Skip to content

Social Media Marketing: caratteri, tendenze ed esperienze d'impresa

Corporate brand building e utilizzi emergenti dei Social Media

Negli odierni scenari competitivi, sotto la pressione crescente della globalizzazione e dell’innovazione digitale, le imprese cercano sempre di più di porsi quali interlocutori unitari, reattivi e responsabili nei confronti dei diversi pubblici rilevanti affermando la propria immagine complessiva e, nel tempo, la reputazione. In altri termini, esse investono sempre più nella costruzione di un forte Corporate brand (marca-impresa) quale strumento strategico in grado di divenire baricentro di relazioni durature e di valore. Il Corporate brand è un importante asset intangibile e può essere considerato come una sorta di interfaccia comunicativa tra l’organizzazione e gli stakeholder (dipendenti, clienti, fornitori, partner, istituzioni, ecc.), ovvero i gruppi di soggetti che possono influire sul (o essere influenzati dal) raggiungimento delle finalità d’impresa (Freeman, 1984). Attualmente il contesto comunicativo che, più di ogni altro, offre alle imprese le maggiori potenzialità in termini di apertura e interattività nei confronti dei diversi pubblici sembra essere rappresentato dal Web 2.0 e dagli strumenti che lo caratterizzano, vale a dire i Social Media (d’ora in poi “Sm”).
Alla luce della suddetta definizione, la filosofia di fondo della costruzione di un Corporate brand dovrebbe essere riconducibile ad una vera e propria “alleanza” che verrebbe a stringersi tra l’organizzazione e i pubblici rilevanti (Balmer e Greyser, 2003). Tale alleanza prevede, idealmente, diverse fasi. Innanzitutto il patto deve essere “impostato”, e ciò avviene per mano del senior management sulla base della cultura e della vision dell’impresa (corporate identity). In secondo luogo, l’accordo viene “professato” attraverso i molteplici strumenti, mezzi e veicoli della cosiddetta total corporate communication, che comprende l’insieme dei flussi di comunicazione d’impresa pianificati/controllati e non (come ad es. il passaparola online). L’alleanza viene poi “vissuta” in molti modi: l’esperienza del Corporate brand (d’ora in poi Cb) si sviluppa infatti attraverso la fruizione, da parte del consumatore, dell’offerta dell’impresa, ma anche tramite il comportamento dell’azienda e del suo staff (responsabilità diffusa). In relazione alla costruzione del Corporate Brand, Hatch e Schultz (1997, 2001 e 2003) propongono uno strumento manageriale per far sì che l’accordo vada a buon fine, ossia per un efficace processo di corporate brand building: l’analisi dei gap tra tre elementi strategici connessi alla corporate identity e interdipendenti, ovvero la vision, la cultura e l’immagine. Il gap vision-cultura si verifica quando il senior management indirizza l’impresa verso direzioni che i dipendenti non comprendono o non sostengono in quanto avvertite come estranee. I manager dovrebbero, in tal caso, condurre un lavoro di auto-analisi al fine di verificare se l’impresa mette in pratica i valori che comunica e promuove; se la vision ispira effettivamente le differenti sub-culture e, infine, se vision e cultura sono differenziati rispetto ai competitor. Il gap immagine-cultura è, invece, un disallineamento tra cultura organizzativa e corporate image che genera confusione negli interlocutori esterni dell’impresa la cui immagine risulta, quindi, poco credibile. Occorre, dunque, analizzare anzitutto le immagini dell’impresa sviluppate dagli outsider e le modalità di interazione con essi. Il gap immagine-vision, infine, è un disallineamento fatale in quanto determina l’inefficacia dell’azione strategica. E’ necessario fare chiarezza sull’identità degli stakeholder e sulle loro aspettative, ma anche sulla modalità di comunicazione posta in essere con (e tra) gli stessi. Una volta osservato tale criterio, e ricordando le diverse categorie di Social Media di cui al Paragrafo 2.1 (ossia social network, blog, corporate blog, content on-demand, content community, mondi virtuali e forum), va detto innanzitutto che l’impresa può valorizzare le caratteristiche distintive dei Sm internamente (ad es., per il knowledge management, la collaborazione tra dipendenti), nelle relazioni con il mercato finale (per il miglioramento del customer service, la conquista di nuovi clienti, la co-creazione di nuovi prodotti, il coinvolgimento con la marca, l’interazione tra clienti) e in quelle con partner, fornitori e altri stakeholder (per accrescere la fiducia verso l’impresa, migliorare l’integrazione con i fornitori, ricorrere a competenze esterne, ridurre i costi di transazione) (Bughin et al., 2008). Ai fini del brand-building esistono almeno tre vie principali legate ai Social Media, ossia utilizzare Social Media già esistenti per le pubbliche relazioni informando i nuovi opinion leader online (ad es. blogger) su prodotti, servizi e novità; oppure ascoltare attraverso essi la voce degli stakeholder nelle discussioni che hanno ad oggetto argomenti legati all’impresa; infine avviare direttamente piattaforme interattive, alimentandole con il contributo di dipendenti e management, quali strumenti innovativi per informare, intrattenere e rafforzare relazioni, immagine e reputazione di marca. Aldilà della strada che l’impresa decide di intraprendere, è però fondamentale acquisire consapevolezza delle potenzialità dei Sm come strumenti di brand-building, potenzialità che derivano dalle caratteristiche peculiari che essi presentano. In tal senso, stanno emergendo nuovi orientamenti per la comunicazione del Corporate-brand tra loro correlati, ovvero l’interattività e l’apertura. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Social Media Marketing: caratteri, tendenze ed esperienze d'impresa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vasco Loreti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Andrea Runfola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi