Skip to content

FLAMENCO tra danza pura e danza rappresentativa

Danze rappresentative e danze pure

L’intrinsecally coded act sta alla base delle danze rappresentative.
È evidente che la danza riesce talvolta a farsi rappresentazione di storie anche complesse, però, affinché sia possibile comprendere ciò che si sta rappresentando sulla scena, è necessario un metalinguaggio per assegnare valore semantico a quelle somiglianze che sono già evidenti e danno senso all’opera, così, la presenza di un titolo, un libretto, costumi e oggetti di scena, possono servire a dare valore semantico alle rappresentazioni. Nella danza, infatti, prevale l’iconicità secondaria, ovvero i suoi gesti non sono sempre direttamente o facilmente riconducibili a ciò che significano.
Riconosciamo facilmente nella danza i gesti intensionali, benché non siano associati al linguaggio verbale, in particolare riconosciamo le espressioni facciali che rappresentano sentimenti differenti (come gioia, dolore, sofferenza), ma vi sono anche altri movimenti del corpo che bastano a trasmettere il significato di un gesto anche agli spettatori collocati nelle ultime file di un teatro che non hanno, pertanto, la possibilità di osservare i volti degli artisti.
Nella comunicazione quotidiana e anche nella danza, è possibile usare un vero e proprio linguaggio gestuale, utilizzando precisi gesti che vengono codificati dal ricevente quando questi appartiene alla stessa cultura del mittente e quindi possiede il codice che gli permette di codificare il messaggio, questi gesti sono gli emblemi. Gli emblemi possono formare dei linguaggi gestuali completi, esempi di emblemi che vengono prodotti con l’utilizzo delle mani sono: agitare il dito indice da sinistra verso destra per dire "no!", il segno "V" per indicare "vittoria!", agitare la mano aperta per salutare, e tanti altri; questa tipologia di gesti fa parte, inoltre, della comunicazione dei sordomuti.
Esistono danze che hanno addirittura un sistema di segni fisso e molto complesso, danze narrative che non funzionano secondo una modalità che potremmo definire "mimetica" ma che si avvalgono di una vera e propria "scrittura del corpo", è il caso della danza indiana.
I Mudra, (ovvero i gesti che appartengono al linguaggio delle mani), sono fondamentali nella danza classica indiana, permettono di esprimere precisi significati, interi testi letterari e religiosi, solo attraverso i gesti: le mani, gli occhi ed il movimento del corpo si fanno scrittura. Vengono riprodotti nello spazio dei movimenti tratti da un repertorio fisso, a ciascuno di essi è abbinato un significato, in una maniera che oggi agli spettatori appare arbitraria (cfr. Volli, 2001, p. 24)
Esiste un "linguaggio dei segni" anche all’interno del balletto classico, confusamente chiamato "pantomima", sono gesti standard che servono a significare dei concetti come: "lui è morto", "lei è bella", "lui non è ricco".
Naturalmente non tutti i gesti della danza hanno un significato, alcuni sono solo gesti strumentali o evoluzioni motorie del corpo, inevitabili, in quanto questo ha comunque delle caratteriste e dei limiti fisici più mo meno circoscritti.
Differenti sono le danze pure, diffuse in moltissime culture, letteralmente "non vogliono dire nulla", si limitano a mettere in mostra il corpo sensuale e flessibile entro certi limiti.
In questo caso non è la danza a presentare il corpo ma il corpo a presentarsi nella danza; lo spettatore non si concentra sulla narrazione, che è assente, ma sul virtuosismo del corpo, raggiungendo tramite l’osservazione uno stato di euforia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

FLAMENCO tra danza pura e danza rappresentativa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Compagno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Marco Carapezza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

semiotica
linguaggio del corpo
flamenco
danza
compas
puellae gaditanae
semiotica della danza
buleria
baile
tablao

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi