Skip to content

La leadership collegiale: analisi della letteratura ed evidenze empiriche nelle medie e grandi aziende familiari italiane

Benefici e limiti della leadership collegiale

Secondo molteplici punti di vista la ricerca sulla leadership collegiale è ancora nella sua fase embrionale, ma sono comunque emersi benefici e limiti dai pochi studi che sono stati fino a ora intrapresi nell'ambito aziendale. Forse il vantaggio più comunemente citato riguarda le sinergie e le economie di esperienza che è possibile raggiungere attraverso un modello di leadership condiviso. In questo contesto, il vecchio adagio che "due teste sono meglio di una" sembra opportuno. I co-leader possono utilizzare i loro punti di forza, e le aziende possono beneficiare della diversità di pensiero nel processo decisionale. Bligh et al. (2006) affermano che "i membri del team possono assumere gli incarichi di vertice per i quali sono più adatti o sono più motivati a compiere".
Contribuiscono a rendere interessante il modello in questione i livelli di stress ridotti per gli AD che, con un sistema di leadership collegiale, non subiscono la pressione eccessiva derivante dalla responsabilità di ogni singola decisione strategica per l'azienda (Pearce, 2007). Un ulteriore vantaggio derivante dall'adozione di modelli di governo collegiale si manifesta nella capacità del team di sviluppare forme d'interazione decentrate, svolgere compiti complessi attraverso l'assegnazione di specifiche responsabilità, e fornire reciproco sostegno e sviluppo delle competenze (Wood, 2005). Infine, Ensley et al. (2006) hanno suggerito che la "leadership condivisa sembra essere particolarmente importante per lo sviluppo e la crescita di nuove imprese".
Nonostante i vantaggi evidenziati, non bisogna trascurare i limiti intrinseci della leadership collegiale. In primo luogo, si sono osservati, all'interno delle organizzazioni, fenomeni di resistenza all'adozione del modello che possono renderne estremamente difficile l'attuazione. La diffidenza verso il modello collegiale può nascere tanto nella dirigenza quanto negli altri dipendenti. Come osservato da O'Toole et al. (2002) la resistenza deriva "da migliaia di anni di condizionamento culturale e affrontando questo cambiamento si va a scontrarsi con un mito quasi universale: nella mente popolare, la leadership è sempre singolare".
Un altro problema riguarda l'incremento della complessità dei processi decisionali. Dal momento che, talvolta, è più difficile per un gruppo di Amministratori Delegati raggiungere il consenso, le decisioni possono richiedere tempo e lunghi processi di mediazione tra le parti. Questo elemento può trasformarsi, in particolar modo all'interno di un ambiente competitivo dinamico come quello contingente, in un potenziale elemento di debolezza interna dell'azienda che non riesce a reagire con sufficiente velocità ai cambiamenti dettati dall'esterno. Jackson (2000) ha posto l'accento come anche l'atteggiamento poco disponibile, gli scontri interni e gli obiettivi di carriera individuali siano potenziali ostacoli molto seri all'adozione di un modello collegiale. I vantaggi della leadership collegiale vengono meno quando le priorità organizzative dell'azienda sono percepite in maniera divergente tra i membri della squadra (Miles & Watkins, 2007) e nascono differenze inconciliabili che ostacolano il processo decisionale e la crescita dell'azienda.
Montemerlo (2008) evidenzia altre conseguenze negative che compromettono il funzionamento e la sopravvivenza stessa dell'azienda nel lungo periodo. Tra i rischi maggiormente diffusi che un'azienda si può trovare a dover gestire è possibile ricordare, tra gli altri, la mancanza di una visione strategica unitaria, che genera un fenomeno di gestione a "comparti stagni" e il moltiplicarsi di direttive contraddittorie da parte del management, l'ambiguità organizzativa e comportamenti opportunistici. Infine, quando le logiche di tipo familiare prevalgono su quelle aziendali, si possono venire a creare team di vertice formati da giovani non ancora completamente formati o non adatti al ruolo di capo azienda: in questo caso i vertici collegiali diventano più simili a "somme di responsabili di funzione".

Questo brano è tratto dalla tesi:

La leadership collegiale: analisi della letteratura ed evidenze empiriche nelle medie e grandi aziende familiari italiane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Ferloni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Daniela Montemerlo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

leadership
bocconi
family business
aziende familiari
leadership collegiale
coleadership
co-ceo
aub
aidaf

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi