Skip to content

Il petrolio nel parco: politica energetica e tutela del territorio in Val d'Agri

Informazioni tesi

  Autore: Erika Ricci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Dario Biocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 197

Questo lavoro si propone di analizzare la relazione tra politica, economia, risorse energetiche e naturali in Val d’Agri, e in particolare i processi che hanno portato alla perimetrazione di un'area abbastanza vasta da essere destinata a diventare parco nazionale, in un territorio interessato da decenni dalla ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi.
La Valle, che prende il nome dal fiume Agri, è una delle più belle della Regione Basilicata ed interessa 29 Comuni e 3 Comunità Montane. Il comprensorio è molto diversificato: dagli ambienti tipicamente montani dell’Appenino lucano, ricchi di boschi di faggi, querce e castagni, si passa a quelli collinari, coltivati a vigneti ed oliveti, fino a giungere alla pianura, in cui si trova lo splendido Lago del Pertusillo.
In un contesto economico precario quale quello della Basilicata, due sono le ricchezze fondamentali di questa zona: il turismo e le attività di ricerca di nuovi giacimenti petroliferi, nonché la coltivazione di idrocarburi nelle postazioni già operative. Infatti l’AGIP ha scoperto un grande giacimento di petrolio proprio in quelle zone che già con la legge quadro sui parchi e sulle aree protette del 1991 erano state definite “aree di reperimento”, cioè futuro e possibile parco nazionale. L’interesse per questa area geografica da parte delle grandi compagnie petrolifere nazionali ed internazionali è scaturito soprattutto dal fatto che alcuni studi condotti dagli stessi colossi degli idrocarburi hanno messo in luce che quella della Val d’Agri sembra essere la più grande riserva petrolifera di terra d’Europa, in grado di soddisfare, al momento della messa a regime di tutti i pozzi previsti, circa il 10% del fabbisogno nazionale italiano. “Il petrolio. I parchi. Il petrolio dentro i parchi? Il petrolio e i parchi? Il petrolio o i parchi?”. Sono questi gli interrogativi, i nodi cruciali che pongono la Basilicata, la sua amministrazione locale ma soprattutto la sua popolazione, di fronte ad un bivio. La scelta non è solo tra il petrolio o il parco, ma coinvolge interessi preminenti in ambito non solo economico ma anche sociale, culturale, ecologico ed ambientale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
SINTESI Questo lavoro si propone di analizzare la relazione tra politica, economia, risorse energetiche e naturali in Val d’Agri, e in particolare i processi che hanno portato alla perimetrazione di un' area abbastanza vasta da essere destinata a diventare parco nazionale, in un territorio interessato da decenni dalla ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi. In un contesto economico precario quale quello della Basilicata 1 , due sono le ricchezze fondamentali di questa zona: il turismo e le attività di ricerca di nuovi giacimenti petroliferi, nonché la coltivazione di idrocarburi nelle postazioni già operative. Infatti l’AGIP 2 ha scoperto un grande giacimento di petrolio proprio in quelle zone che già con la legge quadro sui parchi e sulle aree protette 3 del 1991 erano state definite “aree di reperimento”, cioè futuro e possibile parco nazionale. L’interesse per questa area geografica da parte delle grandi comagnie petrolifere nazionali ed internazionali è scaturito soprattutto dal fatto che alcuni studi condotti dagli 1 La Basilicata è una delle regioni più povere d’Italia, tanto che solo la Calabria ha un reddito per abitante inferiore (rispettivamente 16 e 15 milioni di lire annue). Fonte: enciclopedia multimediale Encarta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi