Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il farmacista clinico territoriale. Opportunità, competenze e prospettive designate dal ddl S.2717. Esperienza in farmacie e studi medici territoriali.

La farmacia clinica è quella branca comprensiva degli studi di farmacia che specializza i farmacisti nel fornire assistenza ai pazienti con l'ottimizzazione dell'uso dei farmaci promuovendo salute, benessere e prevenzione delle malattie collaborando con i medici. In farmacia clinica il farmaco perde il suo ruolo centrale lasciando il posto al paziente che diventa il fulcro di ogni attività professionale.
L'obiettivo di questa tesi è illustrare la nuova figura professionale del Farmacista Clinico territoriale analizzando le opportunità e le risorse in ambito SSN tramite i risultati conseguiti durante l’esperienza svolta in farmacie e studi medici dell’ASP9 di Trapani. La sperimentazione di questa figura professionale è stata progettata ponendo come obiettivi le stesse finalità del disegno di legge 2717 , mediante applicazione di linee guida ministeriali, AIFA e NICE.

Questa tesi è stata sviluppata durante l’attività svolta in due farmacie di comunità dell’ASP 9 di Trapani in collaborazione con i medici di famiglia del territorio. Durante questo periodo, al fine di raggiungere gli obiettivi della tesi, sono stati presi in carico 20 pazienti iscritti nelle liste di medicina generale per i quali sono stati dispensati farmaci nelle farmacie di comunità. Inoltre è stata promossa una campagna di prevenzione dell’osteoporosi tramite esame di screening ultrasonometrico calcaneare. I dati raccolti sono stati trattati nel rispetto della privacy tramite applicazioni informatiche al fine di estrapolare evidenze utili al raggiungimento degli obiettivi di questa tesi. In tema di Sicurezza sono stati effettuati interventi di gestione del rischio clinico adottando le precauzioni riportate sulla Raccomandazione ministeriale numero 12 relativa all’uso dei farmaci LASA. La riconciliazione della terapia dopo dimissione ospedaliera è stata programmata secondo linee guida della Raccomandazione ministeriale numero 17. La farmacovigilanza e le segnalazioni di effetti avversi ADR sono state fatte attraverso procedura informatica AIFA disponibile sul sito internet www.vigifarmaco.it L’ottimizzazione della terapia è stata programmata seguendo le linee guida della Royal Pharmaceutical Society e del National Prescribing Centre. In particolare, in tema di appropriatezza delle prescrizioni, sono state prese come riferimento le raccomandazioni pubblicate su “Indicatori di appropriatezza d’uso dei medicinali OSMED” , “note AIFA per l’uso appropriato dei farmaci” e “Studio nazionale AIFA sulla qualità della prescrizione farmacologica nella popolazione geriatrica” . L’esame di screening è stato effettuato su un campione di 40 persone mediante ultrasonometro Achilles Insight e sono stati calcolati i relativi T-SCORE.

Il lavoro di studio sui pazienti ha permesso di supportare il medico durante il processo di ottimizzazione delle terapie farmacologiche. Sono state individuate situazioni di polifarmacia problematica ad alto rischio, e l’intervento in collaborazione con il medico di famiglia è stato mirato a risolvere il problema diminuendo il rischio di ricoveri ospedalieri. I dati raccolti sono stati elaborati al fine di ottenere statistiche interessanti sulla quantità e qualità di errori (intesi come discrepanza dalle linee guida di riferimento in questo studio) commessi durante le terapie farmacologiche. L’efficacia del test di screening è dimostrata dai risultati ottenuti durante la campagna informativa sull’osteoporosi: sono stati individuati, infatti, casi ad alto rischio che sono stati affidati al medico di famiglia.
L’esperienza maturata e i risultati mostrati in questa tesi possono attribuire un valore alla figura del farmacista clinico territoriale. Un elemento sicuramente da considerare è quello dell’utilità: infatti Il lavoro durante questa tesi è stato svolto cogliendo solamente alcune delle tante opportunità che la figura del farmacista clinico potrebbe avere nel campo della prevenzione, ottimizzazione delle risorse, monitoraggio e supporto ai medici, e si rimanda ad uno studio più approfondito per ottenere altri importanti dati a supporto della professione.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 1.3 Farmacia clinica nel mondo. Molto diffuso in ambito ospedaliero, il farmacista assume una figura rilevante nella clinica assumendo responsabilità differenti a secondo gli ordinamenti dei vari paesi. Generalmente i farmacisti clinici si occupano delle interazioni tra i farmaci e del corretto schema posologico (ad esempio l’aggiustamento del dosaggio in base alla funzionalità renale o epatica del paziente o la compatibilità chimico fisica dei farmaci usati in fleboclisi). In ambito internazionale un modello sicuramente interessante è quello americano, dove il farmacista è un componente essenziale ed ampiamente riconosciuto dal team terapeutico; la sua presenza in reparto è sempre richiesta essendo considerato l’unico professionista esperto nell’uso dei farmaci. E’ quindi lui che spesso decide, nell’ambito del team terapeutico, quale medicinale e quale dosaggio sia più adatto per il paziente. La figura del farmacista clinico è riconosciuta non solo negli Stati Uniti ma anche in molti paesi Europei, in Canada, Australia e Nuova Zelanda. In Gran Bretagna, ad esempio, il farmacista di reparto ha il compito di prescrivere alcune terapie farmacologiche e di gestire le terapie dei pazienti sottoposti a trapianti. I farmacisti vengono formati dal National Prescribing Centre attraverso corsi specifici dedicati alla prescrizione basata sull’EBM (Evidence Based Medicine) e, a seguito dell’acquisizione del titolo, possono prescrivere autonomamente alcune categorie specifiche di farmaci grazie ad uno speciale accordo stipulato con il medico [6] . Nel 2016 il servizio sanitario nazionale inglese NHS ha deliberato l’assunzione di 1500 farmacisti clinici prescrittori da affiancare ai general practitioners, i medici di base inglesi. Oggi, nella cultura anglosassone, la farmacia territoriale è una realtà con due anime ben distinte e se la parte commerciale è molto sviluppata e minuziosamente programmata da manager commerciali (store manager), la parte tecnica professionale gestita dal farmacista non è da meno. Nel 90% delle farmacie inglesi c’è un solo farmacista, che è civilmente e penalmente responsabile di

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Giuseppe Fanara Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 89 click dal 20/07/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.