Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli alunni portatori di handicap: finalità e problemi educativi ed organizzativi relativi alla loro integrazione scolastica, sociale e lavorativa

L'importanza con la Legge n. 68 del 1999 Norme sul Collocamento per i disabili dell'integrazione come problema sociale e della comunità. L'importanza dell'inserimento e integrazione riguarda sia la prevenzione e la cura dell'infanzia sia l'importanza di togliere le barriere per una possibile emarginazione del disabile.
2003 Anno del disabile valutando le realtà sia scolastiche, sociali e lavorative.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE In molti paesi del mondo la ricerca dell’integrazione delle persone handicappate nella società e nella cultura è viva e articolata. All’interno di questo continuo cammino le agenzie educative sono chiamate e in particolare la scuola ad assumere un ruolo importante. Le persone handicappate, fin dall’età scolare, entrano a pieno diritto nella realtà e la prospettiva dell’integrazione non può essere pensata come un processo ininterrotto ma piuttosto come una tensione continua. L’integrazione è un processo attivo che coinvolge a vario titolo tutti i componenti di un gruppo e tutti gli elementi di un contesto. Si può parlare di integrazione in rapporto a diversi aspetti, tutti in qualche modo essenziali per comprendere il senso di questo termine: ƒ Normativo; ƒ Istituzionale ƒ Educativo

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Cristina De Angelis Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18557 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.