Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing del centro commerciale: un approccio relazionale

Questo lavoro affronta la realtà del centro commerciale nel tentativo di comprenderne la formula imprenditoriale e proporre delle vie percorribili al fine di migliorare i suoi processi di business.
La formula imprenditoriale viene analizzata secondo un approccio che considera il centro un unico organismo vivente che si configura come un mediatore puro ed un aggregatore di una moltitudine di relazioni e microtransazioni.
I suoi spazi, oltre a permettere la convergenza tra gli interessi della Grande Distribuzione, dei dettaglianti specializzati e della comunità di riferimento, comunicano.
Al fine di supportare questa identità organica ed aumentare la portata del dialogo è stato proposto l?utilizzo di una carta ?centro commerciale? capace di creare una dimensione di fidelizzazione a livello di centro, inteso nella sua totalità, iniziando così una modalità di personalizzazione del percorso di offerta che replica e razionalizza le n-dimensioni di fidelizzazione (relative ai diversi operatori) in un'unica dimensione unitaria.
La carta diventa, insieme alla tecnologia, fattore abilitante una serie di servizi relazionali integrati che permettono un dialogo ed una relazione sempre più personalizzata.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione V Introduzione Questo lavoro affronta la realtà del centro commerciale nel tentativo di comprenderne la formula imprenditoriale e proporre delle vie percorribili al fine di migliorare i suoi processi di business. Il primo obiettivo che ci si è posti è stato quello di creare una piattaforma teorica di conoscenza volta ad inquadrare il fenomeno distributivo. Vengono quindi esplorate le sue origini e l’evoluzione storica nell’esperienza americana ed in quella europea al fine di poter arrivare a formalizzare una definizione. E’ apparso immediatamente chiaro come sia limitante considerare il centro commerciale come un insieme di operatori sotto lo stesso tetto. E’ più sensato pensare a tale struttura come ad un organismo vivente formato da spazi funzionali e ricreativi percorsi e vissuti dalle dinamiche della domanda e dell’offerta; si presenta dunque come una delle realtà più innovative ed interessanti del sistema distributivo in quanto si dimostra come uno strumento di estrema funzionalità e flessibilità. E’ possibile dunque considerare il centro commerciale come uno degli spazi autosufficienti più completi che offre alla sua comunità di riferimento delle opportunità di consumo configurandosi come un sottoinsieme cittadino costituito anch’esso da un complesso di vie, piazze e strutture aventi caratteristiche storiche, topografiche ed edilizie particolari. I suoi spazi permettono di ottenere la convergenza tra gli interessi della Grande Distribuzione, dei dettaglianti specializzati e della comunità di riferimento e quindi si configura come un mediatore puro ed un aggregatore di una moltitudine di relazioni e microtransazioni. Il successo della formula dipende proprio dalla capacità manageriale

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Veneziani Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8845 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.