Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'affidamento in Prova al Servizio Sociale: Profili Partecipativi e Giuridici

Dal lavoro svolto e dalle analisi effettuate è emerso che l'affidamento in prova al servizio sociale e le altre misure alternative alla detenzione , come anche gli stessi principi reggenti del circuito penitenziario così come oggi modernamente li intendiamo, hanno avuto vita solo in tempi recenti.
Negli anni vennero ad istituirsi tutta una serie di misure improntate non più alle sole finalità custodialistiche del condannato, ma anche atte alla sua risocializzazione. La risocializzazione deve avvenire seguendo un percorso dinamico unico ed irripetibile da condannato a condannato, tramite l'adozione del cosiddetto trattamento individualizzato, che passa per un programma ferreo che mano a mano che l'opera di rieducazione si compie anch'esso si modifica a favore del condannato.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'evoluzione del concetto di pena, trattamento, osservazione e partecipazione. Questo studio tenta di ricostruire la disciplina generale dell'affidamento in prova, quale misura alternativa alla detenzione carceraria, predisposta nei confronti di un condannato che partecipando all'opera di rieducazione si dimostri idoneo secondo dei profili formali e sostanziali e meritevole dal punto di vista soggettivo, quindi secondo un analisi prognostica favorevole e constante nella sua condotta. I punti cruciali della trattazione in esame verteranno sui concetti che stanno alla base della concessione dell'istituto analizzando nello specifico gli elementi essenziali che si correlano alla cosiddetta probation 1 . Completando con un piccolo excursus storico dell'istituto, che ci permette di intuire le intenzioni ampliative del legislatore in merito all'applicazione della misura sia grazie al contributo iniziale dato dalla giurisprudenza nazionale sia successivamente grazie agli interventi comunitari che hanno vincolato l'Italia ad aderirvi, si passerà ad analizzare nello specifico i vari profili giuridici della misura alternativa in esame. L'attuale concezione rieducativa del trattamento penitenziario è il risultato del processo teorico- evolutivo della pena. Il problema penitenziario sorge dal momento in cui la società giuridicamente organizzata, evocando a sé la funzione punitiva, stabilisce sanzioni penali per i violatori della legge 2 ; in tempi in cui la pena era avvertita come faida sociale e le leggi erano dirette ad annientare l'uomo nel delinquente tale problema era sentito unicamente dal punto di vista della custodia. È soltanto nella seconda metà del 18° secolo che sorse, ad opera di Cesare Beccaria in Italia con il suo <<Dei delitti e delle pene>> del 1764 e di Giovanni Howard in Inghilterra con la sua non meno celebre opera <<Lo stato delle prigioni>> del 1776, un movimento diretto alla trasformazione delle prigioni da luoghi di abiezione e di crudeltà in luoghi di rigenerazione. I sistemi progressivi miravano ad incitare il condannato a collaborare al miglioramento della sua vita detentiva ed a partecipare all'opera di risocializzazione attraverso l'impegno di osservare determinate regole di comportamento utili tanto alla sua crescita personale quanto al giudice per valutare positivamente la sua condotta. Era un sistema rivoluzionario che spostò la questione carceraria all'attenzione delle strutture circondariali, in relazione a quelli che sono i diritti dell'uomo detenuto 1 “È la prova predisposta dal giudice e, svolta dal condannato durante l'espiazione della misura, tenuta sotto stretto controllo dall'ufficio di esecuzione penale esterna.” L’espressione, ormai di uso comune, è bene spiegata da M. MONTAGNA, Sospensione del procedimento con messa alla prova e attivazione del rito, in C. CONTI-A. MARANDOLA-G. V ARRASO, Le nuove norme sulla giustizia penale, Padova, 2014, p. 370, che distingue tra probation processuale e probation penitenziaria, riconducendo al primo l’affidamento ai servizi sociali e al secondo la messa alla prova. 2 C. SERRA, Psicologia Penitenziaria, sviluppo storico e contesti psicologico-sociali e clinici, III edizione, Giuffrè Milano 2003, p. 53 3

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Federico Floris Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 59 click dal 05/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.