La mentalizzazione nell'essere antinomico: tra Fonagy e Matte-Blanco

Nel presente lavoro si andranno ad analizzare i possibili punti di contatto tra le cornici teoriche di Matte-Blanco e di Fonagy e colleghi.
Passando in rassegna i punti chiave della bi-logica (Matte-Blanco 1975; 1988) e del concetto di mentalizzazione (Fonagy et al., 2002), con i loro risvolti evolutivi e confrontandole con altre prospettive presenti in letteratura, si tenterà di raggiungere un duplice obiettivo: da un lato reinterpretare in termini bi-logici alcune delle proposte di Fonagy e colleghi, soprattutto per quel che riguarda la nascita di una teoria della mente, la deviazione del suo percorso di sviluppo da un tracciato “normale”, ed il significato del disturbo borderline di personalità; dall’altro verrà fornita una prospettiva evolutiva all’impostazione matteblanchiana, così da riempirne un vuoto teorico, ed in particolare verrà esaminata la nascita della bi-logica nel contesto interpersonale primario rispecchiante.
La conclusione principale è che il rispecchiamento materno sia garante dello sviluppo di una funzione asimmetrizzante, ed anche della logica asimmetrica in generale. Il Sé sarà un costrutto fondamentale in questo lavoro, ed il suo sviluppo si presupporrà seguire quello della bi-logica, passando da una sua forma più passiva simmetrica ad una più attiva asimmetrica (in compresenza con la prima), intrecciandosi con lo sviluppo di una teoria della mente.

Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Luca Bacchiega Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 165 click dal 17/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.