Skip to content

La Sardegna: terra di cavalli per l'esercito

L’Anglo-arabo sardo

L’allevamento del cavallo Anglo-arabo in Italia è particolarmente sviluppato in Sardegna, dove nascono l’85/90% dei cavalli Anglo-arabi italiani e dove questa razza è stata creata e migliorata, sviluppandosi nel corso di oltre cento anni di selezione.
Nel 1874 venne istituito in Ozieri di Regio Deposito Stalloni per garantire il servizio della riproduzione equina per i reparti di cavalleria dell’Esercito. Per ottenere un soggetto adatto a questo servizio si incrociava la fattrice indigena con stalloni orientali come lo straordinario Osmanié, e, dal 1883, con stalloni Anglo-arabi francesi.
Nel 1915, il capitano Grattarola, direttore del Deposito stalloni, allo scopo di produrre un cavallo standard adatto alla cavalleria, mise al bando il riproduttore Purosangue inglese e imponendo Purosangue orientale da accoppiare con le 600 migliori fattrici allora selezionate in Sardegna. Fra questi stalloni si distinsero come capirazza” Abbajan Sciarragh, Talata u Kamsin ed Etnen u Kamsin.
Nel 1921, si inaugurò il primo ippodromo ufficiale di Chilivani, vicino a Ozieri, che ebbe un successo immediato e attirò folle di spettatori, alla ricerca della velocità nelle corse al galoppo. Gli allevatori reclamarono la riammissione dello stallone Purosangue inglese che avvenne nel 1937, con Rigogolo, figlio di Havresac II.
Nel 1967 il consiglio di amministrazione adottò la denominazione di origine del cavallo “Anglo-arabo sardo” e nel 1969 con legge regionale n°27 del 29 maggio venne adottato lo statuto dell’Istituto incremento ippico, che prese i compiti dell’antico Deposito stalloni del regno.
A partire dagli anni ’60, il cavallo Anglo-arabo sardo ha conquistato una invidiabile leadership, che ha raggiunto il massimo livello con Rohan Lechereo, medaglia d’oro a squadre e argento individuale nel completo di equitazione alle Olimpiadi di Mosca. Negli anni ’70 e ’80 due stalloni Anglo-arabi francesi come Fox Trott (da Florealys e Fera) e Clavelito (da Fontenoi e Jolie Claire) hanno migliorato la produzione portando il cavallo sardo ai vertici di tutte le competizioni sportive d’Italia. Recentemente si è affermato Piradin (da Faritchou e Hamada) possente stallone Anglo-arabo francese che ha prodotto numerosi campioni come Quirky Mare, Quadrio e Trés Jolì. E poi Zinsalabin, vincitore del campionato italiano dei sei anni nel 2001 e selezionato per i Campionati del Mondo di Lanaken, Aspid, vincitore del master del cavallo italiano dei 5 anni a Verona. Altri eccellenti prodotti sono stati S’Archittu, un figlio di Fox Trott, oggi stallone, campione dei cinque e sei anni e ottavo a Lanaken e Ulabai, campione italiano dei cinque anni e quarta ai Campionati del Mondo di Lanaken. Soprattutto nel completo di equitazione si distinguono i cavalli Anglo-arabi sardi. Seneca, campione italiano di completo nel 1997, Bella Linda e Villeneuve, campioni italiani di completo del cavallo italiano di 4 anni nel 2000 e 2001.
Il cavallo Anglo-arabo sardo si esprime anche nelle corse al galoppo e in siepi. Grazie alla passione degli allevatori sardi si produce un soggetto selezionato che primeggia negli ippodromi sardi e in quelli nazionali. Da oltre 15 anni si confronta con successo anche a livello internazionale e può vantare la vittoria di Ostenda nel Grand Prix des Pouliches a Tarbes nel 1990 e quella di Vituliana e Vidoc nel 1997 nello stesso Grand Pric e nel Prix du Ministère.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Sardegna: terra di cavalli per l'esercito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Scarpati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giuseppe Bracco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sardegna
esercito
equini
cavalli
stallone
incremento ippico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi