Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pattern di attaccamento, disturbi psichiatrici e la psicoterapia sistemico relazionale

Nella presente tesi di laurea ho voluto analizzare i disturbi psichiatrici in riferimento alla teoria dell’attaccamento ed ho quindi trattato i possibili interventi di cura della psicoterapia sistemico – relazionale alle varie psicopatologie.
La psicoterapia sistemico – relazionale oltre prendere come riferimento per la cura di un disturbo psicologico tutto il sistema famiglia (che viene studiata nei suoi confini diadici e triadici) del paziente designato, ha un approccio alle disfunzioni, innovativo e diverso per la visione cibernetica e comunicativa cui si approccia a queste.
Possiamo affermare con certezza che ogni problema di personalità può essere spesso collegato a dei pattern insicuri di attaccamento ma dobbiamo anche precisare che non è detto che ai pattern di attaccamento più infelici seguano biunivocamente dei problemi psichiatrici.
Lo studio degli stili di attaccamento è oggi di particolare rilevanza in psichiatria. Infatti, come prevedeva Bowlby, vi sono crescenti certezze dell’esistenza di una relazione tra attaccamento insicuro e i seguenti due casi: l’attaccamento disorganizzato è sempre correlato ai disturbi borderline di personalità e i disturbi dissociativi esorditi durante l’adolescenza1.
Anche se l’attaccamento insicuro non equivale a una diagnosi patologica, sembra comunque raffigurare un importante fattore di rischio psicosociale, ed è stato associato con lo sviluppo di diversi disturbi psichiatrici, come ad esempio: la schizofrenia, la depressione, i disturbi di personalità, i disturbi del comportamento alimentare, il disturbo ossessivo – compulsivo, i disturbi fobici e i disturbi dissociativi.
I principi della scuola sistemica – relazionale (il Milan Approach) cui mi sono prevalentemente riferito sono quindi la teoria generale dei sistemi, la cibernetica, con particolare accento alla cibernetica di secondo ordine, gli studi sulla comunicazione del Mental Research Institute di Palo Alto, e il costruttivismo di Maturana e Varela.
Lo psicoterapeuta sistemico – relazionale dovrà essere marcatamente attivo, direttivo e prescrittivo nel suo ruolo perché il problema o la psicopatologia è parte integrante del sistema, ma ancor di più sostiene il sistema e ne è (diventato) una parte equi-finalistica al suo interno.
La diagnosi è sostituita dal processo di descrizione del problema. Il problema e il sistema terapeutico viene co-creato dagli osservatori, la realtà è la costruzione dell’interazione tra osservatore e l’intero sistema osservato.
La realtà terapeutica si co-crea e co-evolve come relazioni umane attraverso la narrazione e lo scorrere del tempo terapeutico.

1 Bertamini, Iacchia, Rinaldi, Rezzonico (2009). Gioco, Socialità E Attaccamento Nell’Esperienza Infantile, F. Angeli, pagg. 40 e 41.

Mostra/Nascondi contenuto.
Pagina 7 di 73 Introduzione L’obiettivo di questa tesi di laurea è affrontare lo studio della psicoterapia sistemico – relazionale come possibile trattamento dei diversi disturbi psichiatrici derivanti da cattivi stili di attaccamento radicati nella personalità dei pazienti e nel sistema delle loro famiglie. Non mi soffermo, quindi, a considerare i pazienti con disturbi pervasivi dello sviluppo o con altri problemi biologici ma considero i problemi psichiatrici della personalità legati ai diversi stili di attaccamento e come questi ultimi possono trovare beneficio nell’utilizzo della psicoterapia sistemica e nella sua applicazione all’interazione sistemico – familiare; ciò consentirà di raggiungere una nuova dimensione di dialogo nelle relazioni familiari. Il primo argomento che prendo in esame sono i possibili pattern (sicuro, insicuro e ambivalente) della teoria dell’attaccamento. Essi sono visti e analizzati in parallelo (anche se non sempre in relazione diretta) alle ampie possibilità di sviluppo di alcuni disturbi psichiatrici che sono presi in considerazione. Il contesto di riferimento è lo studio e la risoluzione di questa tematica nella scuola di riferimento che è la psicoterapia familiare sistemico – relazionale. La tematica centrale del progetto a cui sopra mi riferisco è la cibernetica che è presente sia nel sistema: famiglia, sia nella diade: madre – bambino. Questo è il punto di contatto tra la teoria dell’attaccamento e la nostra scuola di psicoterapia. La Teoria dell’attaccamento viene considerata, in una dimensione più larga e moderna di quello che intendevano gli autori Bowlby e Ainsworth, sia come attaccamento di coppia che familiare e non soltanto come relazione base madre – bambino/a. Faccio, quindi, riferimento all’epistemologia che io definisco cibernetica, cioè l’autoregolazione sistemica come punto di contatto relazionale tra la teoria

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Gregorio Ciavarello Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3823 click dal 14/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.