Skip to content

Crisi dell'uomo a una dimensione: Prospettive educative per l'uomo che verrà

Educare oggi

Si può pensare che il profilo tracciato dell’uomo tipografico sia molto ma molto negativo. Referente solo a se stesso, autocentrato e con l’unico obiettivo dell’autoaffermazione, l’uomo si ritrova molto spesso solo, in stati di ansia e infelicità. Chiuso nel suo egocentrismo sembra passare tutta la vita a cercare di accumulare strumenti per la diversità.

Cerca in tutti i modi di conquistarsi una posizione di potere, per dar sfogo al bisogno di autoaffermazione che sembra essere insito in lui. Inoltre lo contraddistinguono l’ipocrisia e la competizione che permeano ogni contesto quotidiano e lo portano a cercare di far trasparire un’immagine di sé molto al di sopra di quella pratica. L’aspetto più negativo sembra essere proprio il rapporto con l’altro, considerato dal soggetto come un competitore o al massimo come mezzo per raggiungere uno scopo (complice). Ma una società di soggetti sembra finire con l’implodere e, soprattutto, destinata alla distruzione dello stesso ambiente da cui comunque dovrebbe trovare risorse.
Oggi, sembra che ci stiamo avviando verso una società sempre più modificata da un nuovo cambiamento comunicativo che, come abbiamo visto nel capitolo precedente, sta mettendo in crisi il soggetto e la soggettività. La soggettività è in declino e di conseguenza anche i modelli educativi tipici della sua organizzazione sembrano entrare in crisi. Dobbiamo prendere atto dell’obsolescenza dei metodi educativi del passato, sempre più inadatti a dei ragazzi “nati digitali”. Per quanto riguarda la socializzazione nella società contemporanea, nel momento in cui, tramite la disciplina, si organizza la crescita del bambino secondo i canoni della soggettività. Potrebbe venir introdotto in lui un fattore di crisi. Per esempio egli potrebbe non aver voglia di stare cinque ore a scuola, quattro ore a studiare etc. proprio perché quel tipo di studio oggi è entrato in competizione con i nuovi mezzi elettronici che come strumenti di socializzazione sono molto più rapidi ed entrano, a loro volta, in competizione con la struttura di obbligo che è alle radici dello schema disciplinare. Film, telefilm e programmi trasmessi dal medium televisivo mostrano, nella migliore delle ipotesi, una serie di sfaccettature e i retroscena della vita: tali programmi anche qualora fossero vicini alla vita stessa vengono, tuttavia, ridimensionati da quella abitudine del “taglio dei tempi”, caratteristica delle trasmissioni in tempo reale, che fa comunque vivere spettatori sprovveduti e/o indifesi in una iper-realtà che li lascia nelle mani degli autori dei programmi. Probabile che il bambino venga attratto maggiormente dai nuovi media e meno alla scuola in generale.
Gli ultimi decenni hanno rovesciato le basi materiali di tutte le persone portatori di funzioni educative: le minacce ecologiche, l’insicurezza nel mondo economico, la precarietà dei percorsi lavorativi, la confusione dei riferimenti culturali, la perdita di contatto con le proprie “radici”, la crescente volgarità e scadimento etico del sistema delle comunicazioni, l'iper-consumismo, hanno lasciato soli i genitori e la scuola alle prese con quella che sembra essere la “missione impossibile” di educare.
Educare oggi è un compito arduo con il bambino che rispetto al passato ha molto più potere sul genitore. Come mai? Nelle culture orali il bambino era considerato un piccolo uomo che doveva ancora imparare e la cui morte pur dolorosa poteva non essere considerata una tragedia. La morte di un anziano, invece, era una tragedia, con lui moriva un pezzo di storia della comunità, esso era considerato il portatore di conoscenze, di tradizione e di cultura. Un cambiamento epocale rispetto l’epoca attuale nella quale viene spesso visto come una persona superata che ha ormai vissuto la sua vita e la cui morte è considerata dolorosa ma normalissima.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Crisi dell'uomo a una dimensione: Prospettive educative per l'uomo che verrà

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emilio Carlini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Leonardo Benvenuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
cultura orale
educazione
crisi
sociologia
nuovi media
soggettività
rappresentazioni
relazione
persona
uomo
personaggio
marcuse
sociologo
dimensione
nativi digitali
nati digitali
cambiamenti comunicativi
socioterapia
cultura tipografica
sociologia clinica
compte
l'uomo a una dimensione
soggetto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi