Skip to content

L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless

Informazioni tesi

  Autore: Giancarlo Cicconi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e gestione delle imprese
  Relatore: Alberto Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 240

Mutamenti fondamentali sono in atto nell’economia globale, l’aumentata dinamicità ambientale sta influenzando le basi del vantaggio competitivo a livello dei Paesi, territori e delle imprese. L’entrata nell’economia della conoscenza si caratterizza per un’accelerazione ed intensificazione del ritmo delle innovazioni, del dinamismo competitivo ed una conseguente riduzione del tempo di sfruttamento dei vantaggi competitivi. Le maggiori spinte competitive, oltre ad accelerare il ritmo delle innovazioni, dei processi, dei prodotti e dei servizi, creano l’esigenza di continue trasformazioni strutturali ed organizzative delle imprese. Il valore aggiunto dell’impresa si sostanzia nella gestione manageriale dei processi ed il controllo dinamico della tecnologia a monte, dei servizi e della clientela a valle. Questo modello ha inciso non solo direttamente sui settori high-tech ma lentamente, come in ogni rivoluzione industriale, comincia a dispiegare i suoi effetti in tutti i settori economici. La capacità innovativa non può svilupparsi in isolamento la produzione della conoscenza assume un carattere sempre più collettivo ed interattivo, si assiste ad una intensificazione delle relazioni di cooperazione tra istituzioni ed imprese. L’innovazione non investe più solo il sistema tecnologico, ma anche il capitale cognitivo e l’intera organizzazione delle strutture imprenditoriali, con rilevanti implicazioni sul ruolo, sulla qualità e sulle competenze del capitale umano. Il rinnovamento dell’industria manifatturiera passa, essenzialmente, attraverso la sostituzione del lavoro manuale con lavoro ad alta intensità di conoscenza. Nell’attuale economia, ai fini della capacità innovativa, risulta rilevante non solo ciò che si produce, in fatto di prodotti e servizi, ma anche come concretamente si produce.
Il cambiamento in atto è riconosciuto da una varietà di ambienti accademici, economici e politici. L'OECD a più riprese ha evidenziato il trend in atto verso una knowledge-based economy, il Consiglio Europeo di Lisbona, nel Marzo 2000, ha adottato un nuovo obiettivo strategico per trasformare l'Unione, entro il 2010, nella più “ competitiva e dinamica economia basata sulla conoscenza al mondo, capace di creare uno sviluppo economico sostenibile con più, e migliori posti di lavoro ed una maggiore coesione sociale”.
Alla luce di ciò, lo sviluppo economico dipende maggiormente e più direttamente dall'investimento in conoscenza, che incrementa la capacità produttiva e la produttività, piuttosto che dai tradizionali fattori di produzione.
Il presente lavoro si prefigge l’obiettivo di sottolineare il percorso che ha condotto, l’attuale sistema economico mondiale, ad un’economia fondata sulla conoscenza. Nel terzo capitolo viene trattato la transizione verso questo nuovo paradigma del sistema-Italia, nel quarto viene analizzato il primo “distretto tecnologico italiano”, il distretto Torino Wireless.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Mutamenti fondamentali sono in atto nell’economia globale, l’aumentata dinamicità ambientale sta influenzando le basi del vantaggio competitivo a livello dei Paesi, territori e delle imprese. Il diminuito costo dell’informazione, l’estensione del numero dei mercati e dei concorrenti, la liberalizzazione del mercato dei prodotti e del lavoro, nonché la deregolamentazione in settori chiave quali, telecomunicazioni, elettricità, servizi finanziari, assicurazioni, sono tutti fattori che stanno ridisegnando la posizione delle diverse economie, facendo cadere molte delle tradizionali fonti di differenziazione competitiva. In altre parole, sta emergendo un nuovo fondamentale “core” per la creazione della ricchezza. L’entrata nell’economia della conoscenza si caratterizza per un’accelerazione ed intensificazione del ritmo delle innovazioni, del dinamismo competitivo ed una conseguente riduzione del tempo di sfruttamento dei vantaggi competitivi. Le maggiori spinte competitive, oltre ad accelerare il ritmo delle innovazioni, dei processi, dei prodotti e dei servizi, creano l’esigenza di continue trasformazioni strutturali ed organizzative delle imprese. Il valore aggiunto dell’impresa si sostanzia nella gestione manageriale dei processi ed il controllo dinamico della tecnologia a monte, dei servizi e della clientela a valle. Questo modello ha inciso non solo direttamente sui settori high-tech ma lentamente, come in ogni rivoluzione industriale, comincia a dispiegare i suoi effetti in tutti i settori economici. In un contesto caratterizzato dalla riduzione del ciclo di vita dei prodotti, dalla mobilità dei capitali e delle imprese, i sistemi paese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi