Skip to content

La funzione pedagogica di fumetti e manga

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Marino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Gabriella Seveso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

Il manga è il fumetto giapponese che, a partire dagli anni Settanta, si è diffuso in Italia diventando sempre più popolare tra i giovani del nostro paese. Le storie ed i personaggi di questi fumetti possono avere un importante ruolo educativo perché in grado di entrare in contatto con l’immaginario dei ragazzi, di canalizzare i loro bisogni e desideri più profondi che vengono molto frequentemente ignorati. La crisi d’identità giovanile è infatti un aspetto diffuso nella nostra società, la difficoltà di esprimere le proprie emozioni ed una propria individualità sono conseguenze inevitabili di un rapporto con il mondo adulto spesso difficile e colmo di contraddizioni. L’obiettivo di questo elaborato è allora da un lato entrare maggiormente nell’immaginario dei ragazzi, dall’altro riflettere criticamente sul modo in cui per consuetudine viene affrontato dal mondo adulto, mettendo da parte molti pregiudizi.
Nella lettura dei manga è racchiuso un desiderio di emancipazione che nel fumetto occidentale, ma più in generale nella narrativa, ha trovato molto meno spazio. Nel corso del Novecento in Italia il fumetto si è preoccupato più di trattare storie conformi alle ideologie dominanti che non di entrare in contatto con l’immaginario adolescenziale ed infantile. Uno sguardo adulto troppo invasivo accompagnato da rappresentazioni stereotipate e finte della realtà giovanile non permetteva ai ragazzi di entrare in contatto con i propri vissuti, vissuti che non sono sempre positivi, ma nascondono disagi e sofferenze che è considerato sconveniente raccontare ai giovani. Con l’ausilio del parere di un esperto di letteratura per l’infanzia come Faeti vedremo quali possono gli effetti negativi di un atteggiamento che miri a censurare realtà che potrebbero avere un’importanza formativa per i ragazzi, rispetto a diversi contenuti…e faremo questo analizzando l’atteggiamento di chiusura che gli adulti in generale manifestano proprio nei confronti del manga giapponese. E’ da notare come confrontarsi con un prodotto culturale diverso dal nostro possa aiutarci a mettere in discussione numerosi modelli consolidati, ma è un confronto che spesso non si ha la pazienza o l’umiltà di fare, come asseriscono molti sostenitori dei manga secondo cui chi li giudica negativamente non li conosce per niente. Questi fumetti che dal Giappone vengono proposti in Italia come cartoni animati (Anime) subiscono proprio dalle Reti Televisive molti stravolgimenti a causa di contenuti riferiti soprattutto al sesso ed alla violenza che da molti sono considerati potenzialmente dannosi per i ragazzi. Non si considera come questi contenuti facciano parte della realtà in cui l’adolescente vive e dovrebbero essere per questo motivo affrontati maggiormente.
Il fenomeno manga è interessante inoltre perchè non si tratta solo di fumetti, ma di nuovi stili di vita e modi di pensare: gli amanti dei manga sono detti in giapponese Otaku, condividono tra loro con grande convinzione questa passione e sono arrivati a costituire una vera e propria sottocultura (la cultura Kawaii) da opporre alle dogmatiche di una troppo arida logica del profitto, dalla quale si sentono oppressi quotidianamente. Quello degli Otaku è un fenomeno nato e proveniente dal Giappone, dove ha conosciuto effetti esasperati, ma può essere generalizzato proprio per simbolizzare una spaccatura tra i valori moderni a noi noti ed il post-moderno incarnato dalle nuove generazioni. Post-moderno che racchiude il bisogno di una ritrovata sensibilità, di sentimenti più puri e di più alti valori con cui confrontarsi. In questo elaborato farò frequenti citazioni che diano voce a questi ragazzi, alla complicità da loro instaurata con i personaggi e le storie dei manga ed alle opportunità di risignificazione che questi offrono.
Detto questo, nell’ultima parte dell’elaborato vedremo quali sono i manga più apprezzati dai giovani rispetto alle diverse tematiche e qual è il loro ruolo educativo: in che modo insomma entrano a far parte della loro vita e favoriscono in loro significative rielaborazioni personali. Il manga è in grado di offrire spunti molto interessanti per elaborare una più convincente funzione educativa da introdurre nel fumetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1 Introduzione Il manga è il fumetto giapponese che, a partire dagli anni Settanta, si è diffuso in Italia diventando sempre più popolare tra i giovani del nostro paese. Le storie ed i personaggi di questi fumetti possono avere un importante ruolo educativo perché in grado di entrare in contatto con l’immaginario dei ragazzi, di canalizzare i loro bisogni e desideri più profondi che vengono molto frequentemente ignorati. La crisi d’identità giovanile è infatti un aspetto diffuso nella nostra società, la difficoltà di esprimere le proprie emozioni ed una propria individualità sono conseguenze inevitabili di un rapporto con il mondo adulto spesso difficile e colmo di contraddizioni. L’obiettivo di questo elaborato è allora da un lato entrare maggiormente nell’immaginario dei ragazzi, dall’altro riflettere criticamente sul modo in cui per consuetudine viene affrontato dal mondo adulto, mettendo da parte molti pregiudizi. Nella lettura dei manga è racchiuso un desiderio di emancipazione che nel fumetto occidentale, ma più in generale nella narrativa, ha trovato molto meno spazio. Nel corso del Novecento in Italia il fumetto si è preoccupato più di trattare storie conformi alle ideologie dominanti che non di entrare in contatto con l’immaginario adolescenziale ed infantile. Uno sguardo adulto troppo invasivo accompagnato da rappresentazioni stereotipate e finte della realtà giovanile non permetteva ai ragazzi di entrare in contatto con i propri vissuti, vissuti che non sono sempre positivi, ma nascondono disagi e sofferenze che è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fumetti
kawaii
manga
otaku
funzione educativa dei fumetti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi