Skip to content

Harry Potter fra tradizione e innovazione

L’eroe sempreverde della Children’s Literature

In un suo recentissimo saggio sul personaggio, Arrigo Stara si propone di “dare conto di quella sorta di parentela che li avvicina (i personaggi) l’uno all’altro, e che tende a costituirli unitariamente come famiglia, come specie”.
Secondo Stara il personaggio letterario non vive isolato ma intreccia continue relazioni, di somiglianza e di contrasto, con chi l’ha preceduto mentre pone le basi per quelle con coloro che lo seguiranno. I personaggi letterari hanno ereditato e continueranno ad ereditare l’uno dall’altro caratteristiche che li porteranno a replicare e a replicarsi continuamente da romanzo a romanzo, da autore ad autore.

E’ in questo modo che i personaggi:
mescolate alle proprie pretese di originalità, porteranno impresse le tracce di un passato che non svanisce mai del tutto, ma al contrario si sedimenta e si accumula sotto le loro spalle, tendendo inevitabilmente a ricostruirsi in tradizione.
Ma i legami di parentela che rendono i personaggi letterari una sterminata famiglia che va da Ulisse a Isabel Archer, possono essere, come tutti i legami, più o meno stretti, creando così un albero genealogico formato da vere e proprie stirpi. E’ pensando a questo che si comprende come Madame Bovary sia legata da più stretta parentela ad Anna Karenina di quanto non lo sia a Bridget Jones, e come Valmont sia cugino diretto di Don Juan e, forse, del conte Dracula, molto più di quanto possa dirsi imparentato con Lancillotto o Ashley Wilkes.
I personaggi dei romanzi per ragazzi non seguono regole diverse e, pur facendo parte anch’essi della stessa enorme famiglia che accoglie ogni creazione letteraria e che lega strettamente, ad esempio, Miss Marple a Nancy Drew, o TomSawyer al suo omonimo Tom Jones, si può ciò nonostante prevedere per loro un ramo privato di questa infinita genealogia.
Da quando, fra il Seicento e il Settecento, la letteratura per ragazzi fa il suo ingresso ufficiale nel mondo letterario europeo, i personaggi che la popolano hanno intrapreso un viaggio che, pur modificandoli, li ha sempre distinti da tutti gli altri. La nascita della “children’s literature” deve ancora trovare la sua data ufficiale e il suo capostipite. C’è, infatti, chi vede come “madre” di tale letteratura Lo cunto de li cunti ovvero lo trattenimento de’ peccerille di Gianbattista Basile edito nel 1674 a Napoli col titolo di Pentamerone, altri fanno risalire la sua nascita ai Racconti di Mamma l’Oca di Perrault, scritto nel 1697 per le giovani ragazze dell’epoca. Secondo Harvey Darton, invece, il vero atto di nascita risalirebbe, per lo meno per quanto riguarda l’Inghilterra, al 1744 quando l’editore John Newbery pubblica il suo primo libro dedicato bambini, intitolato A Little Pretty Pocket Book. Il frontespizio mostrava una madre - presumibilmente – nell’atto di impartire una qualche lezione a una bambina e un bambino. Sotto, l’iscrizione: “Delectando monemus. Instruction with Delight”.
L’origine della “children’s literature” è fortemente legata all’aspetto pedagogico: nel Settecento e per buona parte dell’Ottocento i libri per bambini si prefiggono di istruire narrando, o in altre parole, di educare divertendo. Le favole e le fiabe hanno la loro morale che è parte integrante e irrinunciabile dell’opera. I romanzi, nel momento in cui nascono non si discostano da questa strada e le cosiddette “novelline realistiche” fanno di questa filosofia la loro spina dorsale. Nozioni linguistiche, scientifiche, storiche e tratte da ogni materia oggetto di studio si nascondono – non troppo bene, a dire il vero – tra le pagine dei libri per bambini facendoli sembrare tutti una grande collezione di sussidiari. Solo col Novecento la situazione inizia a migliorare con la diffusione dei romanzi d’avventura e anche in Italia si iniziano a conoscere i racconti fantastici, le rielaborazioni delle leggende e le rievocazioni mitologiche, ma solo molto dopo il periodo fascista, negli anni Sessanta – Settanta, la narrativa per ragazzi italiana fiorirà serenamente.
Ma quali sono i personaggi che popolano le pagine, italiane e straniere, di questa evoluzione letteraria?

Questo brano è tratto dalla tesi:

Harry Potter fra tradizione e innovazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Bonacina
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Ladinistica, plurilinguismo e letterature comparate
Anno: 2006
Docente/Relatore: Stefano Calabrese
Istituito da: Università degli Studi di Udine
Dipartimento: Lingue e letterature straniere
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 280

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

critica letteraria
pedagogia
interviste
storia della letteratura
personaggi
harry potter
j.k. rowling
children's literature
estetica letteraria
lettaratura per ragazzi
definizione di children's literature
autori per ragazzi
traduzione
scrivere per bambini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi