Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi mediante LCA e valutazione economica dei trasporti nella città di Padova

Introduzione
Lo studio descrive una metodologia basata sull'Analisi del Ciclo di Vita (LCA) per lo studio e la quantificazione dei danni ambientali ed economici derivanti dal trasporto urbano. Applica, inoltre, la suddetta metodologia ad un caso reale: nello specifico il centro storico della città di Padova.

Metodologia
L'approccio utilizzato è di tipo bottom-up: il metodo sfrutta dati di rilevamento del traffico disponibili presso l'amministrazione pubblica, informazioni di carattere generale in merito a determinate categorie di costi, fonti tecniche per la conoscenza delle emissioni indicative delle singole classi di veicoli ed un software specifico, reperibile in commercio, per la gestione di progetti di LCA.

Aspetti quantitativi
Gli aspetti ambientali sono stati valutati, coerentemente con le caratteristiche del software di elaborazione, con l'ausilio di indici specifici mentre i costi sono stati suddivisi in due categorie, costi individuali e costi sociali: i primi individuano le spese correnti sostenute dagli utenti del sistema, i secondi le spese indirette connesse alla funzionalità di determinati servizi (trasporto pubblico) o alle problematiche del sistema (incidentalità, congestione stradale).

Obiettivi
Lo studio individua gli aspetti critici del sistema, li quantifica e li confronta con uno scenario ipotetico di riorganizzazione complessiva basato sulle indicazioni del ''Piano Urbano della Mobilità'', elaborato dal Comune di Padova nel 2001.

Conclusioni
La metodologia consente di valutare in termini quantitativi i problemi attuali e, tramite lo scenario virtuale, di verificare i miglioramenti realizzabili con l'introduzione di tecnologie innovative nella prospettiva di fornire le basi informative per le scelte strategiche di pianificazione della mobilità urbana.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Sommario La mobilità è una delle caratteristiche più importanti della società moderna. Essa consente agli individui di svolgere attività produttive e di provvedere al soddisfacimento di propri bisogni esistenziali, sociali e culturali. Il sistema dei trasporti ha avuto, e continua ad avere, un ruolo prioritario nello sviluppo della società moderna: da esso dipendono il livello di benessere raggiunto sia in termini economici, sia di godimento del tempo libero e, più in generale, di ampliamento delle potenzialità individuali di mobilità. Alle attività di trasporto sono legati, tuttavia, aspetti negativi molto rilevanti, basti pensare ad esempio che ai trasporti sono imputabili circa un terzo dei consumi finali di energia in termini complessivi. Gli spostamenti, poiché legati in massima parte ai consumi petroliferi, presentano una flessibilità minima in termini di sostituzione di fonti energetiche ed un’elevata vulnerabilità in termini di approvvigionamenti. Il traffico urbano, inoltre, costituisce oggi la fonte principale dei principali inquinanti atmosferici e delle sostanze cancerogene presenti nelle città: in ambito urbano si registrano i tassi di emissione più alti a causa sia delle basse velocità, sia dei viaggi relativamente brevi che comportano una maggiore incidenza delle percorrenze con motore a “freddo”, nel senso che il propulsore non ha tempo di riscaldarsi e ciò accresce notevolmente i consumi e triplica o quadruplica le relative emissioni. Infine i trasporti su gomma costituiscono la prima causa di incidentalità a livello europeo, con oltre 97.000 morti e 2,5 milioni di feriti nell’ultimo decennio. Le statistiche fornite dall’ISTAT, relative al 1995, indicano che gran parte degli incidenti in Italia, ben il 73%, avvengono nelle aree urbane e i dati statistici del 2000 confermano questa elevata incidenza. Anche se meno onerosi in termini di effetti sulle persone rispetto ai sinistri extraurbani, gli incidenti in ambito urbano nel 1995 hanno causato 2.654 morti, che corrispondono al 41% del totale nazionale, e 179.400 feriti, pari al 69% del valore complessivo della nazione. Partendo da queste premesse, il presente lavoro di tesi individua una metodologia per lo studio e l’analisi delle problematiche del traffico di un centro urbano di media

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Nicolo Fantin Contatta »

Composta da 405 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2795 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.