Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dinamiche competitive e strategie di internazionalizzazione nel settore del calcio: alcuni casi a confronto

ABSTRACT: In questo studio si è analizzata l’applicabilità delle teorie dell’internazionalizzazione ad un settore atipico come il calcio. L’analisi è partita da un’indagine sul “fenomeno calcio”, un settore in crescente espansione grazie ai soldi investiti da sponsor e televisioni. Essi hanno fatto partire una rivoluzione che ha trasformato le società di calcio in vere e proprie aziende. Le società di calcio, affrontando questa nuova realtà, si sono trovate impreparate a gestire una nuova complessità organizzativa ed hanno focalizzato la loro attenzione sugli aspetti sportivi tralasciando quelli economici. Esistono perciò forti squilibri nei bilanci delle società italiane. Qui entra in gioco l’internazionalizzazione. Sulla base della teoria della creazione del valore di M.P orter si è elaborata una catena del valore delle società di calcio e si è indagato sulle attività che creano valore. Partendo da questa elaborazione si è poi parlato di internazionalizzazione individuando le attività delle società maggiormente internazionalizzate e concludendo che l’internazionalizzazione di alcune di queste attività ha un influsso positivo sui bilanci delle società garantendo nuove forme di ricavi e slegando quindi in parte la gestione delle società dai risultati sportivi.
Lo studio della tesi è stato completato da un confronto fra le strategie di internazionalizzazione di alcune squadre italiane come Milan e Juventus ed il benchmark del settore, il Manchester United. Se ne è concluso che i club italiani stiano seguendo la strada della “globalizzazione” intrapresa dal club britannico, senza però ancora averne raggiunto i risultati.
Al termine di questo studio sembra di poter confermare l’assunto che le società di calcio necessitano di rivolgersi ai mercati internazionali per perseguire l’economicità.

Mostra/Nascondi contenuto.
I PREMESSA. ello studio di questa tesi si assumerà che il movimento calcistico sia definibile come un settore a sé stante. Ciò potrebbe dare adito a qualche dubbio. Prima di cominciare a trattare l'analisi del settore “calcio”, è opportuno mettere a fuoco il concetto di settore e le ragioni che spingono a considerare il movimento calcistico come un fenomeno da studiare separatamente. In generale, un settore è inteso come un insieme omogeneo di aziende (con riferimento alle aziende di produzione, aziende che producono beni analoghi) legate da relazioni di interdipendenza (relazioni di concorrenza o di altro tipo) 1 . In Economia aziendale l’oggetto caratteristico di analisi è l’azienda; il settore è categoria di osservazione dell’ambiente di aziende. L’analisi dei settori in Economia aziendale non si compie solo con riferimento alle aziende di produzione. Essa si estende a tutti gli ordini di aziende. I settori non sono configurati solo dalle relazioni di concorrenza, ma si adotta una visione più ampia definendoli “quegli insiemi di aziende i cui comportamenti sono connessi da relazioni dinamiche intense per via di combinazioni economiche simili e per l’operare sugli stessi mercati, non solo nella posizione di venditori tra loro in concorrenza” 2 . Il settore è un insieme di aziende che hanno combinazioni economiche simili di processi economici caratteristici; operano negli stessi mercati o in mercati strettamente collegati. I mercati rispetto ai quali si definiscono i settori sono mercati di approvvigionamento e mercati di vendita, mercati di merci e di servizi di ogni specie, mercati del credito e dell’assicurazione. I settori si configurano anche in relazione alle strutture economiche d’ambiente della domanda e dell’offerta di lavoro, di capitali di rischio e di beni pubblici. Ciascuna azienda partecipa a tanti settori quanti sono i mercati in cui essa opera in compagnia di un significativo numero di aziende con combinazioni economiche simili. Il calcio europeo è parte integrante dell’industria mondiale dell’intrattenimento 3 . Essa sviluppa oggi, secondo le ultime stime, un fatturato di 340 miliardi di dollari solo negli 1 Cfr.pag.258 del libro “Economia Aziendale”, Airoldi-Brunetti-Coda, 1994. 2 Cfr.pag.263 di “Economia Aziendale”, Airoldi-Brunetti-Coda, 1994. 3 Cfr.pag.40 de “ Le società di calcio professionistiche”, G.Basile-M.Brunelli-G.Cazzulo, 1997. N

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carlo Spiga Contatta »

Composta da 269 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5301 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.