Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessioni e proiezioni intorno al "secondo periodo" della poetica malickiana attraverso "The New World"

L'autrice Romano Alessandra esplora le dinamiche relative al periodo secondo della poetica malickiana, analizzando il film The New World, utilizzando un metodo di analisi decostruttivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
        4     Introduzione Con la seguente trattazione si vuole indagare/problematizzare circa lo “stile registico” 1 dell’autore texano Terrence Malick. La sua è una “poetica” tutta da esplorare, decriptare, non facilmente de-finibile, classificabile, ma sicuramente degna di nota e di “ri-flessione/i”. Malick è un “autore”, un poeta, nonché uno sperimentalista a tutto tondo, ma ancor prima un filosofo e dunque un “amante della conoscenza”, ed è proprio da questo punto che intendo partire, per valutare i vari aspetti della sua trattazione poetica, esplorando quel tocco registico magicamente unico: il “Malick’s touch” 2 . Terrence Malick è considerato uno dei registi meno prolifici e più originali della storia del cinema (si contano solo 6 3 film dal 1973 ad oggi) 4 , tuttavia l’arco temporale cui faremo riferimento, per la nostra argomentazione, è quello che ho denominato “secondo periodo malickiano” 5 , soffermandomi sul film che, a mio avviso, segna uno spartiacque con la poetica precedente: The New World (2005) 6 .                                                                                                                           1     Stile  in  Malick  è  inteso  come  “modo  personale  di  essere  rivolti  alle  cose”.  Francesco  Cattaneo,   Terrence  Malick   -­‐   Mitografie  della  modernità ,  Edizioni  Cineforum ,  Bergamo   2006,  p.  11.     2    “Il  Malick’s   tou ch  è   uno   stile   unico   e   riconoscibile,   ma   in   perenne   aggiornamento   e   ripensamento”;  da   Andrea  Fornasiero,  Terrence  Malick:  Cinema  tra  classicità  e  modernità,  Le   Mani,  Genova  2007,  p.  13.   3  Non  vi  ho  incluso  il  cortometraggio  del  1969:   Lanton  Mills ,  in  quanto   introvabile.  Si  veda  J.   Morrison   –  Th.  Schur,   The  Films  of  Terrence  Malick ,  Praeger  Publisher,  Connecticut  Londra  2003,   p.  2.   4    A   tal   proposito,   si   confronti   il   dato   con   uno   dei   testi   più   aggiornati   in   circolazione:   D.   Kamalzadeh   –  M.  Pekler,   Terrence  Mal ick,  Schüren,  Marburg  2013,  p.  7.   5     The  New  World  segna,  a  mio  avviso,  una  frattura  o,  parimenti,  “una  continuità  antitetica”  nella   poetica  malickiana,  la  quale  indica  parallelamente  un  cambiamento  riguardante  la  sfera  filmico -­‐ biografica:  un’accellerazione  operativa.  In  vista  di  ciò,  si  rifletta  sui  seguenti  dati,  ovvero  Malick   impiega,  rispettivamente    dal  1973  al  1998,  ben  venticinque  anni  per  dar  vita  a  soli  tre  film   (Badlands  -­‐  La  rabbia  giovane ,  1973;     Days  of  Heaven   –  I  giorni  del  cielo ,  1978;  The  Th in  Red  Line,   La  sottile  linea  rossa,  1998 ),  mentre  dal  2005  al  2013  (quindi  nel  “secondo  periodo”,  numerabile   in  anni  otto)  dà  vita  a  tre  opere   -­‐  The  New  World   –  Il  nuovo  mondo,   2005;  The  Tree  of  Life,   L’albero  della  vita,  2011  e   To  the  Wonder   [2012;  Alla   meraviglia]  -­‐  inoltre  pare  vi  sia  in  progetto   un  film  dal  titolo   Knight  of  Cups   [http://www.mymovies.it/film/2013/knightofcups/];  ciò  implica   un’accelerazione  produttiva  e  dunque  una  diminuzione  dei  tempi  lavorativi  da  parte  del  regista,   in  quanto  egli  dà   vita  alla  medesima  quantità  di  film,  rispetto  al  “primo  periodo”,  in  un  terzo  del   tempo.   6     Faccio  riferimento  all’anno  della  prima  uscita,  ovvero  alla  versione  dicembrina  (di  150  minuti),   che  consente  la  candidatura  (per  la  fotografia)  agli  oscar;  sulle  v ersioni  del  2005  e  del  2006   rimando  a:  A.  Fornasiero,   Terrence  Malick:  Cinema  tra  classicità  e  modernità,  cit.,  p.  370.  

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Romano Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12 click dal 12/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.