Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teoria e pratica della traduzione. Storia, evoluzione e differenziazioni specialistiche

Questo lavoro, che può sorprendere d’emblèe in un contesto di studi economici, ha come scopo di offrire un’indagine ad ampio raggio sul campo della traduzione, in particolare quella tecnica/specialistica, e trova le sue ragioni proprio sulla base di alcune considerazioni di carattere economico-commerciale.
In effetti, le aziende internazionali e le multinazionali, nell’adottare le proprie politiche di marketing, devono necessariamente tener conto delle diversità culturali nei vari paesi, se vogliono che le loro scelte risultino vincenti sui diversi mercati; nello specifico si deve prendere in considerazione un aspetto della cultura particolarmente interessante nella comunicazione, e cioè le diversità linguistiche.
Il commercio, infatti, è soprattutto un’attività di comunicazione con il consumatore finale, e soltanto una comunicazione ‘corretta’ permetterà di raggiungere gli obiettivi prefissati dall’impresa. In definitiva, per vendere il proprio prodotto, l’impresa deve ‘parlare’ la lingua del consumatore finale.
Inoltre questo studio consente di approfondire la conoscenza di una lingua straniera (francese) che può risultare un atout estremamente importante nel mercato del lavoro.
L’analisi sul campo traduttivo procederà su tre livelli cui corrisponderanno tre distinti capitoli. Nel primo capitolo (1.) si presenta l’evoluzione storico-teorica della traduzione a partire dal XVI secolo in poi, con particolare attenzione al XX secolo.
Nel secondo capitolo (2.) sarà affrontato il problema della metodologia traduttiva che verrà sviluppato, a sua volta, su tre piani: il primo di natura introduttiva, avrà lo scopo di circoscrivere il nostro campo di analisi: la traduzione tecnica (2.1.); un secondo piano, che occuperà la parte più rilevante del secondo capitolo, sarà incentrato sulle varie fasi che compongono il processo traduttivo: decodifica, comprensione del senso e riformulazione (2.2.); ed infine si darà uno sguardo alle diverse tecniche traduttive, privilegiando quelle maggiormente applicate, racchiuse nelle due categorie: “traduction directe” e “traduction oblique” (2.3.).
Nell’ultimo capitolo (3.) la nostra attenzione verrà rivolta a specifici campi specializzati, in stretta relazione con la natura dei nostri studi: economia (3.1.), pubblicità (3.2.) e diritto (3.3), in cui si metteranno in risalto le peculiarità di ognuno. In particolare, dell’economia soprattutto le differenze morfo-sintattiche e lessicali, della pubblicità le strategie e le corrispondenti tecniche traduttive applicate alle denominazioni e agli slogan, e del diritto le caratteristiche (norma giuridica, effetti giuridici, equivalenza concettuale) che ne fanno un tipo di traduzione assolutamente unico (/o impossibile ?).
Inoltre l’indagine proseguirà in altri settori specializzati (3.4.), quali: informatica (3.4.1.), giornali (3.4.2.) e fumetti (3.4.3.), ed infine un accenno sarà riservato alla traduzione automatica (3.5), settore che, dopo un momento di grande entusiasmo, fa attualmente i conti con l’impossibilità di ridurre a funzionamento meccanico la ricchezza e la complessità dell’attività mentale.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Questo lavoro, che pu� sorprendere d’emblée in un contesto di studi economici, ha come scopo di offrire un�indagine ad ampio raggio sul campo della traduzione e, in effetti, trova le sue ragioni proprio sulla base di alcune considerazioni di carattere economico-commerciale. Le societ� odierne, pi� che mai, hanno sviluppato un alto grado d�apertura verso gli altri paesi e le altre culture, grazie anche alle nuove tecnologie che facilitano la comunicazione e l�interscambio. Le aziende internazionali e le multinazionali, nell�adottare le proprie strategie di mercato, e dunque le proprie politiche di marketing, devono necessariamente tener conto delle diversit� culturali nei vari paesi, se vogliono che le loro scelte risultino vincenti sui diversi mercati; in particolare si deve prendere in considerazione un aspetto della cultura particolarmente importante nella comunicazione, e cio� le diversit� linguistiche. Il commercio, infatti, � soprattutto un�attivit� di comunicazione con il consumatore finale, e soltanto una comunicazione �corretta� permetter�

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Avitabile Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18437 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.