Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il matrimonio nell’ordinamento dello Ius Ecclesia, e la comparazione con l’ordinamento italiano aspetti storici, sistematici e processuali.

La tesi, compara il matrimonio nello ius Ecclesiae e il matrimonio nel diritto civile: storia delle unioni primitive e l'evoluzione del matrimonio, per permettere di dare un'idea d'insieme del suo sviluppo.Il secondo capitolo tratta di tutta la prassi e degli aspetti civili a questi correlati. Il terzo capitolo tratta tutto il matrimonio civile e dei vari istituti che lo compongono. Il quarto capitolo tratta ampiamente la branca della filosofia e logica giuridica, metodologia giuridica e argomentazione giuridica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. La mia tesi presenta la complessità dell’istituto del matrimonio, ho cercato di dare piccole risposte oggettive sul merito di taluni aspetti terminologici e scientifici determinando il vero denotato dato, dalla storia o dalle scienze cognitive. Alla fine ciò che importa e che si comprende è che un processo, altro non è che un fatto umano composto di pluralità di discipline che lo arricchiscono sotto tutti i più svariati profili, così come il matrimonio è un fatto umano intriso di sacralità e spiritualità, comunione, unione, solidarietà, come citano i verba de praesenti in questo caso di specie. Il matrimonio, deve essere inteso in senso di solidarietà patrimoniale, morale relative alla sofferenza e alla malattia, il matrimonio canonico come la figura all’interno della quale si manifesta la trinità divina e la copula perfecta tra uomo-donna-Dio, quale sintesi di fede sacramento e prole. La sua validità si fonda sul consenso, rispetto della legge divina armonizzata con la legge umana e le convenzioni sociali, dove l’istituto degli impedimenti, ad esempio entrano su tale scenario per un fine squisitamente di tutela della vita umana. Quindi per rispondere positivamente ad esigenze di tutela della vita e della salute della persona, inteso anche in riferimento a due principi fondamentali descritti come tutelati dagli stessi diritti umani, poco o nulla in questo caso di specie hanno a che vedere con problemi di tipo razziale o lo status sociale, ma molto con la tutela dell’integrità psico-fisico della persona. La vita verginale viene sempre preferita in assenza di matrimonio e non è sempre intesa in senso monacale o sacramentale del termine poiché altro istituto, e si predilige la monogamia, per prevenzione dalla commixtio sanguinis. Per la Patristica è preferibile tutelare il più possibile la donna o i nubendi immaturi per l’integrità della qualità del sostrato biologico rispetto ad alcune tesi 9

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marianna Petrotta Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 96 click dal 24/11/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.