Skip to content

Guerra psicologica e strategia: da mezzo estemporaneo a dottrina sistemica

Informazioni tesi

  Autore: Luca Liotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luciano Bozzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 205

L’uomo è un essere soggetto totalmente alle sollecitazioni esterne, poiché costretto a vivere ed a muoversi in un sistema dal quale ne dipende in maniera completa e assoluta.
Ai bisogni codificati dalla scienza economica si sono, via via, aggiunti in modo particolare quelli di carattere “sociale e conoscitivo”, frutto più di spinte esterne che di vera e propria forza intrinseca. Vi è tuttavia una serie di bisogni del tutto particolari, delicatissimi, di recente scoperta: quelli psicologici. Uno dei sogni dell’uomo, consiste nel cosiddetto “controllo delle menti”.
Il cosiddetto lavaggio del cervello, l’ipnosi, l’impiego di sostanze stupefacenti per neutralizzare la volontà o carpire informazioni e segreti, imporre comportamenti mediante l’asservimento invisibile della mente. Tali rappresentano però esclusivamente soluzioni tipicamente individuali. Quando l’obiettivo ha le dimensioni di un gruppo abbastanza numeroso, quale per esempio una nazione o un gruppo di popolazioni, le procedure menzionate divengono impraticabili.
Da qui il bisogno di ricorrere a metodologie sistemiche di tipo diverso, in grado di agire sull’intero tessuto connettivo che s’intende aggredire.
L’insieme delle operazioni, delle azioni, delle iniziative tendenti a conseguire l’obiettivo di assumere il controllo di grandi strati di masse e di pilotarne le opinioni, i giudizi e le conseguenti manifestazioni, agendo sulla ricettività istintiva, sull’emotività nonché sul processo formativo delle valutazioni, si definisce Guerra Psicologica.
Per non allontanarsi dall’obiettivo di focalizzare una definizione di guerra psicologica, si deve subito precisare che per guerra non s’intende solo il conflitto armato, ma tutto l'ampio ventaglio di guerra, nel quale il confronto militare è soltanto l'ultimo aspetto. Possiamo ancora definirla, in via generale, come l’impiego da parte di una nazione di tutte le sue risorse, nonché azioni, allo scopo di creare una situazione di pace, o di guerra (non guerreggiata) rispondente alle esigenze politiche della nazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO I INTRODUZIONE ED ANALISI “La rivoluzione tecnologica ha mutato radicalmente il concetto della guerra e la maniera di combattere. Colpire le comunicazioni del nemico e difendere le proprie è sempre stata una tattica vincente, fin dai tempi dello stratega cinese Sun Tzu e, più tardi, di von Clausewitz. Oggi questo duello è essenzialmente cambiato spingendosi anche al di là della logica umana…” 1.1 Definizione della “guerra psicologica” L’uomo è un essere soggetto totalmente alle sollecitazioni esterne, poiché costretto viver ed a muoversi in un sistema dal quale ne dipende in maniera completa e assoluta. Ai bisogni codificati dalla scienza economica si sono, via via, aggiunti in modo particolare quelli di carattere “sociale e conoscitivo”, frutto più di spinte esterne che di vera e propria forza intrinseca. Vi è tuttavia una serie di bisogni del tutto particolari, delicatissimi, di recente scoperta 1 : quelli psicologici: 2 1 La nascita della psicologia sociale coincide con le prime ipotesi e concetti circa le influenze che alcuni input esterni hanno nella crescita e formazione dell’essere umano. In particolare la psicologia sociale studia i rapporti tra gli individui e le società in cui vivono, particolarmente quei rapporti che sono mediati dall’interazione faccia a faccia. L’essere umano terminata la sua fase di crescita e d’apprendimento, interagisce con le istituzioni economiche, legali, religiose, politiche ed altre. Vista sotto quest’aspetto è in un certo modo una scienza interstiziale: mira a collegare lo studio dell'individuo mediante la psicologia generale e le scienze biologiche a quello della società mediante la sociologia e altre scienze sociali. Il termine psicologia sociale non apparve fino al 1908, quando fu usato due volte da W. McDougall, Bach psicologo britannico e da E. A. Ross sociologo americano. Però le immediate origini di quella che è divenuta la psicologia sociale furono evidenti per circa mezzo secolo prima di allora. Molti dei fondatori erano europei. Le Bon, Tarde e Durkheim in Francia; Simmel, Weber e Wundt in Germania; Freud in Austria e Darwin, Spencer in gran Bretagna possono essere tutti visti o almeno in parte, come collaboratori alla nascita della disciplina emergente. Le principali influenze sociologiche furono quella della scuola di Chicago d’interazionismo simbolico, derivato a sua volta dalla filosofia pragmatica americana. Mead colla sua analisi del 1934 della costruzione sociale. Ma bisogna citare anche Cooley, W. I. Thomas e più recentemente Goffman. GREGORY, RICHARD L., “Enciclopedia Oxford della Mente”, Milano, Biblioteca Universale Sansoni, 1991, Pag.755. 2 Quando i bisogni fisiologici, bisogni primari, sono stati gratificati.Emerge una nuova serie di bisogni che possiamo categorizzare come di livello psicologico. L’organismo può essere interamente dominato, come molti psicologi provano, anche da questi. Questi, possono funzionare da organizzatori quasi esclusivi del comportamento umano. MASLOW, A.H., “Motivation and Personality”, N w York, Harper & Row, 1954.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guerra psicologica
studi strategici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi