni fa (Berger et al., 2014). Tali differenze, quali principalmente il colore della pelle bianca e la capacità di digerire il lattosio, si sarebbero evolute a seguito della necessità di aumentare la mineralizzazione sia aumentando l’assorbimento dei raggi solari grazie alla depigmentazione che favorendo la fruizione di Ca 2+ a partire dal latte. Una pelle più chiara infatti cattura più facilmente i raggi solari rispetto a quella più scura che al contrario ha un’azione schermante grazie alla maggiore quantità di melanina. Il mio elaborato si focalizza sulle modifiche genetiche che hanno portato alla comparsa della lattasi e della pelle bianca in Europa per poi parlare della vera funzione evolutiva di questo enzima digestivo, che è stato messo in evidenza essere determinante non tanto per regolare la quantità di vitamina D quanto per permettere l’assunzione di latte da un punto di vista nutritivo (Bramanti et al., 2009). Successivamente prendo in considerazione l’assorbimento del lattosio, il ruolo della vitamina D nell’organismo, le metodiche usate per analizzarne la concentrazione corporea ed eventuali patologie derivanti da una sua carenza. I portatori di queste variazioni genetiche provenienti da antiche popolazioni di agricoltori e cacciatori di 8 mila anni fa hanno infatti dato vita a correnti migratorie in grado di diffondere cinque diversi geni responsabili della depigmentazione e della capacità di digerire il latte in età adulta; studi sono stati condotti sul DNA di 83 scheletri umani rinvenuti in diversi siti archeologici europei (Intini, 2015).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Biologiche

Autore: Lucia Pia Bruno Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 121 click dal 30/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.