Skip to content

Residui di antibiotici nel miele

Informazioni tesi

  Autore: Agnese Giachello
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Daniele Michele Nucera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

In Europa, l’uso degli antibiotici in apicoltura è illegale, mentre nei Paesi terzi vengono impiegati diversi principi attivi come sulfamidici, tetracicline, streptomicina, cloramfenicolo, tilosina e spiramicina.
Queste sostanze, eventualmente presenti nel miele, possono derivare non solo dai trattamenti eseguiti contro le malattie delle api, ma anche dalle acque, dal suolo e dai vegetali inquinati.
Dato che l’utilizzo e la prolungata esposizione a questi farmaci portano alla sempre maggiore diffusione dell’antibiotico-resistenza e di altre problematiche, la normativa impone controlli ufficiali. Tramite test di screening e metodi di conferma, è possibile monitorare il contenuto dei residui di essi nel miele.
La maggior parte degli antibatterici non presenta Limiti Massimi di Residui (LMR), perciò è stato definito un limite di azione per la dichiarazione di non conformità pari a 5,0 µg/kg.
Nell’ambito del Piano Nazionale Residui (PNR), il trend dei campioni di miele non adeguati, tra quelli analizzati dal 2016 al 2019, in relazione alla presenza di antibiotici, è in decrescita. Si passa, infatti, dallo 0,93% di non conformità (2016) allo 0,32% (2019). Per quanto riguarda i monitoraggi svolti nei medesimi anni in Europa, l’andamento è, invece, in crescita. Nell’anno 2016, si parla dello 0,80% di campioni non conformi tra quelli sottoposti a verifica, mentre nel 2019 dello 0,98%.
In una ricerca condotta su 135 campioni di miele, si è riscontrato che la più alta percentuale di residui era rappresentata da enrofloxacina (20,7%), seguita da gentamicina (18,15%), sulfamidici (14,81%), tetraciclina (14,07%) e cloramfenicolo (8,9%). Un ulteriore studio, svolto su 59 campioni, ha dimostrato la presenza di tetracicline (tra 6 e 42 ppb) in 35 di essi e di sulfamidici (tra 3 e 32 ppb) in 31.
Si nota, perciò, l’esistenza di una positività generale agli antibiotici. La presenza di residui, però, non è tale da causare danni alla salute dei consumatori, ma eccessiva per assicurare le qualità naturali del prodotto.

Informazioni tesi

  Autore: Agnese Giachello
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Daniele Michele Nucera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 4 INTRODUZIONE APE 4.1.1 CLASSIFICAZIONE SISTEMATICA L’Apis mellifera (A. mellifera), descritta nel 1758 da Carlo Linneo, è un insetto altamente sociale di grande importanza sia ambientale sia economica. Appartiene alla classe Insecta, all’ordine Hymenoptera, alla famiglia Apidae e al genere Apis. È ampiamente diffusa in tutto il mondo e, occupando zone con diverse caratteristiche geoclimatiche, è sottoposta a differenti pressioni selettive. Di conseguenza, si sono formate varie razze, suddivisibili in tre gruppi: europea, africana ed orientale (Ruttner, Tassencourt e Louveaux, 1978). 4.1.2 SUPERORGANISMO La popolazione di una colonia di api è composta da una sola ape regina o femmina feconda, da migliaia di api operaie o femmine sterili e da poche centinaia di fuchi o maschi (Pistoia, 2016, A). Tutte queste tre forme derivano da un uovo. Nel caso in cui sia fecondato, da esso possono derivare operaie oppure regine, aventi un corredo cromosomico diploide (2n=32). I maschi derivano, invece, da uova non fecondate, grazie ad un fenomeno definito partenogenesi arrenotoca. Il loro corredo cromosomico è aploide (n=16). La regina è specializzata nella deposizione delle uova, i fuchi nella riproduzione e le api operaie svolgono tutti i lavori necessari alla comunità. La società di questi insetti può essere considerata come un solo organismo, in cui l’ape stessa esplica le funzioni di una cellula. L’alveare è, perciò, un “superorganismo” che esiste grazie alla coordinazione armonica di ogni singolo componente che si adopera per un fine comune. Il superorganismo possiede funzioni vitali proprie, in particolare: • si nutre, in virtù delle api bottinatrici che trasportano all’alveare il cibo • cresce, grazie alla regina che depone le uova • si difende, in quanto le operaie, nel proteggere l'alveare, sacrificano la propria vita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

miele
antibiotici
residui
honey
antibiotics

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi