Skip to content

L'eredità basagliana

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Pelloni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Alessandro Bosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Questo lavoro si pone come obiettivo la ricerca di un’eredità basagliana presunta, associando lo studio dei testi all’analisi di undici interviste di testimoni significativi (Franca Ongaro Basaglia, Tommasini, Mistura, Tradardi, Bianchi, Urbani, Pellegrini, Mazzacurati, Bergnoli, Maini, Bernini). La tesi si struttura quindi in due parti: la prima trae spunto dalla lettura e dall’analisi dei testi basagliani, la seconda interpreta il contributo di persone che hanno incontrato Basaglia direttamente o indirettamente in tre campi: i rapporti amicali o interpersonali, rapporti con la legge da lui ispirata, rapporti col lavoro nei servizi psichiatrici.
Non era possibile parlare di eredità basagliana senza considerare la notevole quantità di scritti che ha prodotto. La prima parte della tesi è frutto della lettura dei suoi testi da Che cos’è la psichiatria fino a La nave che affonda e alle Conferenze brasiliane. Si raccolgono nel primo capitolo alcuni elementi che si sono ritenuti importanti per la comprensione del lavoro: contributi di autori come Goffman e spunti dalle parole chiave del ‘discorso basagliano’. L'impostazione dell’indagine attraverso le interviste, si è concentrata su due elementi: la scelta dei testimoni significativi e l’individuazione degli argomenti più adatti per corrispondere all’obiettivo della tesi. Sono stati così individuati tre nuclei di questioni:
1. La figura di Basaglia e il tempo in cui ha vissuto, la caratterizzazione culturale che ha contraddistinto l'attività e la lotta politica per la chiusura dei manicomi insieme alla realtà del territorio parmense.
2. In secondo luogo la legge 180, legge riformatrice per eccellenza (N. Bobbio), cosa ha cambiato, dove si è mostrata lacunosa e quali prospettive ha dato e continua a dare ai servizi.
3. In terzo luogo la realtà dei servizi oggi.
Il percorso dell'intervista è un itinerario che va da una attenzione espressa per Basaglia, per arrivare ad una lettura critica della psichiatria odierna. La terza e ultima parte, la più cospicua in quanto composta da ben otto domande, ha una sua indiscutibile indipendenza rispetto a Basaglia e alla sua figura, ed assume nel contesto dell'intervista in generale una connotazione del tutto particolare, che permette il confronto tra la lettura basagliana e l'esperienza professionale dei diversi soggetti coinvolti.

Parte I
Basaglia ha scritto numerosi testi e ha dato un contributo notevole al dibattito culturale del suo tempo, dibattito non ancora concluso. E’ innegabile l’influenza che i suoi scritti hanno avuto nella diffusione del suo pensiero e nella formazione di numerosi professionisti. I testi sono stati utilizzati come spunto per una riflessione coerente con l’approccio basagliano, più che per una definizione del suo pensiero, nella consapevolezza che l’analisi dei suoi scritti rimane una base importante da cui partire e un elemento di continuità.

Parte II
La seconda pone il quesito della tesi: c’è un’eredità basagliana? E se la risposta è affermativa, in che cosa consiste? L’ipotesi di partenza è che, se questa è presente, la si può rintracciare attraverso il racconto di chi lo ha conosciuto di persona o di chi lavora nel campo dei servizi psichiatrici, che sono certamente influenzati dalla legge 180.
Attraverso un'analisi critica dell'eredità basagliana, si vuole delineare un ritratto aggiornato dei servizi psichiatrici odierni, delle tendenze e delle prospettive verso cui si muovono.

** Risultati conseguiti**
Parlare di eredità è chiedersi se c’è un patrimonio che dal passato può produrre ricchezza per l’oggi. Basaglia ha lavorato in una società diversa dalla nostra, in una cultura differente, ha ispirato una legge che ha 20 anni e che è il frutto di un lavoro che ha iniziato quasi 40 anni fa. L’obiettivo della ricerca è stato raggiunto attraverso i suoi testi e il contributo di persone che lo hanno conosciuto di persona: l'eredità è composta di scritti intrisi di una sensibilità non pregiudiziale verso il folle, di una personalità capace e carismatica, di una legge che cerca di ispirarsi ai suoi principi, di servizi che devono rapportarsi con un disagio non più rinchiuso e diffuso.
In questo l’elemento implicito più evidente nel suo lavoro è la volontà di lasciare un’eredità utopica che, prima di essere condivisa, convincente, realizzata o scientifica, deve essere etica. Vi è un’eredità basagliana non trascurabile nei tre elementi che hanno sintetizzato gli intervistati: il ricordo della sua personalità, la dibattuta esistenza della legge, l’odierna configurazione dei servizi. Gli intervistati affermano, davanti alla realtà odierna, che occorra schierarsi davanti ad un contributo che può essere considerato positivo o negativo, ma non prescindibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa metodologica. Questo lavoro si pone come obiettivo la ricerca di un’eredità basagliana presunta, associando lo studio dei testi all’analisi di undici interviste di testimoni significativi. La tesi si struttura quindi in due parti: la prima trae spunto dalla lettura e dall’analisi dei testi basagliani, la seconda interpreta il contributo di persone che hanno incontrato Basaglia direttamente o indirettamente in tre campi: i rapporti amicali o interpersonali, rapporti con la legge da lui ispirata, rapporti col lavoro nei servizi psichiatrici. Non era possibile parlare di eredità basagliana senza considerare la notevole quantità di scritti che ha prodotto. La prima parte della tesi è frutto della lettura dei suoi testi da ‘Che cos’è la psichiatria’ 1 fino a ‘La nave che affonda’ e alle ‘Conferenze brasiliane’. Si raccolgono nel primo capitolo alcuni elementi che si sono ritenuti importanti per la comprensione del lavoro: contributi di autori come Goffman e spunti dalle parole chiave del ‘discorso basagliano’. L'impostazione dell’indagine attraverso le interviste, si è concentrata su due elementi: la scelta dei testimoni significativi e l’individuazione degli argomenti più adatti per corrispondere all’obiettivo della tesi. Sono stati così individuati tre nuclei di questioni: 1. La figura di Basaglia, il tempo in cui ha vissuto, la caratterizzazione culturale che ha contraddistinto l'attività e la lotta politica per la chiusura dei manicomi insieme alla realtà del territorio parmense. 2. In secondo luogo la legge 180, legge riformatrice per eccellenza ( una vera e propria rarità secondo Norberto Bobbio nella legislazione italiana 2 ), cosa ha cambiato, dove si è mostrata lacunosa e quali prospettive ha dato e continua a dare ai servizi. 3. In terzo luogo la realtà dei servizi oggi. Il percorso dell'intervista è un itinerario che va da una attenzione espressa per Basaglia, per arrivare ad una lettura critica della psichiatria odierna. La terza e ultima parte, la più cospicua in quanto composta da ben otto domande, ha una sua 1 Nonostante vi siano scritti precedenti a questo (raccolti in Basaglia F., Scritti, vol. I, Franca Ongaro Basaglia (a cura di), Einaudi, Torino, 1981 ), si è preferito scegliere i testi che si ritiene abbiano espresso con maggiore chiarezza l’originalità e il pensiero di Franco Basaglia. 2 AA.VV., Follia e paradosso, Laboratorio di filosofia contemporanea di Trieste, edizioni e, Trieste, 1995, pg. 34.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

franco basaglia
legge basaglia
manicomi
ospedali psichiatrici
legge n. 180-1978

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi