Skip to content

Integrazione sociale ed inserimento lavorativo del soggetto sordo

Informazioni tesi

  Autore: Annarita Loconsole
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Maria Luigia Urbano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

L’handicap della sordità non è visibile a prima vista, non lo si distingue come tale dagli altri handicap, tanto da suscitare incredulità, stupore o derisione taluna volte.
Eppure si tratta di un handicap molto grave perché esclude l'individuo che ne è portatore da una società che non vi presta alcuna attenzione.
L'esperienza del non udire i suoni, le parole, le voci e i canti, non solo è già tragica in sè, ma diventa insostenibile per il fatto che la società odierna è strutturata per le persone che odono e parlano bene.
In conseguenza, le rapide comunicazioni verbali e sonore di oggi relegano il non-udente in una nuova emarginazione nella quale il sordo resta solo con la sua menomazione invisibile, non suscitando nemmeno “pietà”, come avviene, talvolta, per altri portatori di handicap.
Lo scopo di questo lavoro è di guardare ai vari handicap, ed analizzare in modo più approfondito l’handicap sensoriale della sordità, sotto i vari aspetti:
- integrazione sociale, non solo avendo una visione contestualizzata all’Italia ma anche ad altri Paesi Europei (Svezia e Germania);
- inserimento lavorativo, anch’esso, non solo avendo una visione contestualizzata all’Italia ma anche ad altri Paesi Europei (Svezia e Germania); ed analizzandolo anche, da un punto di vista sia formativo che legislativo.
A tal proposito non si può dimenticare che, la società richiede a tutti i suoi componenti collaborazione e partecipazione attiva, per una migliore integrazione sociale in cui sono coinvolte anche le persone sorde.
A loro, più che ad altri, l’integrazione costerà sforzi e tentativi ripetuti di “normalizzazione”, portandoli a vivere l'esperienza di handicap, con un'aspettativa di efficienza superiore alle loro abilità, che, potrebbe essere considerata necessaria per conseguire gli obiettivi di una completa integrazione.
Non si tratterebbe, pertanto, di “rifiutare l'handicap” e facilitare l'integrazione delle persone sorde abbassando il livello di aspettativa nei loro confronti, ma significherebbe evitare che queste persone vengano trattate come se fossero inabili o più disabili di quanto effettivamente siano.
Infatti il sordo è un soggetto che deve essere aiutato, riabilitato dove è possibile, accettato nel mondo del lavoro, ma soprattutto deve essere in tutte queste situazioni Soggetto e non Oggetto, solo così sarà protagonista del suo handicap.
Infine, per analizzare l’integrazione del sordo, guardando ad ampio raggio non restringendola solo alla situazione italiana, ho preferito attuare il confronto tra quest’ultima e le situazioni in Svezia ed in Germania.
In Germania si è attuata una vera e propria integrazione sia sociale che lavorativa, tale da far convivere sordi ed udenti con il supporto di tecnologie altamente avanzate. Mentre in Svezia si è costituito un apposito gruppo di consiglieri per l’orientamento al lavoro dei non udenti nell’Ente Nazionale Svedese per il Mercato del Lavoro che, offre lo stesso servizio ai sordi come agli udenti attraverso l'Ufficio di Collocamento e l'Istituto Nazionale per il Mercato del Lavoro.
Alla luce di questo confronto si può descrivere la situazione italiana, che è pressoché disorganizzata in campo sia sociale che lavorativo; infatti nel momento in cui, per esempio, un soggetto sordo voglia frequentare un corso di formazione professionale, regionale, diventa molto difficile, reperire sussidi, strumenti ed interpreti, che dovrebbero essere alla base della preparazione del suddetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE II sordo è un handicappato particolare. II suo handicap non è visibile a prima vista, non lo si distingue come tale dagli altri esseri umani; può addirittura suscitare incredulità, stupore o derisione. Eppure si tratta di un handicap molto grave perché esclude l'individuo che ne è portatore da una società che non vi presta alcuna attenzione. L'esperienza del non udire i suoni, le parole, le voci e i canti, non solo è già tragica in se, ma diventa insostenibile per il fatto che la società odierna è strutturata per le persone che odono e parlano bene. In conseguenza, le rapide comunicazioni verbali e sonore di oggi relegano il non-udente in una nuova emarginazione nella quale il sordo resta solo con la sua menomazione invisibile, non suscitando nemmeno “pietà”, come avviene, talvolta, per altri portatori di handicap. Lo scopo di questo lavoro è di guardare ai vari handicap, ed analizzare in modo più approfondito l’handicap sensoriale della sordità, sotto i vari aspetti: -integrazione sociale, non solo avendo una visione contestualizzata all’Italia ma anche ad altri Paesi Europei (Svezia e Germania); -inserimento lavorativo, anch’esso, non solo avendo una visione contestualizzata all’Italia ma anche ad altri Paesi Europei (Svezia e Germania); ed analizzandolo anche, da un punto di vista sia formativo che legislativo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

collocamento obbligatorio
inserimento lavorativo
integrazione sociale
psicologia del lavoro
sordità
legge n. 68/1999
collocamento obbligatorio dei disabili
avviamento obbligatorio
disabili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi