Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La spada magica

La prima parte della tesi è dedicata all'analisi dei significati simbolici e metaforici della spada in quanto oggetto magico dotato di poteri soprannaturali; l'area dove la penetrazione di questo oggetto ha lasciato tracce più evidenti è stata senza dubbio quella Tedesco-Norrena oggetto della mia analisi; la spada in quanto oggetto sacro diventa il simbolo della prosecuzione della specie trasmissibile attraverso la donazione di padre in figlio.
Da qui sono partito per un lungo viaggio raccontando le storie dei "fabbri", straordinari maestri nell'arte della forgiatura dei metalli, paragonati a semi-dei in quanto intervenivano sulla materia grezza plasmandola e formandola secondo un'antica tradizione esoterica gelosamente custodita.
Le loro esistenze si intrecciano con quelle degli eroi mitologici che ebbero in dono questi manufatti magici, e ne fecero strumento di protezione contro ogni forma di minaccia dell'ordine costituito, armi talmente potenti e di una tale forza suggestiva da identificarsi con l'iconografia religiosa cristiana.

La seconda parte invece è dedicata specificamente alla leggenda arturiana vista dagli occhi degli insigni scrittori che, prima e successivamente alla sua morte, narrarono la vita e le imprese da lui compiute, con riferimento alla spada Excalibur, e ad una alquanto suggestiva teoria avanzata da alcuni scrittori del Tardo Medioevo, secondo la quale non ci sarebbe una spada ma ben due spade magiche appartenute ad Artù, e che la spada estratta dalla roccia non sarebbe in realtà la mitica Excalibur.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. I N T R O D U Z I O N E L a spa da ne l c orso de lla sua e voluz ione si è a rric c hita di ulte riori e profondi signific a ti simbolic i e me ta foric i c he a nda va no be n a l di là de lla sua fre dda a ppa re nz a di ogge tto me ta llic o, e fu a ssunto c ome se gno distintivo da una nobile soc ie tà di gue rrie ri a c a va llo, pe r istruire gli iniz ia ti a lla stre tta osse rva nz a di que i c odic i di c omporta me nto c orte se , a ttra ve rso una ve ra e propria c e rimonia di inve stitura ne lla qua le il futuro c a va lie re a vre bbe giura to di e sse re il ga ra nte de ll’ordine soc ia le a dife sa de i più de boli e de lle donne . L a pa rtic ola re importa nz a a ttribuita a que st’a rma è da ta da l fa tto c he gli ste ssi c a va lie ri c onside ra va no la spa da ogge tto sa c ro, e la pa rtic ola re c onforma z ione proie tta ta de c isa me nte ve rso l’e ste rno sta biliva un prolunga me nto de lle virtù mora li e te ologa li de l c a va lie re e a llo ste sso te mpo se sgua ina ta in a ria pe rme tte va a lla sc intilla divina di unirsi a lla ma te ria informe de lla la ma . Inoltre la la ma se pa ra ta in due da un sottilissimo filo ra ppre se nta va il dua lismo de l be ne e de l ma le c osì c ome que llo fra uomo e donna . L a le tte ra tura me die va le e urope a è pa rtic ola rme nte fe c onda di le gge nde le ga te a spa de ma gic he , ma l’a re a dove la pe ne tra z ione di que sto ogge tto ha la sc ia to tra c c e più e vide nti, è sta ta sopra ttutto la z ona T e de sc o-Norre na , ogge tto de lla mia a tte nta a na lisi. Poe ti de l c a libro di Snorri Sturluson, se ppe ro c onse rva re e tra sme tte rc i fino a i nostri giorni, ma nte ne ndo la loro forma origina ria , le a ntic he na rra z ioni popola ri re c ita te o c a nta te da gli intra tte nitori di c orte , c he in Nord-E uropa e ra no c hia ma ti Sc a ldi. Que ste storie e ra no popola te da na ni-fa bbri, supre mi re a liz z a tori di a rmi dota te di pote ri ma gic i, i qua li dona rono que sto porte ntoso ma te ria le a gli De i in c a mbio di prote z ione . L a storia di V ǫ lundr, sul qua le mi sono soffe rma to in un pa ra gra fo a lui de dic a to, è e mble ma tic a in que sto se nso, poic hé fu lui c he ma ggiorme nte si distinse ne ll’a rte non solo me ta llurgic a , (a lui furono a ttribuite E xc a libur e Durlinda na ), ma a nc he in que lla ora fa , infa tti tutti c oloro c he lo a ndra nno a visita re sa ra nno a ttra tti da lla sua c olle z ione di sple ndidi ma nufa tti d’oro. Ac c a nto a lle ra c c olte di storie singole trovia mo ve re e proprie sa ghe , re soc onti di vic e nde fa miglia ri dove la spa da , qua le simbolo di tra smissione de l pote re di pa dre in figlio, c ostituisc e l’e le me nto c e ntra le ; la Sa ga de i Volsunghi è la re a liz z a z ione di que sta c a te na e ve nti c he non si e sa urisc ono a nc he se sopra vve nute c irc osta nz e ne ga tive a rriva no a

Laurea liv.I

Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale

Autore: Angelo Percoco Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 30 click dal 07/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.