Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'influenza del diritto dell'Unione Europea nel diritto del lavoro

Le competenze dell'Unione in materia di lavoro, in particolare riguardanti la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, hanno avuto un progressivo ampliamento nel tempo, rappresentando un caposaldo sin dall'inizio del cammino comunitario. La tutela della salute del lavoratore si concretizza tramite un insieme di processi finalizzati alla creazione, il mantenimento e gestione dei luoghi di lavoro affinché siano evitati i possibili rischi che corre il lavoratore.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 1.3: Diritti dell'uomo nel diritto internazionale La tutela dei diritti umani nell'ordinamento internazionale ha luogo sia mediante strumenti giuridicamente non vincolanti sia mediante convenzioni internazionali che, una volta in vigore, vincolano gli Stati che le abbiano ratificate o vi abbiano aderito. Va comunque sottolineato che diversamente da quanto accade nelle altre norme di diritto internazionale, tuttavia in questo caso le vittime effettive di una violazione non sono gli Stati ma sono i singoli individui. Il riconoscimento giuridico internazionale dei diritti dell'uomo ha rappresentato il più grande conquista di civiltà del XX secolo, disseminato di sanguinosi conflitti e teatro di due guerre mondiali. La garanzia dei diritti umani è diventata una preoccupazione costante della politica internazionale e materia di diritto internazionale. Come è noto nel diritto internazionale alcuni testi normativi hanno portata generale e carattere universale 6 . In particolare parliamo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948 e i Patti sui diritti civili e politici e sui diritti economici, sociali e culturali" del 1966 7 . Nonostante il carattere universale dell'impostazione di tali dettati normativi sembra difficile immaginare che gli stessi riescano a fungere da modello di Stato cui rivolgersi per tutti i diversissimi Paesi del mondo. Il II dopoguerra è stato caratterizzato da un graduale ampliamento della problematica dei diritti dell'uomo, la cui rilevanza non sarà più nuovamente interna ma anche sovranazionale. Si assiste infatti ad un progressivo fenomeno di "internazionalizzazione" 8 dei diritti umani, nato dall'esigenza concreta di salvaguardare l'insieme dei valori relativi alla persona umana al di là e contro la sovranità dei singoli Stati, esercitando un'influenza sia politica che morale tesa ad ottenere un'adesione universale all'idea dei diritti umani. Accolta nelle Dichiarazioni Universali, incorporata nelle Costituzioni e nelle legislazioni nazionali e riconosciuti negli accordi di diritto internazionale l'idea dei diritti umani divenne l'idea chiave del nostro tempo. 6 Cassese A., I diritti umani oggi, Edizioni Laterza, Roma - Bari, 2005, p. 60. 7 Universal Declaration of Human Rights approvata e proclamata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948; International Covenant on Civil and Political Rights adottati dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 16 dicembre 1966 ed entrati in vigore il 23 marzo 1976. 8 Descrive sia il fenomeno di un progressivo interessamento del diritto internazionale alla tematica dei diritti alla persona, ma può anche essere utilizzato un altro significato globale della problematica dei diritti dell'uomo, ossia per evidenziare come la realizzazione di alcuni diritti non possa non avvenire nell'ambito di una attiva collaborazione tra Stati.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Brunella Vivone Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 74 click dal 15/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.