Skip to content

Il Cineturismo: una nuova forma di turismo culturale e una strategia privilegiata di marketing territoriale

Introduzione al fenomeno del cineturismo

Il neologismo "cineturismo", impiegato congiuntamente con "turismo cinematografico", è stato ideato in Italia nel 2003, durante la prima edizione dell'Ischia Film Festival, un festival cinematografico internazionale dedicato esclusivamente alle location del cinema. Il termine è, quindi, esclusivamente d'uso italiano, poiché il fenomeno è conosciuto in Spagna come "turismo inducido por el cine", mentre in campo internazionale gli appellativi sono vari: movie tourism, film tourism, movie-induced tourism, film-induced tourism ecc. Riguardo all'utilizzo indifferenziato di movie e film, Hudson e Ritchie (2006) ribadiscono che sarebbe più corretto impiegare film, perché il termine movie fa riferimento normalmente alle pellicole mostrate sugli schermi cinematografici, mentre film non comprende solo i prodotti cinematografici, ma analogamente video, DVD, Blue-ray ecc.


Come possiamo definire questa nuova forma di turismo indotta dal cinema? La letteratura accetta all'unanimità la semplice e, al contempo, esaustiva definizione proposta da Evans nel 1997. Il cineturismo è definito come la "visita turistica a un luogo o attrazione quale risultato della visione della destinazione in televisione, in video o sugli schermi cinematografici".

La studiosa australiana Sue Beeton (2005) amplia la definizione, dividendo la visita turistica in due consumi distinti: on-location e off-location. La prima tipologia si riferisce a una fruizione turistica direttamente nella location, mentre la seconda avviene lontano dalla location, ovvero in attrazioni costruite appositamente per fini turistici in studi cinematografici (ad esempio i movie tour) o in parchi di divertimento.

Beeton, in definitiva, definisce cineturismo

la visita nei luoghi dove sono stati girati film e programmi televisivi, così come le escursioni negli studi di produzione, inclusi i parchi di divertimento relazionati con il mondo della cinematografia (…) è l'attività turistica associata con l'industria cinematografica.

Il fenomeno ha avuto uno sviluppo e un interesse tanto esteso da generare una letteratura ricca di studi e ricerche, in vari paesi e, di conseguenza, in varie lingue. Per quanto riguarda la letteratura italiana, è d'uopo citare la definizione di cineturismo di Roberto Provenzano (2007):

Nuovo fenomeno socio-culturale di recente e (sembra) spontanea costituzione, che si sprigiona dal desiderio degli spettatori di andare a visitare in prima persona i luoghi che hanno visto "rappresentati" nei film o fiction televisive, ovvero i luoghi in cui "sono vissuti" e/o "vivono" i personaggi di finzione da loro più amati. Nuova tendenza di turismo legato all'immaginario del cinema che si viene ad aggiungere al preesistente turismo verso città sedi di festival o "studios" e musei dei cinema, e a quello, più feticistico, verso abitazioni (o tombe) di star ecc.

Il concetto di cineturismo è stato sviluppato per la prima volta durante gli anni '90 da vari autori statunitensi, principalmente Riley, Baker e Van Doren, i quali utilizzarono per la prima volta il sintagma movie-induced tourism in un articolo pubblicato nel 1998. Le pubblicazioni avevano l'obiettivo di stabilire le motivazioni che avevano portato all'incremento del numero delle visite nelle location comparse in alcuni film famosi.
Nel 1992 Riley e Van Doren citarono vari case study negli USA, notando, ad esempio, che la pellicola Incontri ravvicinati del terzo tipo (Close Encounters of the Third kind, S. Spielberg, 1977) provocò un incremento del 74% rispetto all'anno precedente alla prima cinematografica, con un ulteriore aumento dovuto all'uscita in home video e alla televisione. Tooke e Baker, in cambio, studiarono nel 1996 gli effetti di quattro prodotti televisivi inglesi sul turismo locale. Heartbeat, ad esempio, è una serie televisiva poliziesca filmata nello Yorkshire, una regione inglese settentrionale. Nel periodo di soli due anni le visite alla città di Goathland incrementarono del 41%.
Riley, Baken e Van Doren (1998) furono, altresì, i primi a individuare un insieme di ragioni che potessero stimolare e promuovere il turismo in un determinato luogo, principalmente:

. La rappresentazione e l'esaltazione degli scenari naturali. Le attrazioni naturali fondano il proprio successo su tre elementi: unicità, specificità e inimitabilità. Tali ingredienti costituiscono un'importanza fondamentale quando è il momento di scegliere la destinazione, sia per le produzioni cinematografiche o televisive, sia per i turisti o cineturisti. Il compito di sfruttare tali caratteristiche è gestito dalle organizzazioni di destination marketing o dalle aziende di promozione turistica;

. Un soggetto e/o una trama interessante e suggestiva, specialmente se corredata da sequenze emozionanti e capaci di coinvolgere lo spettatore, inducono a rivivere l'esperienza del film nelle rispettive location;

. La valorizzazione del patrimonio, vale a dire di tutte le tradizioni storiche e culturali, materiali e simboliche, appartenenti a un luogo;

. La promozione di attrazioni ludiche associate in qualche modo alla pellicola.

Gli autori stabilirono anche una serie di criteri per selezionare i film ideali per analizzare il fenomeno:

. Il film ha ottenuto un notevole successo al botteghino: un elevato volume di telespettatori può ampliare il numero di possibili cineturisti;

. Il film ha un'icona associata chiaramente a una destinazione accessibile: l'icona, elemento tangibile o astratto, che sarà studiato in seguito, dev'essere facilmente associata alla sua destinazione per fare in modo di persuadere al viaggio lo spettatore;

. La destinazione deve essere dotata di dati completi e accessibili per un'analisi turistica: per studiare l'indotto e l'influsso del cineturismo sull'economia locale, la destinazione deve monitorare il numero di visitatori;

. La destinazione deve possedere tali dati prima dell'uscita del film nelle sale: elemento obbligatorio per comparare la presenza di turisti prima e dopo l'uscita.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Cineturismo: una nuova forma di turismo culturale e una strategia privilegiata di marketing territoriale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Monticelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Mediazione linguistica, turismo e culture
  Relatore: Andrea Bellavita
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 268

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi