Skip to content

Le ragioni della permanenza in famiglia dei giovani adulti italiani

Problemi che contribuiscono a ritardare l’abbandono della famiglia

Come dimostrato nel primo capitolo, se non problematica, la situazione dei giovani in Italia è alquanto ambigua. La spiegazione del fenomeno è invece complessa e non immediata, ma tuttavia si possono analizzare alcuni problemi o situazioni che producono una, chiamiamola “spinta” a ritardare l'abbandono della famiglia.

Bisogna ribadire (Livi Bacci 2008) che fattori strutturali con radici in secoli lontani sono alla base delle particolarità organizzative della famiglia italiana e mediterranea, rispetto all'Europa centrosettentrionale, ma rimane aperta una questione fondamentale: era previsione comune, negli anni Sessanta e Settanta, che la direzione di marcia della società italiana fosse orientata ad assecondare l'autonomia delle nuove generazioni; queste, grazie anche alla crescita economica, si sarebbero liberate dei condizionamenti familiari, avrebbero rafforzato l'autodeterminazione e ulteriormente anticipato l'uscita dalla famiglia.

Ciò che ragionevolmente si prevedeva allora è stato, invece, contraddetto in modo clamoroso dagli sviluppi dei decenni successivi.

I giovani hanno intravisto l'ampliarsi del ventaglio delle opzioni loro offerte, e quindi delle maggiori possibilità di autorealizzazione. Di conseguenza i giovani dedicano oggi più tempo ed energie all'esplorazione del “sé” e rimandano quanto più possibile ogni scelta che si presenti come definitiva e che non consenta la piena autorealizzazione.

La diminuzione del numero dei figli potrebbe aver ridotto quell'incentivo a uscire presto dalla famiglia che si determina nelle famiglie numerose per la ristrettezza (anche fisica) delle condizioni di vita. E questa tendenza sarebbe stata sostenuta dal prolungarsi del periodo di formazione fino a età mediamente assai più avanzate che in passato. Altre possibili spinte a ritardare l'abbandono della famiglia di origine, potrebbero derivare dalla maggiore precarietà del lavoro giovanile e dalle maggiori difficoltà di organizzare una vita autonoma e stabile, (le tematiche del lavoro, saranno approfondite nel capitolo 3), oppure derivare dal mercato delle abitazioni e degli affitti, che sicuramente non aiuta gli studenti universitari, costretti a spostarsi dalla propria abitazione per frequentare regolarmente i corsi universitari, o la formazione di giovani coppie e quindi, di conseguenza, la propensione alla procreazione.

Del Boca e Rosina (2009) sostengono che le caratteristiche del sistema italiano e del mercato immobiliare incentivano l'acquisto dell'abitazione anziché il ricorso all'affitto. L'acquisto dipende fortemente dall'aiuto della famiglia d'origine e tutto ciò tende ad accentuarsi nel tempo, anche come conseguenza della precarietà occupazionale dei giovani in difficoltà a ottenere e sostenere un mutuo. Inoltre, non solo esistono numerose differenze sociali nelle possibilità per un giovane di essere proprietario, ma le disparità sono anch'esse aumentate nel corso degli anni.

Nemmeno lo Stato, con la mancanza di politiche di welfare, sembra sostenere i giovani. (Alesina e Ichino, 2008) Cosa accade se lo Stato non eroga servizi sociali? Ci pensa la famiglia (quando può).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le ragioni della permanenza in famiglia dei giovani adulti italiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Long
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Maria Laura Di Tommaso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi