Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cinema e propaganda nel Ventennio fascista

Analizzare il cinema del Ventennio fascista significa addentrarsi in una materia intricata, in cui il cinematografo mostra tutta la sua ambivalenza: da un lato potenziale arma di propaganda, e dall’altro media di intrattenimento ed evasione “apolitica”.
Quel che voglio descrivere in questo mio lavoro è il rapporto tra il regime fascista e l’industria del cinema italiano. Ovvero quanto il cinema di quegli anni fosse legato al regime, specialmente per la produzione propagandistica, ma anche per la produzione popolare (la quale aderisce al clima fascista, riflettendo i suoi valori sociali).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il Fascismo è un fenomeno complesso, ma sicuramente totalizzante della vita sociopolitica italiana. Per cui analizzare il cinema del Ventennio fascista significa addentrarsi in una materia intricata, in cui il cinematografo mostra tutta la sua ambivalenza: da un lato potenziale arma di propaganda, e dall’altro media di intrattenimento ed evasione “apolitica”. Quel che voglio descrivere in questo mio lavoro è il rapporto tra il regime fascista e l’industria del cinema italiano. Ovvero quanto il cinema di quegli anni fosse legato al regime, specialmente per la produzione propagandistica, ma anche per la produzione popolare (la quale aderisce al clima fascista, riflettendo i suoi valori sociali). Una trattazione storiografica del Fascismo non può esimersi dall’analizzare i media, i quali a partire dal Novecento rappresentano una fonte ineliminabile dell’indagine storica. I prodotti culturali di massa (in primis il cinema) per loro intrinseca natura, dovendo rispondere ad esigenze precise del pubblico, finiscono per interpretarne e rappresentarne le ansie e le speranze. Come dice anche Pietro Cavallo, tramite il cinema possiamo avere qualcosa che le fonti scritte non possono trasmetterci: il “clima” dell’epoca, i film, attraverso il montaggio, ricostruiscono la società com’era (o come i contemporanei volevano che fosse). La mia è una trattazione organica sul rapporto tra regime e settima arte, che analizza in un primo momento le scelte politiche adottate dal regime e poi si sofferma più propriamente sui prodotti cinematografici del ventennio. Nel primo capitolo mi dilungo in un’analisi storica che abbraccia il periodo che va dalla nascita dell’Istituto Luce nel 1924, sino agli ultimi rantoli del regime

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Angelo Foggia Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 247 click dal 26/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.