Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impresa familiare

La tesi descrive l'evoluzione dell'istituto giuridico noto come "impresa familiare" disciplinato dall'art.230 bis del cod.civile, introdotto con la legge di modifica del diritto di famiglia.
Nella tesi si parte da una breve descrizione della disciplina prima della riforma, per poi analizzare nel dettaglio tutti gli aspetti salienti dell'impresa familiare.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I I precedenti della Riforma del diritto di famiglia. 1. Il lavoro familiare prima della riforma. Prima della riforma del diritto di famiglia, introdotta con legge 19 maggio 1975 n.151, il lavoro familiare aveva ricevuto un inquadramento giuridico solamente da parte della dottrina e della giurisprudenza. Prima di tale momento, infatti, questo particolare tipo di lavoro, aveva avuto una disciplina legislativa solamente occasionale e frammentaria. Dottrina e giurisprudenza, in particolare, erano concordi nel considerare elemento caratterizzante di tale rapporto di lavoro quello della “gratuità”, ritenuto come il simbolo del particolare intento di benevolenza che lo anima”. 1 Tale gratuità era intesa, naturalmente, nel senso che alla prestazione del lavoratore non corrispondesse alcuna controprestazione del datore di lavoro; si doveva infatti presumere che, tra persone conviventi e legate da vincoli di parentela, affinità o coniugio, la prestazione venisse effettuata benevolentiae vel affectionis causa, o per solidarietà familiare, ovvero come adempimento del dovere correlativo al diritto al mantenimento. 2 Per rapporto di lavoro familiare, invece, si intendeva quello intercorrente tra “coniugi, tra genitori e figli, e con parenti ed affini del datore non oltre il terzo grado che fossero col medesimo conviventi ed a suo carico”. 3 Oltre che dalla presunzione di gratuità della prestazione di lavoro, il rapporto di lavoro familiare era ritenuto caratterizzato dall’assenza di una fonte contrattuale. In siffatto contesto emergeva che tale lavoro, pur ricevendo, sotto il profilo economico, un altissimo valore d’uso, non otteneva alcun riconoscimento in termini di valore di scambio. 1 Per la ricostruzione di questa tesi v. DI FRANCIA, Il rapporto di impresa familiare, Padova, 1991, pag.2 2 TANZI, Impresa familiare: I) Diritto commerciale, n.1, EGI, XVI, Roma, 1989, pag.5. 3 GHEZZI, La prestazione di lavoro nella comunità familiare, Milano, 1960, pag. 119.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maurizio Antonmaria Innocenti Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11442 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.