Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sicurezza in autostrada: proposta di un modello probabilistico per la definizione di un fattore di rischio

Lo studio si inserisce nell'orizzonte della ricerca sulla circolazione stradale che si occupa del miglioramento delle condizioni di sicurezza, sia del singolo che di tutta la collettività. L'obiettivo è quello di approfondire le conoscenze del fenomeno, a partire dall'esame delle situazioni di pericolo verificate e rilevate. In particolare si concentra l’attenzione sull'ambiente esterno e sulle condizioni stradali e di traffico. Il rischio viene definito come la probabilità che si verifichi un incidente condizionata dalla presenza di certe condizioni esterne e viene valutato mediante la formula di Bayes. Partendo dall'analisi dei dati sugli incidenti rilevati su alcuni tracciati autostradali italiani, si giunge ad individuare le situazioni di maggiore pericolosità. Tra l’altro si osserva che la presenza simultanea di alcuni fattori può risultare molto critica e ciò evidenzia i possibili effetti sinergici tra due o più fattori di rischio. Le indicazioni e i suggerimenti che emergono dallo studio possono trovare applicazione nel quadro degli interventi e delle iniziative che mirano a ridurre la pericolosità delle strade e a migliorare la sicurezza di tutti gli utenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Per poter capire quali siano i provvedimenti più urgenti e più incisivi da adottare per migliorare la sicurezza stradale è necessario studiare il fenomeno dell’incidentalità in relazione all’eziologia, cioè riuscire a stabilire: ξ quanto ogni singola caratteristica, dell’ambiente dell’infrastruttura, del conducente o del veicolo concorra a determinare una condizione di pericolo; ξ quale combinazione tra i differenti fattori (ambiente, strada, conducente e veicolo) sia più pericolosa. Questo studio è finalizzato, in particolare, a stabilire quale sia il ruolo giocato dalle caratteristiche esterne, intese come condizioni meteorologiche e caratteristiche morfologiche dell’infrastruttura, sul numero e sulla tipologia degli incidenti. Inoltre, si considera anche l’influenza dei valori di flussi di traffico ricostruiti per l’ora in cui si è verificato l’incidente. Non vengono invece considerate né la condizione del veicolo né la responsabilità del conducente; su questi argomenti e su altri, connessi alla sicurezza stradale, si riportano le conclusioni dei più recenti studi internazionali. Il database impiegato per questa ricerca è stato costruito studiando l’incidentalità delle Tangenziali Est e Ovest, che abbracciano la città di Milano e delle autostrade A7 Milano-Serravalle e A6 Torino-Savona. Prima di presentare i risultati ottenuti e per capire quale sia l’oggetto di questo studio, è indispensabile definire che per incidente stradale si intende un: “evento verificatosi entro i limiti della proprietà autostradale e nel quale risulti coinvolto almeno un veicolo in movimento che sia fuoriuscito dalla carreggiata, ovvero che sulla sede autostradale sia venuto in collisione con altro veicolo, persona, animale o ostacolo”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Federica Guarnaschelli Contatta »

Composta da 284 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2111 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.