Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I diritti umani al femminile. La ''circoncisione femminile'' quale violazione dei diritti della donna

In questa tesi si tratterà della mutilazione genitale femminile, una delle più evidenti violenze inflitte alle donne.
L'infibulazione costituisce un problema delicato e controverso che porta con sé implicazioni religiose, culturali ed ideologiche e crea reazioni emotive sia in coloro che l'hanno subita, sia nella società occidentale che che sente estranea questa mutilazione e che la vede quale violenza perpetrata sulla donna.
Si è venuti a conoscenza del fenomeno in terra di immigrazione piuttosto che in terra d'origine. Questo a causa dell'immigrazione massicce di popolazioni del Terzo Mondo che hanno portato con sé tradizioni ed esigenze diverse.
Il fenomeno viene analizzato da più punti di vista:
Punto di vista culturale: La pratica crea dei veri e propri conflitti culturali. E' strettamente connessa al tema dell'immigrazione, integrazione e accettazione di altre culture.
Bisogna sottolineare l'importanza del rispetto delle altre culture, che trova comunque un limite quando lede i diritti fondamentali della persona, l'integrità fisica e la dignità umana.
Punto di vista internazionale: Si analizza il fenomeno con riferimento ai diritti umani delle donne e al loro sviluppo nella scena internazionale, il ruolo delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea riguardo al fenomeno.
Inoltre il tema è legato all'istituto dell'asilo politico per le donne che, ribellandosi alla tradizione, cercano rifugio in occidente.
Strategie per l'abolizione della pratica: Analisi dei diversi progetti in Africa che hanno lo scopo di informare ed educare, rispettando la cultura africana e cercando sempre di non imporre la mentalità occidentale e i nostri modelli culturali.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione In questa relazione si trattera´ della mutilazione genitale femminile, una delle piu´ evidenti violenze inflitte alle donne. Per rispetto delle donne africane non vorrei utilizzare il termine “ mutilazione “; si dovrebbe usare il termine circoncisione, cosi´ come viene usato nella terminologia africana. Usero´ il termine mutilazione per meglio rendere la crudelta´ di questo rito, cercando di rispettare la sensibilita´ delle donne africane. L´ infibulazione costituisce un problema delicato e controverso che porta con se´ implicazioni religiose, culturali ed ideologiche e crea reazioni emotive sia in coloro che l´ hanno subita, sia nelle persone che vivono nella cultura ove questa pratica e´ comune, sia in noi che viviamo in una societa´che sente estranea questa mutilazione e che la vede come una violenza perpetrata sulla donna. Nell´ ultimo trentennio vi e´ stata un´ attenzione crescente nei confronti di questa pratica che “ mutila “ la dignita´ e l´ integrita´ fisica di milioni di bambine e donne. Il motivo e´ molto semplice: vi e´ stata un´ immigrazione massiccia da parte di persone provenienti soprattutto dai paesi del Terzo Mondo che hanno portato nuove culture e religioni, esperienze ed esigenze diverse oltre a problematiche economiche e sociali. Si e´ cosi´ venuti a conoscenza di questa pratica tradizionale non in terra d´ origine, ma in terra d´ immigrazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Sabrina Olivieri Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16818 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.