Skip to content

Opere dei Tiepolo nel vicentino: itinerario guidato

Villa Cordellina Lombardi

A Montecchio Maggiore, pochi chilometri ad ovest di Vicenza, sorge la settecentesca villa Cordellina Lombardi. La villa, splendidamente conservata, permette al visitatore di respirare l’aria e di cogliere il fascino della civiltà settecentesca veneta, che aveva nelle residenze di campagna il suo centro vitale. Il complesso fu costruito a partire dal 1735 dall’architetto Giorgio Massari per il giureconsulto veneziano Carlo Cordellina.



Massari, qui, propone un corpo padronale di chiara ispirazione palladiana affiancato da due corpi laterali a pianta quadrata, staccati ed indipendenti dal primo. Le due strutture laterali erano adibite, rispettivamente, l’una a scuderia (quella a sinistra) e l’altra a foresteria. Il committente volle legare al suo ricordo non solo il nome di un importante architetto quale era il Massari, ma anche quello del più famoso e ricercato pittore veneziano del tempo: Giambattista Tiepolo.
Quando inizia a dipingere alla Cordellina, nel 1743, Tiepolo è nel pieno della sua maturità artistica. In questa fase della sua vita si rifà ai modi del grande maestro del Cinquecento Paolo Veronese. La decorazione ad affresco riguarda le pareti ed il soffitto del grande salone centrale. Il soffitto del salone raffigura il Trionfo della Virtù e della Nobiltà (o dell’Intelligenza) sull’Ignoranza e rappresenta uno dei momenti più alti dell’arte di Giambattista.

Al centro della scena stanno due figure femminili, strette in un abbraccio. La bruna regge un simulacro di Minerva, mentre la bionda, alata, regge una corona d’alloro. Basandoci sull’iconologia di Cesare Ripa, cui Tiepolo ha sempre fatto riferimento, deduciamo che le due figure rappresentano l’una la Nobiltà e l’altra la Virtù. Poco distante da loro, adagiato su una spessa nuvola, sta la Fama, mentre tutt’intorno vivaci amorini svolazzano tra le nubi rosate.

Nella parte inferiore dell’opera si scorge la figura dell’Ignoranza precipitare rovinosamente nell’ombra colpita da un putto.
L’affresco, danneggiato da un’infiltrazione di acqua, fu trasferito su tela nel 1917 e conservato ai musei civici fino al 1956, anno in cui furono terminati i restauri della villa e l’opera fu riportata alla sua sede originale. Sulle pareti laterali, a fare da pendant all’affresco soffittale, sono evocati due temi storici, esemplari per la magnanimità e la ragionevolezza dei loro protagonisti. Sulla parete est è raffigurata La famiglia di Dario davanti ad Alessandro Magno. La fonte da cui è stato attinto l’episodio è la “Storia di Alessandro Magno” di Curzio Rufo.
L’imperatore Alessandro Magno, in compagnia del fedele amico Efestione, accoglie la famiglia dello sconfitto Dario dopo la cruenta battaglia di Isso. Al centro della scena sta la regina che implora clemenza, mentre alle sue spalle stanno le sue due bellissime figlie. Il bambino trattenuto dalla vecchia balia è riconoscibile come il principe che all’epoca aveva sei anni.

Alessandro, imperatore clemente e magnanimo, decide di rendere la libertà alle donne del re, senza approfittare della sua condizione di vincitore. La scena è ambientata sullo sfondo di un lungo loggiato, con doppie semicolonne corinzie e figure di uomini sui pennacchi degli archi. La parete opposta, invece, presenta come soggetto la Continenza di Scipione l’Africano. La fonte dell’episodio è la “Storia Romana” di Tito Livio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Opere dei Tiepolo nel vicentino: itinerario guidato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Pilot
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Relatore: Alessandra Pattanaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vicenza
giambattista tiepolo
giandomenico tiepolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi