Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Business Combinations e Impairment Test: il caso Entrium - Bipop

La capacità informativa dell’attuale normativa italiana in tema di business combinations risulta incompleta ed insoddisfacente, soprattutto per quanto riguarda le operazioni con corrispettivo in azioni. Nel 2001 Bipop-Carire acquista Entrium Direct Bankers AG, direct bank leader in Germania, e rappresenta l’aggregazione in bilancio a pooling of interests method, contabilizzando al loro valore nominale le azioni emesse e date in pagamento. Non emergono né Goodwill né altri beni immateriali specifici (e neppure i conseguenti ammortamenti). Lo IAS 22-Business Combinations introduce il purchase method per tutte le aggregazioni di imprese: applicato al caso Entrium-Bipop, tale principio ne muta profondamente la rappresentazione contabile. Nel 2002 si sottopone la business unit Entrium ad Impairment Test ex IAS 36, individuando una consistente perdita di valore durevole. Le due simulazioni effettuate mettono in evidenza gli effetti di una contabilità a valori correnti e un più stretto legame tra dati di bilancio e valori mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. 5. Introduzione La prospettiva storica dei principi contabili internazionali La necessità di armonizzazione contabile Il bilancio d’esercizio rappresenta anzitutto il reddito prodotto dalla gestione aziendale nel corso di un definito arco temporale ed il patrimonio esistente al termine del medesimo periodo 1 . In prima approssimazione, dunque, il bilancio d’esercizio riveste il fondamentale compito di rispondere alle esigenze informative dei diversi soggetti i cui interessi convergono variamente verso l’impresa 2 . La crescente internazionalizzazione delle imprese, intesa sia come presenza commerciale in paesi esteri sia come approvvigionamento finanziario in mercati stranieri, impone un’adeguata armonizzazione per superare quelle differenze contabili che rendono difficile la comprensione e la comparabilità dei conti annuali per stakeholder di differente provenienza. La necessità di un corpo di principi contabili accettati a livello internazionale, dunque, si è fatta sempre più stringente negli ultimi anni, trovando tuttavia grandi ostacoli di concreta realizzazione: ragioni storiche, politiche e legali hanno portato allo sviluppo di sistemi contabili diversi per ogni paese. 1 Si fa qui riferimento all’impostazione zappiana (Zappa, 1950) ed alla dottrina che ad essa si è ispirata. 2 Sul tema dei molteplici interessi conoscitivi convergenti nell’impresa e che ritrovano nel bilancio una fonte di rilievo di informazioni economiche (in senso ampio) v., per tutti, M. Cattaneo, Il bilancio di esercizio nelle imprese, p. 9 ss., e A. Provasoli, Il bilancio di esercizio destinato a pubblicazione, p. 157 ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Lazzati Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5155 click dal 25/05/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.