Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Aggiornamenti Sociali'' 1950-1963: un percorso attraverso i cambiamenti politico-sociali negli anni della ricostruzione e del boom economico

Il lavoro è incentrato sull'analisi delle quattordici annate, che vanno dal 1950 al 1963, della rivista mensile "Aggiornamenti Sociali". Si tratta di una pubblicazione di area cattolica, moderata e progressista, che sul finire degli anni cinquanta decide di appoggiare l'apertura a sinistra proposta da alcune correnti democristiane come soluzione dell'immobilismo politico. Sono stati presi in considerazione esclusivamente gli articoli che si occupano di politica interna e di problemi del lavoro (sindacalismo, CISL, ACLI, rapporti tra CISL e CGIL ecc.). Questo perché i redattori, tutti gesuiti del Centro Studi Sociali di Piazza San Fedele a Milano, si dimostrano particolarmente attenti alle esigenze della nuova società industriale e delle masse in difficoltà. Nelle riflessioni di alcuni di questi gesuiti si trovano spunti importanti per meglio comprendere un periodo storico, gli anni cinquanta, troppo spesso trascurato. La straordinaria modernità dell'analisi politica e sociale della rivista va ben al di là dell'appartenenza ad una certa area culturale o del sostegno, per altro mai negato dalla redazione, al partito democristiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Aggiornamenti Sociali: alla ricerca della modernità Il 10 ottobre del 1949, il Superiore Generale dei gesuiti, padre Jean- Baptiste Janssens eman� la sua �Istruzione sull�apostolato sociale�, un documento con il quale s�invitavano i rappresentanti della Compagnia a concentrare le proprie forze nell�azione sociale, tenendo presente le crescenti difficolt� d�interpretazione che la societ� di massa portava con s�. La questione non era di poco conto, si trattava di un cambiamento d�indirizzo fondamentale per i gesuiti, del tentativo di entrare in �diretto contatto con i problemi della societ�, affrontati nella dimensione pi� quotidiana e pi� ruvida� 1 ; veniva in parte abbandonato l�astrattismo intellettuale in favore di un impegno concreto, altamente competente, nell�analisi sociale e nella comprensione del mondo moderno. A Milano, in quegli anni, era gi� attivo il Centro di Studi Sociali San Fedele, fondato nel 1946 e gestito dai gesuiti: esso intendeva dare un valido contributo alla rinascita democratica del paese, dopo il dramma della dittatura e della guerra, in particolare attraverso la sua attivit� culturale 2 . Fu proprio in quest�ambito che nacque, nel gennaio del 1950, Aggiornamenti Sociali, una rivista che, dal capoluogo lombardo, desiderava far sentire la propria voce, in contrasto con gli �indirizzi geddiani� della romana Orientamenti Sociali 3 , ma soprattutto fornendo ai propri lettori le indicazioni per analizzare la societ� contemporanea attraverso la dottrina sociale della Chiesa. In questo senso i gesuiti 1 A. FERRARI, Clero e società di massa. Il Centro di Studi Sociali San Fedele di Milano (1950- 1960), in “Orientamenti Sociali”, a. I, 1980, n. 8, p. 110. 2 Scrive a tal proposito Alberto Monticone: “ Da parte loro i padri di San Fedele avevano già progettato di applicare la dottrina sociale della Chiesa alla società italiana, fornendo gli strumenti culturali per agevolare la costruzione di una democrazia aperta alle necessità popolari e libera da tendenze stataliste ed autoritarie” (p.286). Cfr. A. MONTICONE, “Aggiornamenti Sociali” nella storia della Chiesa e della società in Italia, in “Aggiornamenti Sociali”, a. LI, 2000, n. 4, pp. 286- 298. 3 Vedi A. FERRARI, Fede e trasformazione socioculturale, in AA.VV., Storia di Milano, vol. XXVI, tomo II, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma 1996, p. 607-621.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Selmi Contatta »

Composta da 334 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2936 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.