Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Natura e funzioni delle fondazioni bancarie

Le fondazioni bancarie sono enti senza fine di lucro create nel nostro ordinamento giuridico solo nel 1990, nell'ambito di un progetto di privatizzazione degli enti pubblici creditizi.
La c.d. riforma Tremonti ha inciso in modo rilevante sulla disciplina delle fondazioni di origine bancaria. In particolare ha determinato i settori di operatività e la composizione dell'organo di indirizzo in modo da rendere le fondazioni bancarie enti strrumentali delle fondazioni bancarie. Nel presente lavoro di tesi mi sono occupata dell'evoluzione della qualificazione giuridica delle fondazioni bancarie e di analizzare le modifiche introdotte dall'art. 11 della l. n. 448/2001.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO I LA STORIA LEGISLATIVA DELLE FONDAZIONI BANCARIE TRA PUBBLICO E PRIVATO SOMMARIO: 1.1 Le origini delle fondazioni bancarie: le Casse di Risparmio. – 1.2 L’evoluzione del fenomeno e gli interventi legislativi. – 1.3 Le fondazioni bancarie tra pubblico e privato. – 1.4 Conclusioni. 1.1 Le origini delle fondazioni bancarie: le Casse di Risparmio. Le fondazioni bancarie, istituite dalla legge Amato nel 1990 1 , sono eredi (se non altro dal punto di vista patrimoniale) delle Casse di Risparmio e degli Istituti di Credito di Diritto Pubblico; in particolare, delle 89 fondazioni bancarie esistenti, 82 derivano da Casse di Risparmio, 6 da Istituti di Credito di Diritto Pubblico e una da un Monte di Credito su pegno di seconda categoria. Perciò sembra opportuno ripercorrere brevemente la storia delle Casse di Risparmio, sottolineandone alcuni tratti caratterizzanti utili per comprendere e valutare meglio la vicenda delle fondazioni bancarie. La nascita delle Casse di Risparmio si colloca alla fine del secolo XVIII. Più precisamente, nell’anno 1778 venne fondata la Cassa di Risparmio di Amburgo, considerata convenzionalmente la capostipite, con lo scopo di fornire alle “persone industriose di più umile condizione… l’opportunità di mettere da parte alcunché, depositare in modo sicuro i risparmi duramente guadagnati, con qualche interesse” 2 . Nei primi decenni dell’ottocento, le nuove istituzioni si diffusero massicciamente in tutta Europa, perché era fortemente avvertita l’esigenza di soccorrere le classi meno abbienti con iniziative assistenziali e di promuoverne lo spirito di previdenza e di risparmio. 1 Legge 30 luglio 1990, n. 218, Disposizioni in materia di ristrutturazione e integrazione patrimoniale degli istituti di credito di diritto pubblico. 2 Le frasi tra virgolette sono tratte dal par. 94 dell’originario statuto della Cassa amburghese, trascritto in CLARICH M., Le Casse di risparmio verso un nuovo modello, Bologna, il Mulino, 1984, p. 13.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefania Mazza Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16322 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.