Skip to content

Le Adozioni Fallite: indagine esplorativa secondaria presso il Tribunale per i Minori di Trento. Problematiche metodologiche e complessità della ricerca sui fallimenti adottivi.

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Rizzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Barbara Ongari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

Con il termine Fallimento Adottivo si vuole intendere l'interruzione della relazione psico-affettiva genitori/fi gli. Alla base del percorso valutativo che la coppia deve affrontare vi è l'obiettivo di stabilire la loro idoneità a diventare genitori di un fi glio che arriverà con una sua storia ed è a questo livello che è importante agire preventivamente.
Le statistiche sui fallimenti sono scarse e quelle presenti molto spesso sono difficili da interpretare ma si stima la percentuale di fallimenti adottivi tra i 6% e 11%. Emerge però chiaramente che il fallimento non è mai causato da un solo fattore, ma da un insieme di essi.
Per la presente ricerca si decide di circoscrivere il campo di indagine alle situazioni in cui si è veri ficata una deviazione dal progetto adottivo originario stabilendo lo spartiacque nella permanenza o uscita dalla famiglia attestata dal TM di Trento: in totale i casi sono 9. E' stato costruito poi un campione di controllo ad hoc in base a: età del minore all'ingresso in Italia, genere e area geografi ca di provenienza.
L'ipotesi di ricerca è quella che ci siano degli elementi di rischio preponderanti e che questi siano perlopiù a carico dei genitori adottivi. Dall'analisi dei dati si evince che effettivamente è coì e che i fattori che sembrano avere un impatto maggiore siano: tempo tra decreto di idoneità e ingresso del minore in Italia, età del minore, istruzione elevata dei genitori, lutti e/o traumi irrisolti, scarsa mentalizzazione e MOI insicuri. Si è voluto anche cercare di capire se ci fosse una soglia minima di numero di elementi di rischio e comparando i risultati del campione sperimentale con quello di controllo sembra che 10 sia il numero di elementi minimo, suggerendo che non è solo la qualità degli elementi negativi ad influenzare il fallimento ma, forse, anche la quantità. In tutte le situazioni, al momento di ingresso del minore in comunità, sono state riscontrate delle difficoltà a carico dei genitori che hanno portato all'allontanamento del minore dalla famiglia. Questo dato deve farci riflettere sull'importanza che la coppia, prima di tutti, ha sull'esito di un'adozione e, di conseguenza, alla centralità della fase valutativa.
Durante tutta la ricerca ci si è trovati di fronte a diversi problemi metodologici dovuti all'esiguità del campione sperimentale. Alcuni dati sono contrastanti tra loro e la letteratura, essendo molto scarsa, non aiuta a fare chiarezza. I risultati non devono quindi intendersi come statisticamente signi ficativi, ma come stimolo per ricerche future.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Abstract Con il termine Fallimento Adottivo si vuole intendere l’interruzione della relazione psico-a↵ettiva genitori/figli. Alla base del percorso valutativo che la coppia deve a↵rontare vi ` e l’obiettivo di stabilire la loro idoneit` a a diventare genitori di un figlio che arriver` a con una sua storia ed ` e ` e a questo livello che ` e importante agire preventivamente. Lestatistichesuifallimentisonoscarseequellepresentimoltospessosonodicili da interpretare ma si stima la percentuale di fallimenti adottivi tra i 6% e 11%. Emerge per` o chiaramente che il fallimento non ` e mai causato da un solo fattore, ma da un insieme di essi. Per la presente ricerca si decide di circoscrivere il campo di indagine alle situ- azioni in cui si` e verificata una deviazione dal progetto adottivo originario stabilendo lo spartiacque nella permanenza o uscita dalla famiglia attestata dal TM di Trento: in totale i casi sono 9. ´ Estatocostruitopoiuncampionedicontrolload hoc in base a: et` a del minore all’ingresso in Italia, genere e area geografica di provenienza. L’ipotesi di ricerca ` e quella che ci siano degli elementi di rischio preponderanti e che questi siano perlopi` u a carico dei genitori adottivi. Dall’analisi dei dati si evince che e↵ettivamente ` e cos` ı e che i fattori che sembrano avere un impatto maggiore sono: tempo tra decreto di idoneit` a e ingresso del minore in Italia, et` a del minore, istruzione elevata dei genitori, lutti e/o traumi irrisolti, scarsa mentalizzazione e MOI insicuri. Si ` e voluto anche cercare di capire se c’` e una soglia minima di nu- mero di elementi di rischio e comparando i risultati del campione sperimentale con quello di controllo sembra che 10 sia il numero di elementi minimo, suggerendo che non ` e solo la qualit` a degli elementi negativi ad influenzare il fallimento ma, forse, anche la quantit` a. In tutte le situazioni, al momento di ingresso del minore in comunit` a, sono state riscontrate delle dicolt` a a carico dei genitori che hanno portato all’allontanamento del minore dalla famiglia. Questo dato deve farci riflet- tere sull’importanza che la coppia, prima di tutti, ha sull’esito di un’adozione e, di conseguenza, alla centralit` a della fase valutativa. Durante tutta la ricerca ci si ` e trovati di fronte a diversi problemi metodologici dovuti all’esiguit` a del campione sperimentale. Alcuni dati sono contrastanti tra loro e la letteratura, essendo molto scarsa, non aiuta a fare chiarezza. I risultati non devono quindi intendersi come statisticamente significativi, ma come stimolo per ricerche future.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunità
adozione
fallimenti adottivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi