Skip to content

Living Together. Scene dalla nuova Âge d'or digitale. Il sistema dell'arte post grande recessione

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Romana Ricci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Teoria e Pratica dell'Arte Contemporanea
  Corso: Visual Cultures e Pratiche Curatoriali
  Relatore: Loredana Parmesani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

Nel 2002, Richard Florida denuncia un cambiamento dello statuto epistemologico della società, a partire da quello che tanti economisti hanno definito il passaggio dall'era industriale all'era post-industriale o neocapitalista. Seguendo le osservazioni di Florida sull'impatto a livello umano di questi cambiamenti, la stessa struttura interna della società ha subito delle trasformazioni, o per meglio dire si è auto-forgiata, adattandosi e allo stesso tempo creando le basi del nuovo stesso sistema. Ciò che è cambiato è il rapporto di potere all'interno della stratificazione stessa del processo produttivo. Insieme ai credo neo-liberali post reaganiani, post sovietici, post democristiani del finire dei ‘90, l'implementazione del settore telematico e soprattutto la diffusione di internet, il dominio democratico del network, e tutte le illuminazioni intellettuali che sono seguite, hanno influenzato la nuova economia fin nel profondo dei suoi meccanismi più spontanei. La creatività, l'indipendenza e l'autocontrollo, l'investimento personale soggettivo sul dipendente, il far credere che l'immagine dell'azienda “sei tu stesso”, e non una macchina senza personalità, sono diventati i nuovi diktat del sistema produttivo. L'industria e l'uomo sono gli artefici complici del prodotto di consumo e della proposta del mercato in un processo che ha preso il nome di consumerismo. Assistiamo all'entrata in scena di un nuovo gradino nella piramide produttiva, che diventa il traino, dopo la disponibilità economica, del successo della data “industria”: la classe creativa. Se dal finire degli anni '80, fino agli inizi del 2000, con il clima entusiasta dell'economia fertile del periodo, ciò ha significato la nascita di un contesto cittadino frizzante, vivo, culturalmente attivo, alternativo e “vibrante” per dirlo con Thomas Frank, in cui il sistema dell'arte sembrava essersi liberato di qualsiasi pressione e necessità borghese, gli eventi politici, economici e sociali dei primissimi anni del nuovo millennio hanno profondamente cambiato la società, prima a livello umano e solo come conseguenza nell'organizzazione economica. La crisi ha stroncato la possibilità delle politiche statali di crescita culturale, i finanziamenti per attività di qualunque sorta e le iniziative private che erano fiorite negli anni precedenti. Il nuovo millennio ha innegabilmente sofferto per carburare, appropriarsi di una propria identità, di una propria struttura funzionante, di una propria visione collettiva. Nella loro prima mezza dozzina, gli anni 2000 non sono stati che lo scenario di lotte generazionali tra i baby boomers e il loro ormai impossibile spirito pioneristico, avanguardista, confidente nei confronti del sistema economico, quelli che furono i fautori del consumerismo, politicamente e intellettualmente emancipati, con una fiducia cieca nei confronti di se' stessi, della loro forza in quanto gruppo e della “possibilità” di fare, e i loro figli della generazione X, promesse di un futuro radioso e inarrestabile quanto alla loro propensione alla tecnologia, ma sedentari e socialmente disimpegnati. La mercificazione del dissenso promulgato dai gruppi contro-culturali a partire dagli anni '70, che è una delle strategie del “nuovo capitalismo creativo” dei baby boomers, descritto da Thomas Frank, ha determinato, nell'uomo preda allo stato d'animo post-bolla economica e post- 11/09, un rifiuto nei confronti delle identificazioni culturali o di genere, cosicché ogni subcultura, movimento o gruppo politico, tendenza artistica, nata dopo il 2006 credeva e crede nell'ibrido come valore sociale, nella de-identificazione in un sistema di valori, nell' annullamento dell'identità e dell'immagine, al fine di emanciparle dalla loro stessa usurpazione da parte del capitale e di divenire parte di quel sistema fondato sul “random e qualunque”. “Uno è tutti” è il credo e la forza delle vittime della bolla economica e dei gruppi anti-sistemici.
La vibracy non si è arrestata. È solo diventata più povera. E più autoctona dell'internet.
Ciò che si apre con la digitalizzazione sono nuove radicali possibilità di matrice molto più umanamente epistemologiche che politiche: un nuovo re-immaginare criticamente l'autorialità, un nuovo regime di proprietà, un nuovo senso di collettività, la consapevolezza di una democratizzazione economica, all'interno di un sistema freepotista o duty-free, oltre che il sorgere di nuove necessità intellettuali, emancipate dal “collegismo” e dalla necessità di un sapere scolastico disciplinato e fondato su dottrine, e invece volto a affrontare e entrare nelle maglie delle larghe questioni e problematiche che sono alla base della comprensione della contemporaneità in genere.
Quelle che si stanno definendo, la storia che si sta scrivendo, sono scene di una nuova Âge d'or digitale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione: LIVING TOGETHER In una gentrificazione ormai quasi esaurita, in cui l’ambiente urbano non può più essere finanziato, in che modo le comunità artistiche semi- anonime si organizzano e si accordano? Quali sono gli spazi e i tempi in cui operano queste comunità cyborg? Nel 2002 il sociologo americano Richard Florida denuncia un cambiamento dello statuto epistemologico della società, a partire da quello che tanti economisti hanno definito il passaggio dall’era industriale all’era post-industriale o neocapitalista. Seguendo le osservazioni di Florida sull’impatto a livello umano di questi cambiamenti, la stessa struttura interna della società ha subito delle trasformazioni, o per meglio dire si è auto-forgiata, adattandosi e allo stesso tempo creando le basi del nuovo stesso sistema. E come già nelle due precedenti rivoluzioni economiche, ciò che è cambiato è il rapporto di potere,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi