Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di alcuni effetti dell'applicazione in serra e in campo di rizobatteri promotori della crescita, combinati con funghi micorrizzici arbuscolari

L'uso di PGPR (Plant Growth Promoting Rhizobacteria, Batteri promotori della crescita delle piante ) in agricoltura è stato studiato fin dall'inizio e della metà del 20° secolo da ricercatori dell'ex Unione sovietica e dell'India su diverse colture, e quindi, successivamente, da ricercatori di tutto il mondo. I risultati dei primi esperimenti, spesso incoerenti, hanno fornito indizi riguardanti la condizioni ottimali per la colonizzazione batterica e la promozione della crescita di colture bersaglio.

I benefici della crescita delle piante all'aggiunta di PGPR sono molteplici ed ora abbastanza noti. L'uso di PGPR inoculati per aumentare la resa delle colture è stato tuttavia limitato a causa della variabilità e l'incoerenza dei risultati tra gli studi di laboratorio, in serra e in campo ma anche per il tipo di preparazione dell'inoculo, passo fondamentale per l’applicazione di tale biotecnologia.

Obiettivo di questo studio è l’indagare sulla co-inoculazione di PGPR combinati con le micorrize arbuscolari, in campo, per valutare l'effetto sinergico di un rapporto simbiotico tripartito per una produzione agricola sostenibile, onde limitare l'uso di fertilizzanti chimici, dannosi per l'ambiente e per l'uomo. I risultati finora ottenuti hanno convalidato l'efficienza sinergica dell'applicazione di PGPR combinati ai funghi micorrizici che interagiscono tra di loro sulla crescita e sullo sviluppo delle piante tramite il miglioramento della nutrizione minerale ed un aumento della risposta nella pianta agli stress abiotici e biotici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Riassunto L’ uso di PGPR (Plant Growth Promoting Rhizobacteria , Batteri promotori della crescita delle piante ) in agricoltura è stato studiato fin dall’ inizio e della metà del 20° secolo da ricercatori dell’ ex Unione sovietica e dell’ India su diverse colture, e quindi, successivamente, da ricercatori di tutto il mondo. I risultati dei primi esperimenti, spesso incoerenti, hanno fornito indizi riguardanti la condizioni ottimali per la colonizzazione batterica e la promozione della crescita di colture bersaglio. I benefici della crescita delle piante all'aggiunta di PGPR sono molteplici ed ora abbastanza noti. L'uso di PGPR inoculati per aumentare la resa delle colture è stato tuttavia limitato a causa della variabilità e l'incoerenza dei risultati tra gli studi di laboratorio , in serra e in campo ma anche per il tipo di preparazione dell’ inoculo, passo fondamentale per l’applicazione di tale biotecnologia. Obiettivo di questo studio è l’indagare sulla co-inoculazione di PGPR combinati con le micorrize arbuscolari, in campo, per valutare l’ effetto sinergico di un rapporto simbiotico tripartito per una produzione agricola sostenibile, onde limitare l’ uso di fertilizzanti chimici , dannosi per l ‘ambiente e per l’ uomo . I risultati finora ottenuti hanno convalidato l’ efficienza sinergica dell’ applicazione di PGPR combinati ai funghi micorrizici che interagiscono tra di loro sulla crescita e sullo sviluppo delle piante tramite il miglioramento della nutrizione minerale ed un aumento della risposta nella pianta agli stress abiotici e biotici .

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Manuela Orlando Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 91 click dal 08/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.