Skip to content

Strumenti ''ibridi'' partecipativi: profili tipologici

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Dagnino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alberto Stagno d'Alcontres
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

Il lavoro ha ad oggetto un tema assai poco esplorato dalla dottrina, ma che si ritiene attirerà un interesse dirompente con la imminente entrata in vigore della riforma del diritto societario.
Vengono analizzati infatti i profili tipologici dei c.d. strumenti “ibridi” partecipativi, ossia di quelle forme di strumenti finanziari che presentano caratteristiche giuridiche ed economiche intermedie tra l’ ”azione” e l’ “obbligazione”, e per questo qualificati come “ibridi”.
Partendo dalla tradizionale distinzione nell’ambito delle forme di finanziamento delle società di capitali, tra “equity” inteso come capitale di rischio e “debt” inteso come capitale di debito, si tratta di quegli strumenti finanziari non pienamente inquadrabili nè nell’una nè tanto meno nell’altra categoria, bensì alla stregua di una qualificazione diffusa nella letteratura statunitense, qualificabili come “quasi equity” o “quasi debt”.
Le società per azioni infatti, dopo l’emanazione del Testo unico della finanza del 1998 e soprattutto dopo l’entrata in vigore della recentissima riforma organica delle società di capitali che entrerà in vigore il prossimo 1 gennaio 2004, vedono notevolmente ampliati i canali di finanziamento a loro disposizione sia attraverso una estensione dei concetto di “azione” e di obbligazione, ma soprattutto attraverso la previsione, all’ultimo comma dell’art. 2346 cod. civ., dei c.d. “altri strumenti finanziari partecipativi.
La tesi si articola in una introduzione, dedicata ad una panoramica di carattere generale sulla nascita lo sviluppo e la diffusione di questa “presunta” categoria di strumenti finanziari anche attraverso il confronto con dati di carattere empirico al fine di sottolinearne la crescente rilevanza, e di tre capitoli.
Il primo capitolo è dedicato all’analisi dei profili tipologici degli strumenti “ibridi” nella prassi e nella legislazione di alcuni tra i principali ordinamenti giuridici stranieri.
Vengono passate in rassegna, per quanto riguarda il sistema statunitense: a) le preferred shares, che costituiscono in qualche maniera il prototipo delle nostrane azioni di risparmio; b) il targeted stock, anticipazione dei nostri patrimoni separati; c) i perpetual preferred stocks; d) i trust preferred securities.
Per una analisi costruttiva dell’esperienza anglosassone degli ibridi vengono analizzate: a) le preference shares (anche queste in qualche maniera riconducibili alle azioni di risparmio); e b) i perpetual debentures (prestiti di carattere irredimibile).
Si passa infine, ad una visione panoramica dell’approccio continentale agli “ibridi”, attraverso una accurata analisi comparatistica dei c.d. certificati di partecipazione.
Il secondo capitolo intende analizzare lo spazio concesso agli strumenti “ibridi” dalla legislazione e dalla dottrina italiana prima della riforma.
A tal fine viene inquadrata la tradizionale bipartizione tra equity e debt nell’ambito della struttura finanziaria delle società di capitali, attraverso l’individuazione di quelli che erano prima della riforma i caratteri indefettibili delle fattispecie “azione” e “obbligazione”.
Si passa quindi all’analisi tipologica di alcune tra le principali forme “ibride” diffusesi nel nostro ordinamento.
Dunque: a) obbligazioni subordinate ed obbligazioni irredimibili previste dall’art. 12 del Testo unico bancario, con l’osservazione di una loro esplicita ammissione con il nuovo testo dell’art. 2411 cod. civ. anche per le società non bancarie; b) obbligazioni partecipanti (anche queste oggi espressamente previste dalla legge; c) obbligazioni convertibili in azioni.
Nel terzo ed ultimo capitolo vengono esaminati i profili tipologici degli strumenti “ibridi” nel Testo unico della finanza n. 58 del 1998 e nella riforma del diritto societario. In particolare vengono esaminati i seguenti aspetti: a) la problematica relativa alla opportunità di consentire l’emissione di strumenti finanziari “ibridi” in prospettiva di concorrenza tra ordinamenti giuridici; b) La possibilità di qualificare l’azione di risparmio (così come regolata dal T.u.f.) quale titolo tipico dal contenuto atipico attraverso il quale è possibile emettere un ampia varietà tipologici di strumenti “ibridi” partecipativi; c) La ricerca degli elementi indefettibili caratterizzanti le fattispecie “azione” ed “obbligazione” e la conseguente individuazione dei loro “confini” tipologici successivamente alla riforma del diritto societario; d) La dimostrazione di come la rinnovata elasticità delle fattispecie azionaria ed obbligazionaria consenta la possibilità di emettere una ampia varietà tipologica di strumenti “ibridi”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - INTRODUZIONE SOMMARIO: 1.Gli strumenti finanziari �ibridi� nella realt� internazionale e domestica. 1. Gli strumenti finanziari << ibridi >> nella realt� internazionale e domestica. Gli strumenti “ibridi” partecipativi sono strumenti finanziari con caratteristiche giuridiche ed economiche intermedie tra l’ “azione” e l’ “obbligazione”, e per questo qualificati come “ibridi”. Questa categoria, oggi tutt’ altro che definita, nasce dall’ osservazione che le società per azioni, ed i modelli analoghi presenti in altri paesi, possono emettere - ed in effetti hanno emesso ed emettono - strumenti che presentano caratteristiche “anfibie” tra il capitale di rischio e quello di credito. Di conseguenza la distinzione tradizionale, nell’ ambito del finanziamento delle società di capitali, tra equity e debt se certamente non è scomparsa, è sempre più articolata e, per ciò stesso, meno distinta e netta. Potremmo aggiungere, che accanto ai tradizionali strumenti qualificabili come equity o debt, se ne possono aggiungere altri definibili quasi equity o quasi debt, a seconda che presentino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azioni di risparmio
strumenti finanziari
strumenti ibridi
titoli partecipativi
diritto commerciale
titoli obbligazionari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi