Skip to content

L'antica storia celtica della Britannia nelle fonti latine dell'Inghilterra fino a Goffredo di Monmouth

Informazioni tesi

  Autore: Marco Degli Esposti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1994-95
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Storia
  Relatore: Lidia Capo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

analisi della presenza e dell'evoluzione della figura di Arthur (re Artù) nelle fonti storiografiche latine prodotte in Inghilterra dall'epoca della dominazione anglosassone fino alla "Historia regum Britanniae" di Goffredo di Monmouth ed in alcune delle più importanti agiografie gallesi.
La ricerca punta a mettere in evidenza il valore che la presenza (o l'assenza) di questa figura assume nei vari testi presi in considerazione e cerca di individuarne le motivazioni tentando di ricostruire una cornice evolutiva nel quadro delle vicende storico politiche delle Britannia dei secoli V - XII.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE rtù, o forse "re Artù”, è uno di quei personaggi al cui fascino è difficile sottrarsi e basta a provarlo l'enorme produzione di testi in cui, nel corso dei secoli, egli compare: dalle opere della tradizione celtica a quelle latine, dai tanti scritti nelle varie lingue nazionali (Chrétien de Troyes, Wolfram von Eschenbach, Thomas Malory solo per citare alcuni nomi, ma l'elenco sarebbe ben più lungo) fino a giungere ai moderni romanzi della cosidetta letteratura "fantasy" che, più o meno dignitosamente (ma a volte con ottimi risultati), si rifanno ad elementi della "materia di Bretagna". E a questo va aggiunto il grandissimo numero di saggi scritti sui più svariati aspetti di questo tema catalogati nel Bibliographical Bulletin of the International Arthurian Society. Chiave di volta di questo successo fu un'opera, la Historia regum Britanniae composta nel 1136 dal chierico inglese Goffredo di Monmouth, che spalancò al pubblico delle corti europee le porte di un mondo in cui guerrieri e re si muovevano a fianco di maghi e profeti, ed in cui i racconti di battaglie si univano con l'amore e con il mistero della magia. Ma, soprattutto, fece conoscere Artù, “l’imperatore di Britannia”, come lo definisce Goffredo, che di questo personaggio fece il protagonista del suo capolavoro. É ben noto, però, che Goffredo di Monmouth non "inventò" Artù, né fu il primo scrittore che, nel mondo latino, scrisse di lui. Già da secoli, all'interno della cultura britanno-celtica, questi era divenuto il centro di gravità di un vasto patrimonio narrativo orale, formatosi per aggregazione di materiali diversi che in epoche più antiche costituivano nuclei narrativi indipendenti, ma a Goffredo va il merito (da tempo riconosciuto dalla critica) di aver creato una vera tradizione letteraria su Artù. Si è detto che Monmouth non fu il primo a scrivere di questo personag-gio, ma se questo è vero, prima della Historia regum Britanniae sono ben pochi i testi latini che contengono materiale su Artù (cfr. tabella 1). Una decina di testi prodotti in un arco di quasi cinque secoli non sono, in effetti, molti, ed in essi Artù vi appare spesso inserito in un contesto più ampio o presente con un ruolo che si definisce solo in rapporto con il soggetto del racconto. Ora, se escludiamo la Historia Brittonum, gli Annales Cambriae ed una delle Vitae di s.Cadoc i rimanenti testi si concentrano nel XII secolo, mentre il silenzio su Artù diventa sempre maggiore quanto più si arretra verso epoche più antiche, fino al silenzio totale che avvolge i secoli VI-VII, cioè quelli più prossimi all'epoca che dovrebbe aver visto svolgersi la sua vicenda storica. Interessante è anche analizzare all'interno di quali aree geografiche questi scritti furono composti nel corso dei secoli: (cfr. tabella 2) se le più antiche fonti latine “arturiane” provengono da quella regione che possiamo individuare, nell’area politica che va sotto il nome di Galles, nel XII secolo esse compaiono, anche nell’Inghilterra anglo- normanna. Ora. Nonostante alcuni elementi di indubbio interesse che emergono già da un'analisi di questo tipo, meramente quantitativa, è evidente come questo quadro, in sé, non permetta né di delineare con esattezza un preciso percorso evolutivo della figura di Artù nell'ambito letterario latino, né di definire gli elementi che concorsero a determinare questo processo. A

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agiografie
alfredo il grande
beda
britannia
galles
gilda
inghilterra
nennio
normanni
sassoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi